La prima donna.....aviatrice

Amelia Earhart è stata una pioniera del volo femminile, ha compiuto imprese leggendarie ed è scomparsa durante il tentativo di fare il giro del mondo in aereo nel 1937. ()

GettyImages 558626819 EAmelia Earhart nacque in Kansas nel 1897. Affidata ai nonni insieme al fratello, raggiunse i genitori dieci anni dopo nel Minnesota e quindi a Chicago dove frequenta il liceo.Nel 1915 Amelia decide di diventare infermiera e dopo aver conseguito il diploma prende servizio in un ospedale militare in Canada, durante tutta la durata della prima guerra mondiale.
Nel 1920, all'età di 23 anni, si reca insieme col padre a un raduno aeronautico presso il Daugherty Airfield a Long Beach in California e, pagando un dollaro, per la prima volta sale a bordo di un biplano per un giro turistico di dieci minuti sopra Los Angeles. E’ in quell'occasione che decide di imparare a volare. Comincia a frequentare le lezioni di volo e, a un anno di distanza, con l'aiuto della madre, acquista il suo primo biplano, con il quale stabilirà il primo dei suoi record femminili, salendo a un'altitudine di 14.000 piedi.

Nel 1928 è convinta da un amico aviere a tentare la traversata dell'Atlantico. Sarebbe la prima donna a compiere tale impresa. Il 17 giugno, dopo diversi rinvii dovuti alle cattive condizioni del tempo, decollano con Amelia Earhart il pilota Stultz e il co-pilota e meccanico Gordon, a bordo di un Fokker F.VII, chiamato Friendship (amicizia). Sebbene Amelia sia relegata a poche funzioni, quando il team arriva in Galles 21 ore dopo, gli onori sono quasi tutti per lei. Perfino l'allora Presidente degli Stati Uniti si congratula con lei. L'8 aprile 1931, pilotando un autogiro Pitcairn PCA-2, stabilisce il record mondiale di altitudine, raggiungendo i 18 415 piedi (5 613 metri). Il 24 agosto 1932 è la prima donna a traversare in solitaria gli Stati Uniti, ed in seguito attraversa il Pacifico da Oakland a Honolulu.

In seguito per ben tre volte Amelia tenterà la traversata atlantica e il cosiddetto "giro del mondo". Il due luglio 1937 la Earharth ed il secondo pilota decollarono da Lae in Nuova Guinea. Avevano già percorso 35.000 km e per completare il percorso rimanevano 11000 km sopra il Pacifico, ma dopo poco scomparvero per sempre. La loro ultima posizione riportata era sopra le Nukumanu, dove nel 2018 si disse che fossero stati ritrovati i resti della donna.
La notizia fece presto il giro del mondo. Il Presidente Roosevelt autorizzò le ricerche con l'impiego di nove navi e 66 aerei, ma dopo aver scandagliato 250.000 miglia di oceano le ricerche vennero interrotte.
Molte ipotesi si fecero negli anni successivi ma non si scoprì mai nulla di certo sull'accaduto.


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha