Dalla scuola Maroncelli un'occasione per ripensare alla Politica

Ieri, 26 aprile, c'è stato un incontro con gli assessori Limonta e Maran sul futuro della scuola Maroncelli e di Lambrate ()

Maroncelli PT
E' il secondo incontro in un anno! Dopo quello di maggio dell'anno scorso in cui abbiamo cominciato a parlare con l'Amministrazione comunale e municipale dell'idea di fare di Lambrate un laboratorio per la città e dopo l'approvazione in giunta del piano preliminare per la riqualificazione della scuola Maroncelli, abbiamo incontrato gli Assessori Maran e Limonta, assieme al Presidente del Municipio 3, Caterina Antola, al Presidente della commissione Territorio del Municipio, Dario Monzio Compagnoni, e all'Assessore municipale, Antonella Bruzzese, coadiuvati dal Tecnico comunale Giancarlo Tancredi.
Come ViviLambrate abbiamo ricordato l'impegno dell'anno scorso di lavorare su Lambrate in una nuova modalità per creare nuovi percorsi partecipativi nelle decisioni. Uno dei punti centrali per il quartiere è quello della presentazione di un piano di area che guidi le future trasformazioni urbane e che consideri il verde, i servizi sociali, di aggregazione giovanile, sanitari, sportivi e culturali, i problemi di mobilità carrabile e dolce.
Su questo punto l'Assessore Maran ha espresso un giudizio positivo, anche se non si è sbilanciato in tempi e modalità.
A partire però dal progetto di riqualificazione della scuola Maroncelli, abbiamo affrontato i temi realtivi agli spazi di prossimità del quartiere, affinché nelle trasformazioni urbane future, a partire dallo scalo Lambrate, per poi continuare con la scuola e con la Grande Funzione Urbana del Rubattino, siano sempre presenti degli spazi per il quartiere.
Che tipo di spazi?
A questa domanda deve rispondere il quartiere stesso, per cui ci siamo presi tutti l'impegno ad iniziare un percorso partecipato, in cui coinvolgere l'Assessore alla partecipazione Lipparini e da iniziare al più presto.
Quali saranno i tempi?
L'inzio dei lavori si presume non possa iniziare prima di un anno e mezzo-due per un tempo altrettanto lungo, per cui la scuola, ci si augura, potrebbe entrare in funzione nell'anno scolastico 2024-2025 , più probabilmente, il successivo.
Il primo atto fondamentale è la fine dei lavori al Vespucci in modo che i locali occupati dall'istituto alberghiero nella Maroncelli vengano lasciati liberi.
Però tra questo momento, che avverrà presumibilmente a settembre di quest'anno, e l'inizio dei lavori trascorrerà almeno un anno ed il rischio che la scuola abbandonata possa essere occupata è reale, per cui gli assesssori stessi hanno chiesto un progetto per la fruizione da subito degli spazi in maniera tale che siano scongiurato tale pericolo e lo spazio venga presidiato.
Abbiamo chiesto di lavorare innanzitutto sui locali staccati dalla scuola nel cortile (le ex cucine del Vespucci) e, se possibile, sulla palestra.
Comunque la scuola Maroncelli non sarà l'unica scuola che nascerà nel quartiere . Al posto del vecchio palazzo denominato T9 (l'ex mensa dell'Innocenti), la GFU (Grande Funzione Urbana) del Rubattino prevede infatti la costruzione di un nuovo edificio scolastico.
Questa è un'occasione da non perdere per il quartiere, non tanto per gli spazi in se, ma quanto per l'opportunità di iniziare un percorso nuovo che sia da esempio per l'intera città!


Commenta

Re: Dalla scuola Maroncelli un'occasione per ripensare alla Politica
01/05/2021 Adriana Berra
Apprendo da questo articolo che la riqualificazione della scuola Maroncelli inizierà non prima di un anno e mezzo e terminerà, se tutto andrà bene, per l'anno scolastico 2025-26. Ma con che faccia gli assessori Maran e Limonta a metà marzo hanno annunciato questo progetto come se fosse risolutivo per il quartiere Rubattino che aspetta le scuole da oltre 15 anni?!
Noi mamme del Rubattino abbiamo gioito e sperato. Poi leggiamo queste notizie, e ci sentiamo prese in giro.
È semplicemente vergognoso che la risposta al quartiere che chiede le scuole siano questi progetti che sanno di promessa pre-elettorale. Mi riferisco anche al "progetto" (ad oggi solo parole, perché non ci sono garanzie a riguardo) di altre scuole nell'edificio T9 a Rubattino.
Io sono madre di due figli, uno del 2001 e uno del 2011. Sono arrivata a Rubattino nel 2003, attirata dal progetto del PRU e dei servizi previsti per i residenti, tra cui scuole, biblioteca, piscina. 18 anni dopo non c'è ancora traccia di questi servizi. Dev'essere per la grande attenzione del PD per le periferie!


Re: Dalla scuola Maroncelli un'occasione per ripensare alla Politica
27/04/2021 Erica Vecchi
Penso che i cittadini e i gruppi che lavorano sul territorio per adesso debbano attivarsi per richiedere l'uso delle ex cucine per il periodo che va da quando i locali saranno completamente liberati a quando inizieranno i lavori di ristrutturazione ; sia per non lasciare l'edificio vuoto sia per rimarcare il bisogno di spazi. Sottolineare l'urgenza di fare un progetto di area e non sui singoli luoghi. Lavoriamo per il futuro della zona !
Ovviamente attivare un processo partecipativo della cittadinanza.
Grazie
Erica Vecchi


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha