_mini_6c3 Fabiola Gianotti.jpgDonne di Scienza: Fabiola Gianotti
Prima donna, il 1° gennaio 2016, ad essere nominata alla carica di direttore del CERN; il 6 novembre 2019, ha ricevuto, per la prima volta in assoluto, il secondo mandato alla carica di direttore generale dello stesso.
(M. Cristina Fighetti, Mieta Pellegrini)
 
_mini_6d1 Jocelyn Bell Burnell.jpgDonne di Scienza: Jocelyn Bell Burnell
Quando si sa dove si vuole arrivare, bisogna poi avere il puntiglio e la forza di volontà di conseguire il traguardo. Queste caratteristiche le possedeva, insieme al senso di ciò che veramente aveva valore per se stessa.
(M. Cristina Fighetti, Mietta Pellegrini )
 
_mini_unnamed.jpgDonne di Scienza: Wangari Maathai
Fu la prima donna, nel 2004, a vincere il premio Nobel per la Pace per il suo contributo alle cause dello sviluppo sostenibile, della democrazia, della pace. Era la donna che piantava alberi, ne fece piantare 51 milioni.
(M. Cristina Fighetti, Mietta Pellegrini )
 
_mini_6c5 Lucia Votano.jpgDonne di Scienza: Lucia Votano
Astrofisica, è stata una protagonista della scoperta dell'oscillazione dei neutrini con l'esperimento OPERA conosciuto dal pubblico per la gaffe di una ministra che parlò di tunnel nel sottosuolo italiano.
(M. Cristina Fighetti, Mietta Pellegrini)
 
_mini_20190628_090438.jpgDonne di Scienza: il XXI Secolo
Le donne confermano la loro affermazione in branche importanti della scienza stimolando l'emulazione femminile.
(M. Cristina Fighetti, Mietta Pellegrini )
 
_mini_6e1 Valentina Tereshkova.jpgDonne di Scienza: Valentina Tereshkova
La donna delle stelle che il 16 giugno 1963 divenne la prima cosmonautica a viaggiare nello spazio, lasciando un'impronta decisiva nel novecento, compì un percorso che la portò dal lavoro di operaia, all'avventura spaziale, alla laurea in ingegneria
(M. Cristina Fighetti, Mietta Pellegrini )
 
_mini_6d7 Vera Cooper Rubin.jpgDonne di Scienza: Vera Cooper Rubin
Ogni notte osservava l'incanto del cielo stellato, non per anelito poetico, bensì per concreto amore per l'astronomia. Chi mai avrebbe detto che quella bambina, avrebbe rivoluzionato il modo in cui l'umanità ha sempre guardato all'Universo.
(M. Cristina Fighetti, Mietta Pellegrini )
 
_mini_Esther_Lab.jpg Donne di Scienza: Esther Zimmer Lederberg
Un altro caso di coppia di scienziati il cui lavoro comune viene riconosciuto e premiato solo all'uomo, il quale si limita, nel discorso per la cerimonia del Nobel, a nominare una sola volta la moglie. Lei che fu pioniera della genetica batterica.
(M. Cristina Fighetti, Mietta Pellegrini)
[1-2-3-4-5-6-7-8-9-10]precedente | successiva