Bilancio Partecipativo. Cosa c'è di nuovo

E' entrata da settembre nella prima fase operativa la seconda esperienza di bilancio partecipativo del comune di Milano. Basato essenzialmente sul web permetterà di seguire dall'inizio alla fine l'iter delle proposte scelte dai cittadini.   ()

Milano skylineLorenzo Lipparini, una volta divenuto Assessore alla partecipazione, cittadinanza attiva e open data del Comune di Milano, tra le prime cose che ha fatto si è studiato a fondo il tema del bilancio partecipativo, esperienze, progetti e sistemi messi in atto per realizzarlo.

Soprattutto  alla luce della esperienza fatta dal Comune nel 2015/16, non propriamente positiva. 
”A Milano, l’esperienza era già esistente, ma con un sacco di gente arrabbiata per non aver visto alcun risultato”. “Bisogna tenere conto che, una volta decisi sulla base del percorso partecipativo, i progetti da realizzare non hanno un iter prioritario rispetto alle altre opere pubbliche” ha dichiarato Lipparini. “La prima cosa da fare era comunque dare ai cittadini visibilità sullo stato di avanzamento dei progetti votati nel bilancio partecipativo 2015/16. E questo è sul sito del comune (vedi qui) già da giugno.

Milano ha scelto di aderire al progetto pilota coordinato da EMPATIA, un team costituito da diversi enti e istituti universitari europei per lo sviluppo di piattaforme da utilizzare in particolare nei processi di bilancio partecipativo, finanziato con ingenti fondi europei. Il sito su cui viene gestito il bilancio partecipativo è infatti quello proposto da EMPATIA, che ha come capofila l’Università di Coimbra e l’Università Statale di Milano come partner responsabile italiano.
Ma non basta. Il nuovo Bilancio Partecipativo (BP) in versione Lipparini ha una serie di differenze rispetto alla precedente edizione che sono bene illustrate sul sito (vedi Cosa c’è di nuovo): forse la più importante è che i cittadini non si limitano ad esprimere bisogni ed esigenze, ma avanzano proposte e possono supportare quelle fatte da altri. Il budget invece è dimezzato: 4,5 milioni di euro pari a circa 500.000 euro per ogni Municipio, da destinare ad opere pubbliche. 

Ogni Municipio identifica dei temi privilegiati: i progetti che cadono in tale ambito godono di un bonus del 10% in più dei voti. Un altro bonus del 10% (sommabile al precedente) è per i progetti  “coerenti con i principi della accessibilità urbana”. Due osservazioni vanno fatte. La prima, manca sul sito un’area di discussione dove, ad esempio, le persone possano scambiarsi notizie su come sono andati gli incontri, o su prime ipotesi per una proposta da formulare. La seconda, il "listino prezzi" messo online per permettere ai cittadini di farsi una idea indicativa dei costi delle varie opere pubbliche, elaborato sulla base del prezziario ufficiale del Comune di Milano, è uno strumento molto utile per chi vuol formulare proposte, ma è visibile solo previa autenticazione.

Attualmente sul sito ci sono 30 proposte, di cui due per ll Municipio 3, “e altre ne aspettiamo nelle prossime settimane” dice l’assessore Lipparini, che conta molto sugli incontri sul territorio. Il Comune, i Municipi e singoli cittadini hanno infatti organizzato eventi  per favorire lo scambio di idee sui progetti da portare avanti. Il calendario di questi eventi è disponibile sul sito del Bilancio Partecipativo (sezione Eventi). In zona 3 ce ne sono già stati 6 (abbiamo pubblicato le date su un’altra pagina di z3xmi.it). 

Questa prima fase di raccolta termina a fine novembre. Le proposte che avranno ottenuto i maggiori consensi verranno rielaborate, tra dicembre e febbraio, per diventare  progetti eseguibili da mandare al voto nella fase finale, nel marzo 2018.

Tags:
partecipazione

Articoli o termini correlati

Hai una buona idea per il tuo Municipio? (Municipalita)
incontro con l'assessore Lipparini in Municipio 3. Presentato il Bilancio Partecipativo 2017-18 (Il punto CdZ)
Dall'idea alla città (Municipalita)
Primo atto del Bilancio Partecipativo 2017 (Municipalita)
Voce del Verbo Partecipare (A scuola di partecipazione)
“Conto, partecipo, scelgo” A che punto è il progetto di bilancio partecipativo ? (Municipalita)
Bilancio partecipativo 2015, a che punto siamo? (Calendario)

Commenta

Re: Bilancio Partecipativo. Cosa c'è di nuovo
26/10/2017 Michele Silva
Caro Giuseppe, sono Michele Silva e lavoro nello staff del Bilancio Partecipativo.

Ti ringraziamo davvero per l'articolo che hai dedicato al progetto ma volevamo fare alcune precisazioni!

Per i cittadini che vogliano interagire a proposito del BP e soprattutto discutere di possibili proposte da realizzare insieme è disponibile un forum alla pagina Collaborazione (sotto a Strumenti, nel menu).

Inoltre la pagina Prezzi, è visibile proprio da tutti, anche dai non registrati.

Grazie per l'interesse e buona partecipazione!


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha