Università e Territorio. Proposte Giugno e Luglio 2021

È in arrivo la sesta edizione di Polimifest, sempre ricco di spettacoli, film, concerti; quattro visite guidate per conoscere il Politecnico dal passato al futuro; una mostra sui lavori progettuali e didattici dell’architetto e docente Vincenza Lima dal suggestivo, promettente titolo “Desideri.Cose.Memorie”; gli studenti del corso di Storia e critica dell’Arte della Statale raccontano i fenomeni grafici (insegne, scritte, arredi, slogan…) e la loro relazione con la città “per riconquistare familiarità con gli spazi urbani”. ()

Polimifest 2021

POLIMIFEST 2021 – sesta edizione

Ritorna anche questa estate, per la sua sesta edizione, Polimifest, il ricco palinsesto di incontri, spettacoli, cineforum organizzato dal Politecnico di Milano e aperto a tutti.

A giugno si apriranno i giardini del Campus Leonardo e quest’anno, per la prima volta si aprirà alla cittadinanza anche il Centro Sportivo Giuriati, per l’occasione trasformato in arena all’aperto per la proiezione di film sui temi sportivi con la presentazione di docenti esperti.

Gli eventi in presenza sono pensati nel rispetto delle norme di sicurezza vigenti.

Occorre prenotazione

Polimifest @ Giardini Campus Leonardo

Giovedì 24 giugno ore 21.00
Concerto
LE MIE CANZONI ALTRUI
Con Neri Marcorè

Martedì 1 luglio ore 21.00
Spettacolo di cabaret
SMARTUORC
Con e di Alessandra Faiella

Giovedì 8 luglio ore 21.30
Proiezione film
L’INCREDIBILE STORIA DELL’ISOLA DELLE ROSE (2020)
Regia di Sydney Sibillia
Con l’ introduzione di Maria Bianca Colosimo, docente di Tecnologie e Sistemi di lavorazione al Dipartimento di Meccanica

Polimifest @ Centro Sportivo Giuriati

Martedì 13 luglio ore 21.30
Proiezione film
IL CAMPIONE (2019)
Regia di Leonardo D’Agostini
Con l’introduzione del regista Leonardo D’Agostini e della sceneggiatrice Antonella Lattanzi presentati da Roberto Dulio, docente di Storia dell’Architettura

Mercoledì 21 luglio ore 21.30
Proiezione film
INVICTUS- L’INVINCIBILE (2009)
Regia di Clint Eastwood
Con l’introduzione di Donatella Sciuto, Prorettore Vicario

https://www.eventi.polimi.it/rassegna-evento/polimifest-2021-sesta-edizione/

***********

Scoprendo MADE IN POLIMI

Vi invitiamo a partecipare alle visite guidate a MADE IN POLIMI, uno spazio espositivo in continua evoluzione che racconta passato, presente e futuro del Politecnico di Milano attraverso le storie che hanno visto protagonisti, nel corso del tempo, ingegneri, architetti e designer dell’Ateneo.

Visita guidata di martedì 15 giugno 2021, ore 12,30-13,15

Vista guidata di giovedì 17 giugno 2021, ore 17,30-18,15

Visita guidata giovedì 24 giugno 2021, ore 17,30-18,15

Visita guidata martedì 29 giugno 2021, ore 12,30-13,15

Per partecipare è necessario iscriversi.

ORGANIZZATORE Politecnico di Milano
LUOGO Politecnico di Milano, Edificio 1, Piano Terra , Piazza Leonardo da Vinci, 32

https://www.eventi.polimi.it/events/scoprendo-made-in-polimi/

https://www.eventi.polimi.it/events/scoprendo-made-in-polimi-17-giugno

https://www.eventi.polimi.it/events/scoprendo-made-in-polimi-3/

https://www.eventi.polimi.it/events/scoprendo-made-in-polimi-4/

******************

Mostra Desideri. Cose. Memorie.

Progetti di architettura dal 1981 al 2021 di Vincenza Lima e Cecchi&Lima architetti associati

La mostra Desideri.Cose.Memorie. vuole ricordare la professoressa architetto Vincenza Lima mostrando i suoi progetti come socia di Cecchi&Lima architetti associati, gli studi ed i progetti dei suoi laboratori didattici ma anche la sua personalità nei momenti felici, ludici o professionali. Il tutto si presenta come una parziale biografia di un lasso di tempo ricco di mutamenti sia per la nostra disciplina che per le nostre vite.

ORGANIZZATORE Politecnico di Milano
DATE E ORARI Da venerdì 4 giugno 2021 a domenica 4 luglio 2021
LUOGO Politecnico di Milano, Galleria del Progetto, Via Ampère, 2 – Milano

https://www.eventi.polimi.it/events/desideri-cose-memorie/

************************

Caratteri di città: il legame tra grafica e spazio urbano

Dopo “Gli oggetti di casa nostra”, 40 studenti del corso di Produzione artistica e società industriale sono stati coinvolti in un progetto per raccontare l’"alfabeto irregolare" delle nostre città.

Il legame tra grafica e spazio urbano è il tema al centro del progetto “Caratteri di Città” realizzato dagli studenti del corso di Produzione artistica e società industriale, insegnamento del corso di laurea magistrale in Storia e Critica dell’arte, sotto la guida di Paolo Rusconi, docente del dipartimento di Beni Culturali e Ambientali.

Insegne di negozi, cinema e locali notturni, scritte spontanee e slogan sui muri sono stati passati “sotto la lente” degli studenti a cui è stato chiesto – anche con il lancio di un ‘video promo’ - di individuare un’insegna, un’iscrizione una scritta urbana, fotografarla e redigere un breve testo. Ne sono state raccolte di vario tipo e da luoghi e città differenti. “L’idea originaria – spiega Paolo Rusconi è stata quella di dedicare una riflessione allo studio dei fenomeni grafici e di come abbiano avuto e abbiano ancora una intima correlazione con gli spazi urbani. Quest’ultimi, infatti, nella modernità, sono stati un campo di conquista e di occupazione della scrittura che ne ha pervaso strade e piazze. Questa sorta di alfabeto irregolare è il soggetto descritto nelle schede redatte dagli studenti del corso che hanno dato rilievo non solo ad una analisi dettagliata del lettering ma anche a originali brevi racconti di contesto”.

Le insegne fotografate dagli studenti per il progetto “Caratteri di Città”

Un percorso con anche un altro significato che fa da ‘contraltare’ rispetto al progetto in cui erano stati coinvolti gli studenti lo scorso anno, durante il primo lockdown. Allora, infatti, erano stati invitati a partecipare al progetto “Gli oggetti di casa nostra” che consisteva nel raccontare, attraverso dati tecnici e considerazioni personali, un oggetto dello spazio domestico. Quest’anno, invece, il “campo” di studio sono state strade e spazi pubblici con la suggestione, come spiega il prof. Rusconi, di “ritornare a spostarsi, riprendere il tracciato abituale dei movimenti, esercitare la flânerie per riconquistare la familiarità con gli spazi urbani, riavviare i processi di interazione con i luoghi percorsi nella quotidianità, riconoscere, per così dire “i nostri punti topografici”, decifrare la “città-testo”.

Il lavoro che ha visto il contributo di quaranta studenti e la collaborazione con Anonima Impressori di Bologna, uscirà nel prossimo numero di NOTOOTTO , il report periodico digitale sulle attività del Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali (disponibile dalla settima prossima) , grazie all’elaborazione grafica e delle immagini di Valentino Albini.

https://lastatalenews.unimi.it/caratteri-citta-legame-grafica-spazio-urbano



Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha