Il Manifesto della comunicazione non ostile - 1

Pubblichiamo il primo di due articoli scritti per non vivere avvolti in una nuvola tossica di finta comunicazion. ()

stiliParole, parole, parole. Ma quante di queste corrispondono a un aperto confronto di idee? Sulla rete spesso vogliamo vedere riflesse le nostre visioni del mondo, proprio come Narciso guardava la propria immagine riflessa nello stagno. Spesso le parole che circolano in Rete sono urlate per iscritto e, anziché disperdersi nel vento, istigano le persone a scrivere nuove parole poco meditate. Il problema della qualità della comunicazione on-line è noto.
Ma in rete si trovano anche gli antidoti: l’associazione no-profit Parole O_Stili è nata nel 2016 con l’obiettivo di responsabilizzare ed educare gli utenti della Rete a scegliere forme di comunicazione non ostile. L’associazione promuove i valori espressi nel “Manifesto” che riportiamo qui per intero. Dieci idee, non dogmi, che aprono ad altrettante questioni filosofiche.

I dieci prinicipi di stile del Manifesto.

1. Virtuale è reale
Dico o scrivo in rete solo cose che ho il coraggio di dire di persona

2. Si è ciò che si comunica
Mi prendo tutto il tempo necessario a esprimere al meglio quel che penso.

3. Le parole danno forma al pensiero
Mi prendo tutto il tempo necessario a esprimere al meglio quel che penso.

4. Prima di parlare bisogna ascoltare
Nessuno ha sempre ragione, neanche io. Asscolto con onestà e apertura.

5. Le parole sono un ponte
Scelgo le parole per comprendere, farmi capire, avvicinarmi agli altri.

6.Le parole hanno conseguenze
So che ogni mia parola può avere conseguenze, piccole o grandi.

7. Condividere è responsabilità
Condivido testi e immagini solo dopo averli letti, valutati, compresi.

8. Le idee si possono discutere. Le persone si devono rispettare
Non trasformo chi sostiene opinioni che non condivido in un nemico da annientare.

9. Gli insulti non sono argomenti
Non accetto insulti e aggressività, nemmeno a favore della mia tesi.

10. Anche il silenzio comunica.
Quando la scelta migliore è tacere, taccio.

Sul sito si trovano versioni del Manifesto declinate per la politica, l’azienda, lo sport e la scienza. La risorsa più importante però sono forse le proposte per la didattica che rivelano il reale desiderio di incidere sul futuro: 200 schede di attività pensate nel dettaglio da chi conosce la realtà scolastica e il mondo del web, oltre che proposte di formazione per gli insegnanti e le aziende.
Per caso ho notato che alcuni di questi punti sono traducibili con dei proverbi famosi e allora per concludere questo articolo con un gioco linguistico, seguendo l’esempio di Raymond Queneau nel suo “Esercizi di stile” ecco una rivisitazione semiseria del Manifesto.

1 - Chi semina vento raccoglie tempesta

2 – Chi lo dice lo sa di essere

3 – La gatta frettolosa fece i figli ciechi

4 – Dio ha fatto l’uomo con due orecchie e una bocca

5 – Parla come mangi

6 – Chi offende se la scorda e chi è offeso se la ricorda

7 - Se fischia l'orecchia mancina, dice male la vicina

8 – Si dice il peccato, non il peccatore

9 – Chi è più alto, è il bersaglio di tutti.

10 – Il silenzio è d’oro

Come si può vedere, internet ha solo amplificato debolezze umane che la saggezza popolare ha ben individuato da tempi antichi.


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha