Un Master in Partecipazione

Si chiama Master in “Formazione di esperti nella progettazione e gestione di processi partecipativi”. È promosso dalla Regione Toscana e da sette università ed è l’ultimo succoso frutto della legge sulla partecipazione approvata dalla regione nel 2007 con l’obiettivo di promuovere e sostenere il diritto dei cittadini di partecipare all’elaborazione delle politiche pubbliche, regionali e locali.
()

scuolapartecipazioneSi può fare. Se si vuole, si può. I processi partecipativi non sono solo un mito o un trastullo per sociologi, si stanno affermando come strumenti necessari per la buona amministrazione.

All’esperienza toscana della legge regionale sulla partecipazione, qui in Lombardia non è stata certo data molta pubblicità. Ma, in questi anni la 69/2007 della Regione Toscana ha dato ottimi frutti. Dalla sua applicazione ad oggi sono stati finanziati una novantina di processi partecipativi promossi da enti locali, associazioni, scuole e comitati di cittadini nei più svariati campi, in grande percentuale attinenti alle politiche per il governo e la manutenzione del territorio.

E ora, la stessa Regione insieme a sette atenei ha dato vita ad un Master in Partecipazione. Fra gli organizzatori: l’Università degli Studi di Firenze, l’Università degli Studi di Pisa, l’Università degli Studi di Siena, l’Università per stranieri di Siena, l’Istituto Italiano di Scienze Umane, la Scuola Normale Superiore di Pisa, e la Scuola Superiore di studi universitari e di perfezionamento S. Anna di Pisa.
L’idea di fondo è di trasmettere competenze per la progettazione e organizzazione di processi ed eventi partecipativi capaci di ampliare il coinvolgimento dei cittadini sulle scelte delle pubbliche amministrazioni e di instaurare adeguate relazioni con i diversi livelli delle istituzioni locali.
L’approccio è decisamente fra i più seri e strutturati. Oltre ai diversi moduli con approccio più “accademico”, il Master prevede anche attività di stage con osservazioni dirette e valutazione dei processi partecipativi che si svolgono in Toscana sulla base della legge 69/2007 o su iniziativa autonoma degli enti locali.

Il prossimo modulo, dal titolo “la progettazione partecipata del territorio e del paesaggio”, avrà inizio in Marzo ed è coordinato dal prof. Alberto Magnaghi.
Fra i docenti anche sociologi milanesi e cattedratici del Politecnico di Milano.



Per maggiori informazioni cliccate qui


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha