I nuovi decreti Monti mettono in grave difficoltà ogni ipotesi di decentramento

Il decreto Monti prevede l'abolizione di qualsiasi forma di indennità o gettone di presenza per Presidenti e consiglieri
()

"Se sarà confermato che il decreto Monti abolisce qualsiasi forma di indennità o gettone di presenza per i consiglieri e i Presidenti di Circoscrizione, verrà messo in grave difficoltà il progetto di rafforzamento dei poteri dei Consigli di Zona previsto dal programma di Pisapia. E ogni ipotesi di decentramento, in ogni città, si troverà in grandissima difficoltà". Lo afferma l'assessore alla Municipalità e al Decentramento del Comune di Milano Daniela Benelli.


"L'attribuzione alle Zone di competenze e attività operative al servizio dei cittadini - continua Benelli - non può basarsi unicamente sul volontariato. Già oggi l'impegno dei Presidenti di Zona è a tempo pieno, e anche i consiglieri sono coinvolti in numerose attività decisionali e di rapporto con i cittadini e le loro esigenze. Tutto ciò diventerà ancora più impegnativo quando completeremo il trasferimento di poteri e uffici comunali alle Zone. Parliamo di gettoni di presenza, per i consiglieri, di 60 euro; e di emolumenti, per i Presidenti di Zona, di 3.500 euro lordi se in aspettativa, altrimenti si scende a 1.500 euro lordi. È fondamentale che i Consigli di Zona siano dotati di risorse e mezzi per poter funzionare se non vogliamo che solo chi è in pensione o è benestante si possa occupare della cosa pubblica", conclude Benelli.



Tags:
Daniela Benelli, gettoni presenza

Commenta

Re: I nuovi decreti Monti mettono in grave difficoltà ogni ipotesi di decentramento
08/12/2011 Michele Sacerdoti
Non capisco.

Lo statuto del Comune al Titolo VII parla diffusamente dei consigli di zona (art. 92-100)

http://www.comune.milano.it/portale/wps/portal/CDM?WCM_GLOBAL_CONTEXT=/wps/wcm/connect/contentlibrary/In+Comune/In+Comune/Normativa/&sizeStyle=defautSize&colorStyle=defautColor



Non capisco la proposta di Licci all’assessore Benelli.

Peraltro il segretario generale dell’Anci ha dichiarato che il decreto Monti non ha effetti sui consigli di zona .

A presto



Michele Sacerdoti

Consigliere di zona 3


Re: I nuovi decreti Monti mettono in grave difficoltà ogni ipotesi di decentramento
08/12/2011 Michele Sacerdoti


Re: I nuovi decreti Monti mettono in grave difficoltà ogni ipotesi di decentramento
08/12/2011 Nicola Licci
Ieri, nelle pause del Don Giovanni, discutevo con Daniela Benelli, assessora con delega al decentramento e con Lucia De Cesaris -assessora- , le conseguenze dell'art. 22 del decreto / manovra Monti per la parte che riguarda il decentramento amministrativo.

Senza farla lunga qui, partendo dall'assunto espresso da Monti ("fatte salve le garanzie costituzionali.." e non poteva dire diversamente) sulla onorificabilità delle cariche elettive non previste dalla Costituzione...

Ma, dopo averla consigliata di consultarsi con esimi costituzionalisti presenti in comune e non (da Onida a Marilisa D'Amico ad Angiolini eccetera), ho consigliato di centrare l'attenzione SOLO ED ESCLUSIVAMENTE sull'art. 117 e successivi della CARTA Costituzionale.

Infatti, come spiegava Onida agli studenti , il COMUNE ( a prescindere dal fatto che sia Milano oppure Canicattì) ha il ruolo di organismo costituzionalmente garantito e riconosciuto. MA... cosa lo rende tale secondo la nuova norma costituzionale come modificata dalla riforma del titolo 5^ (ricordate ???)
La risposta è UNA : LO STATUTO...

Secondo le norme costituzionali, fino a che un comune non si da uno Statuto è un organo sottoposto alla direzione degli organismi superiori (dal parlamento al consiglio regionale) che emettono norme su materie personali dell'ente comunali... Esempio, le tasse comunali.

Nell'istante in cui approva il suo statuto, lo stesso, assume ruolo di norma costituzionalmente protetta...per questo Monti non ha potuto far altro che richiamarsi alla strada maestra tracciata dalla Costituzione.

E' questo il grimaldello che consente ai Consigli di Zona di sopravvivere con un minimo di autonomia ed efficienza.

Mi spiego, se i cdz - nello STATUTO- sono compresi, come ARTICOLAZIONE (senza altre definizioni che la nostra fantasia ci servirebbe ma che confonderebbero la strada verso l'obiettivo) del comune, gli stessi sono garantiti da una norma di carattere costituzionale , in via indiretta, che è lo statuto del comune.

Qui c'è lo spazio per la politica e per l'azione dei consigli di zona che devono, necessariamente, stimolare il consiglio comunale affinchè, attraverso una modifica allo Statuto del comune di Milano, attribuisca ai CDZ il ruolo di organismo del Comune.

A quel punto, ma solo a quel punto, si aprirebeb la strada per le successive modifiche in senzo della costituzione dei municipi dell'area metropolitana oppure no, ma, comunque, i CDZ sarebbero garantiti anche e sopratutto, dal punto di vista finanziario .

Vorrà Pisapia e la maggioranza impegnarsi a percorrere la strada indicata dalla costituzione per salvaguardare l'esistenza dei consigli di zona?

La seconda scelta è che il comune decida, autonomamente, nel suo bilancio, di attribuire una qualsivoglia forma di rimborso ai CDZ , per costi di funzionamento o altro.

La strada è solo una, aumentare le prerogative dei CDZ e dare loro legittimità organizzativa e autonomia legale.... quindi trasferimenti veri di funzioni dall'ente locale alle sue articolazioni organizzative atte alla gestione del territorio.

Sappiamo che comunque, trattandosi di trasferimento di potere, questo non fa felici chi si trova a dover dimagrire.

Ma..... altra strada non ne vedo.

Alla fine l'assessora mi ha detto che avrebbe approfondito questo punto di vista perché darebbe autonomia e valore all'esperimento di questa giunta...

Inutile aggiungere che serve tutto l'impegno dei consigli di zona per accompagnare il consiglio comunale in questa ipotesi.

Buona giornata
Nicola Licci


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha