Università e Territorio – Proposte giugno 2021

Una mostra su Carlo Porta per il bicentenario della sua morte; un seminario sul rapporto uomo-ambiente dal Medioevo alle problematiche contemporanee; per il ciclo Arte&Scienza un incontro con il giornalista e telecronista sportivo Guido Meda; per Incontri con l’autore una conversazione con il docente Vittorio Magnago Lampugnani partendo dal suo libro “Frammenti urbani: i piccoli oggetti che raccontano le città” e altro ancora (2.5.2021). ()

Carlo PortaCarlo Porta: un convegno e una mostra per il bicentenario della morte del poeta di Milano

Un convegno, il 27 e 28 maggio, e una mostra, dall'11 giugno al Castello, sono le iniziative del Comitato guidato dal docente della Statale, Mauro Novelli.

Un convegno scientifico e una mostra per tributare il giusto omaggio a Carlo Porta e restituire a Milano il "suo" poeta. La figura di Carlo Porta, infatti, sarà al centro del convegno del 27 e 28 maggio organizzato dal Comitato Nazionale per le celebrazioni del bicentenario della morte, avvenuta il 5 gennaio 1821, presieduto da Mauro Novelli, docente del dipartimento di Scienze della Mediazione Linguistica e di Studi Interculturali dell’Università Statale di Milano. A seguire, dall’11 giugno al 25 luglio, al "poeta di Milano" per definizione sarà dedicata una mostra allestita nella sala del Tesoro del Castello Sforzesco di Milano.
Le celebrazioni del bicentenario della morte di Porta intendono essere l’occasione per ricordare un poeta a lungo frainteso, "ridotto ad allegra macchietta o cantore di un Milanin perduto", spiegano gli organizzatori. Solo da pochi decenni, infatti, Carlo Porta ha riacquistato il posto che gli compete sullo scaffale dei "gran lombardi", accanto a suoi schietti estimatori come Alessandro Manzoni, Carlo Cattaneo, Carlo Dossi, Delio Tessa, Carlo Emilio Gadda, Giovanni Testori. Porta in effetti non è solo il miglior poeta della tradizione dialettale milanese. È anche il più grande narratore in versi dell’Ottocento italiano: il primo a dar voce al popolo – servi, ciabattini, prostitute – con effetti di sorprendente intensità, che oltrepassano di slancio i territori del comico.
A partire da queste considerazioni, il 27 e 28 maggio esperti e studiosi si confronteranno nel corso del convegno intitolato "On talent inscì foeura de misura" che sarà trasmesso in diretta streaming sulla web tv del Comune di Milano.
Le celebrazioni, però, andranno oltre il convegno: al Castello Sforzesco, dall’11 giugno, apre, infatti, la mostra "El sur Carlo milanès". L’esposizione, curata da Mauro Novelli, propone una scelta di libri, cimeli e documenti portiani, alcuni dei quali esposti per la prima volta: dai ritratti del poeta e dei suoi familiari, al timbro personale di Porta e le sue chiavi di cassiere del Monte Napoleone, da una serie di preziosi autografi provenienti dalla Raccolta Portiana, a volumi ed edizioni illustrate delle opere di Carlo Porta. Sarà, inoltre, possibile ascoltare i versi del poeta, interpretati da Tino Scotti, Franca Valeri, Franco Parenti, Tino Carraro, Dario Fo. Prenotazioni online e informazioni aggiornate sulle modalità di visita su www.milanocastello.it.
https://lastatalenews.unimi.it/carlo-porta-convegno-mostra-per-bicentenario-morte-poeta-milano


Bo.S.Co.: Botanica, Storia, Concetti. La dimensione forestale e boschiva tra storia, scienza, linguistica e istituzioni

Un viaggio nella botanica tra retrospettiva storica e ambiti glotto-scientifico e istituzionale nel webinar, su Teams, organizzato dal dipartimento di Studi storici dell’Università Statale di Milano. Dall’interazione uomo-ambiente nel medioevo alla normativa in materia di tutela e valorizzazione in età contemporanea, dalla lista rossa delle foreste italiane alle politiche di governo nei boschi lombardi di pianura, con interventi di docenti italiani ed europei di diversi ambiti disciplinari.
Dal 03 giugno al 04 giugno 2021 Online su Teams.
Partecipazione libera.

Link di partecipazione al webinar su Teams (Prima giornata)
Link di partecipazione al webinar su Teams (Seconda giornata)

https://lastatalenews.unimi.it/eventi/bosco-botanica-storia-concetti-dimensione-forestale-boschiva-storia-scienza-linguistica


Arte e Scienza – Incontro con Guido Meda

Dal motociclismo all’America’s Cup: la tecnologia cambia lo sport.
Riprendono gli incontri in presenza con un nuovo appuntamento di Arte e Scienza, un ciclo di eventi, giunto alla sua quarta edizione, in cui personaggi del mondo della cultura, della scienza, della moda, dello sport, della politica e dello spettacolo dialogano con docenti del Politecnico di Milano per evidenziare lo stretto legame esistente tra l’arte e la scienza, la creatività e la tecnologia.
Il 9 giugno alle h 18, nella cornice del Centro Sportivo Giuriati appena rinnovato, sarà possibile partecipare all’incontro con il giornalista televisivo Guido Meda che in compagnia del Professor Francesco Braghin racconterà con la sua carica travolgente la sua esperienza di telecronista sportivo, spaziando dalla MotoGP all’America’s Cup di vela, in uno dialogo informale in cui si parlerà di come le nuove tecnologie stanno cambiando lo sport.
Guido Meda, marito, papà, giornalista e conduttore televisivo. Tra i più popolari telecronisti italiani. Da vent’anni racconta le corse in moto. Gli viene riconosciuto di aver sdoganato una narrativa degli eventi sportivi molto libera, diretta, umana ed entusiasmante. Pilota amatoriale di auto e moto, ma anche di aerei e barche, parla quasi sempre e solo di motori. Oggi è vicedirettore di SkySport con delega alla direzione dei canali Formula1 e MotoGP. Per Rizzoli ha scritto il libro “Il miglior tempo” sperando che il miglior tempo sia sempre quello che ancora deve arrivare.
Francesco Braghin è docente di Meccanica Applicata alle Macchine al Politecnico di Milano. Autore di circa 250 pubblicazioni scientifiche e responsabile di diversi progetti e contratti di ricerca, la sua attività di ricerca più recente si svolge nel settore della dinamica dei veicoli, sia stradali che ferroviari, e nella meccatronica.
Prenotazione obbligatoria.
Ingresso da Via Celoria, 13 – Milano

ORGANIZZATORE Politecnico di Milano
DATE E ORARI mercoledì 9 giugno 2021 Dalle 18:00
LUOGO Centro Sportivo Giuriati Ingresso da Via Celoria, 13 - 20132 Milano

https://www.eventi.polimi.it/events/arte-e-scienza-incontro-con-guido-meda/


Incontro con l’autore – Vittorio Magnago Lampugnani – online

Proseguono gli appuntamenti di “Incontro con l’autore” all’interno del quale gli autori di romanzi e saggi raccontano agli studenti e ai cittadini le meravigliose forme della scrittura, stimolati anche dalle domande del pubblico.
Il quarto evento della rassegna del 2021 vede come protagonista:
Vittorio Magnago Lampugnani, Professore ordinario di storia del progetto urbano presso il Politecnico federale di Zurigo che, a partire dal suo ultimo libro “Frammenti urbani: i piccoli oggetti che raccontano le città” dialogherà con Marco Biraghi, docente di Storia dell’Architettura al Politecnico di Milano.
Vittorio Magnago Lampugnani è architetto e Storico dell’architettura
Nato a Roma nel 1951, si laurea in architettura all’università di Stoccarda e vi consegue il dottorato nel 1977. Lavora all’IBA di Berlino negli anni Ottanta, insegna a Harvard, dirige Domus e il Museo Tedesco di Architettura a Francoforte. Dal 1994 al 2016 occupa la cattedra di Storia della Progettazione della Città presso il Politecnico di Zurigo. Fonda un proprio studio di Architettura nel 1981 a Milano. Dal 2010 è contitolare della Baukontor di Zurigo assieme a Jens Bohm. Tra le sue architetture più importanti vi sono l’edificio per uffici nel Campus della Novartis, di cui è responsabile anche del masterplan, il quartiere residenziale Richti presso Zurigo e l’edificio per uffici e negozi su Schiffbauplatz, sempre a Zurigo. Ha scritto molti libri sulla storia dell’architettura e della città: Frammenti urbani, edito in italiano da Bollati Boringhieri, è il più recente.
L’evento sarà on line ed in italiano.
Se sei interessato a partecipare all’evento compila il presente form.

ORGANIZZATORE Politecnico di Milano
DATE E ORARI mercoledì 16 giugno 2021 Dalle 18:00
Evento Online



Maestri e allievi: Raffaella Crespi (1929-2011) di Giampiero Bosoni

La protagonista di questo incontro, curato da Giampiero Bosoni, docente di Architettura degli Interni e Allestimento, è Raffaella Crespi (1929-2011), laureata in Architettura nel 1955 e in seguito docente di Disegno Industriale al Politecnico di Milano fino al 2001.
L’evento sarà tenuto on line e in italiano.
Se sei interessato a partecipare all’evento compila il presente form.
Il link per guardare l’evento sarà pubblicato il giorno stesso e inviato agli iscritti via mail.

ORGANIZZATORE Politecnico di Milano
DATE E ORARI martedì 29 giugno 2021 Dalle 18:00
Evento Online

https://www.eventi.polimi.it/events/maestri-e-allievi-raffaella-crespi-1929-2011-di-giampiero-bosoni/


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha