Università e Territorio. Proposte Gennaio 2021

Statale e Politecnico impegnati per il Giorno della Memoria con proposte interessanti, per nulla formali o retoriche: comprendono anche un ricordo, con la partecipazione dei suoi famigliari, di Nedo Fiano, uno degli ultimi sopravvissuti ad Auschwitz recentemente scomparso. ** Una mostra dedicata a Philippe Daverio – purtroppo anche lui se ne andato da poco – soprattutto per quanto riguarda le sue attività a Milano dove è stato assessore dal ’93 al ’97. ** Una serie di incontri dal titolo “Il domani di Milano, Il futuro del paese”: il primo, il 28 gennaio, sarà dedicato al problema della sanità del post Covid-19 “La salute tra ricerca, assistenza, solidarietà e innovazione”. ** E altro ancora. ()

Giorno memoria27 gennaio. Le diverse forme della memoria. La Statale per il Giorno della Memoria

La Statale per il giorno della memoria

Un percorso multidisciplinare tra diritto, storia, attualità, psicologia e arte al centro del convegno promosso dal dipartimento di Diritto pubblico italiano e sovranazionale dell'Università Statale di Milano, in occasione della Giornata della Memoria 2021. Il convegno, articolato in due sessioni, si potrà seguire su piattaforma ZOOM. Le specifiche per partecipare saranno inviate all'indirizzo e-mail indicato durante l'iscrizione online.

https://lastatalenews.unimi.it/eventi/27-gennaio-diverse-forme-memoria

La testimonianza instancabile della tragedia della Shoah da parte di Nedo Fiano nell'evento online su ZOOM, che segue il convegno "Le diverse forme della Memoria" e che vedrà la partecipazione del rettore Elio Franzini, di Emanuele Fiano, deputato della Repubblica, di Lamberto Bertolè, presidente del Consiglio Comunale di Milano, e di Nannerel Fiano, costituzionalista. Le specifiche per partecipare saranno inviate all'indirizzo e-mail indicato al momento dell'iscrizione online.

https://lastatalenews.unimi.it/eventi/vita-per-memoria-ricordo-nedo-fiano

*********************

Giornata della Memoria 2021

Giornata della Memoria 2021 – Politecnico di Milano

Per il Memoriale Italiano nel Polo della Memoria a Firenze
Webinar 27 gennaio 2021 ore 9.30

Il Dipartimento SAGAS dell’Università degli Studi di Firenze, la Fondazione Memofonte onlus e il Politecnico di Milano propongono un webinar dedicato al Memoriale Italiano di Auschwitz, opera multimediale, voluta dall’Associazione nazionale ex deportati nel 1979 e inizialmente installata nell’ex campo di sterminio. L’opera, progettata grazie alla collaborazione dello studio BBPR con lo scrittore Primo Levi, il regista Nelo Risi, il pittore Mario Pupino Samonà e il compositore Luigi Nono, nel maggio 2019 ha trovato una nuova casa a Firenze, al Centro Ex3 di Gavinana. Il webinar vuole proseguire il discorso avviato con il primo seminario di studio del 25 maggio 2019 sulle potenzialità pedagogiche e didattiche del riallestimento del Memoriale e, più in generale, sui temi della conservazione della memoria, della sua divulgazione e della valorizzazione delle sue fonti. Questi temi assumono particolare rilevanza nel momento attuale di chiusura dei luoghi della cultura e sollecitano una riflessione su modalità di accesso virtuale ai contenuti e alla loro elaborazione, non meramente in un’ottica emergenziale.
Ripercorrendo gli esiti del primo seminario e gli approfondimenti che hanno trovato spazio nel dossier il Memoriale Italiano di Auschwitz nel Polo della Memoria Fiorentino, in corso di pubblicazione nel prossimo numero del “Bollettino della Società di Studi Fiorentini”, si farà una ricognizione dei materiali, d’archivio e a stampa (testuali, visivi e musicali), che possono essere riconnessi virtualmente o concretamente al Memoriale, per aprire una riflessione su modalità di valorizzazione online (tramite mostre o percorsi virtuali) dei significati del Memoriale.

PROGRAMMA

Indirizzi di saluto:
Federico Bucci, Delegato del Rettore per le Politiche culturali, Politecnico di Milano
Tiziana Serena, Dipartimento di Storia, Archeologia, Geografia, Arte, Spettacolo dell’Università degli Studi di Firenze
Donata Levi, Presidente della Fondazione Memofonte

Introduzione dei lavori:
Matteo Cavalleri, Valeria Galimi, Ferruccio Canali, Sandro Scarrocchia

Interventi:
Maria Chiara Palandri, Paolo Alberto Samonà, Francesco Giomi, Barbara Nicoletti, Mauro Manzoni, Anna Steiner, Chiara Dezzi Bardeschi, Stefano Pizzi, Toni Maraini, Fulvio Cervini

Se sei interessato a partecipare compila la presente form

L’evento sarà trasmesso con l’applicazione Teams di Microsoft.
Il link per partecipare all’evento online sarà pubblicato il giorno prima su questa pagina e inviato via e-mail agli iscritti.

Il webinar PoliMI è coordinato con analoga iniziativa che si svolge al pomeriggio organizzata dalla Scuola di Specializzazione in Beni Storico Artistici dell’Università di Perugia, di cui di fatto rappresenta “un caso di studio”.

ORGANIZZATORE Politecnico di Milano

DATE E ORARI mercoledì 27 gennaio 2021 Dalle 09:30 alle 12:00

LUOGO Evento Online

https://www.eventi.polimi.it/events/giornata-della-memoria-2021/

**********************************************

Al via, in live streaming, la 21ª stagione dell’Orchestra d’Ateneo

Diretta per la 1ª volta da Massimiliano Caldi, l’Orchestra eseguirà brani di Fiorini, Britten e Mendelssohn-Bartholdy, in streaming su Statale Video.

Si inaugura martedì 19 gennaio, con un concerto trasmesso in streaming dall’Aula Magna dell’Università Statale di Milano, la 21ª stagione dell’Orchestra UniMI. Dalle ore 19 su Statale Video, il canale a cura del CTU.

Oltre al live streaming dei cinque concerti in programma – dal 19 gennaio al 25 maggio – a causa dell’emergenza COVID, l’avvio della nuova stagione vedrà, con il concerto inaugurale del 19 gennaio, la prima volta sul podio del maestro Massimiliano Caldi, e il passaggio di testimone da Alfio Bosatra, tra i fondatori dell’Orchestra, a Luisella Molina alla guida della direzione generale.

Resta nel solco di una tradizione che si ripete dal 2013, invece, l’attenzione nella programmazione musicale ad autori contemporanei e che vedrà, fin dal concerto inaugurale, l’esecuzione di brani di autori contemporanei come Maltese Quicky del giovane compositore maltese Karl Fiorini, classe 1979.

A seguire, l’Orchestra UniMi sarà impegnata nell’esecuzione della Simple Symphony op. 4 di Benjamin Britten (1913-1976) e della Sinfonia n. 3 in la minore op. 56 “Scozzese” di Felix Mendelssohn-Bartholdy.

Programma generale e dettagli sul sito dell’Orchestra UniMi.

Il concerto sarà in live streaming su Statale Video, martedì 19 gennaio, a partire dalle ore 19.

https://lastatalenews.unimi.it/via-live-streaming-21a-stagione-dellorchestra-dateneo

*******************************************

Philippe Daverio a Milano

Alla Cittadella degli Archivi del Comune di Milano, e visitabile online, una mostra dedicata al critico d'arte, scomparso a settembre, realizzata in collaborazione con il Master in Digital Humanities dell'Università Statale.

Philippe Daverio a Milano: è online una mostra dedicata al critico d’arte scomparso lo scorso 2 settembre. Il progetto è stato realizzato dalla Cittadella degli Archivi del Comune di Milano, in collaborazione con il dipartimento di Studi storici dell’Università Statale e il Master in Digital Humanities dell’Ateneo (per il quale sono aperte le iscrizioni alla seconda edizione) e la famiglia Daverio. La mostra è stata curata da Nicola Manna, studente della prima edizione del Master in Digital Humanities, durante il suo periodo di stage.

Inaugurata il 19 dicembre e allestita fino al 20 marzo 2021 presso gli spazi della Cittadella, in via Greogorvius 15, e per ora visitabile soltanto virtualmente, l’esposizione si concentra sull’attività di Daverio a Milano dove fu anche assessore dal 1993 al 1997. Studioso, critico, docente universitario, curatore e mercante d’arte, Daverio contribuì alla realizzazione di grandi mostre, tra le quali “Alexej von Jawlensky”, “Da Monet a Picasso”, “Richard Avedon”, “Omaggio a Leo Castelli” ed eventi pubblici come il “Carnevale degli animali”. Come assessore, Daverio si trovò a gestire le opere di restauro del PAC, Padiglione d’Arte Contemporanea, distrutto nel luglio del 1993 da un attentato terroristico rivendicato da Cosa Nostra. A Daverio si deve anche la scelta di Palazzo Reale come nuovo polo espositivo di riferimento.

La mostra ospita documenti ufficiali del periodo dell’assessorato, la rassegna stampa dell’epoca, fotografie e un abito di Daverio, celebre per il gusto eccentrico e la passione per i papillon. Sul sito è inoltre disponibile un video inedito registrato durante il lockdown, nel quale Daverio guida gli spettatori attraverso una passeggiata virtuale” a Milano.

https://lastatalenews.unimi.it/philippe-daverio-milano

*********************************************************

Il Domani di Milano. Il Futuro del Paese

Interrogarsi su Milano per immaginare il futuro dell'Italia è l'obiettivo del ciclo di incontri online promossi dall'Università Statale.

Guardare al di là della pandemia e immaginare il futuro del Paese partendo da quella che è stata, e si speri torni a essere, la principale locomotiva: Milano con le sue complessità, contraddizioni ma anche straordinarie risorse.

Con questo obiettivo l'Università Statale di Milano lancia il ciclo di incontri online – su piattaforma Microsoft TEAMS e in diretta anche sulla pagina Facebook @LaStatale – dal titolo "Il Domani di Milano. Il Futuro del Paese".

Si parte il 28 gennaio (ore 18-19.30) con l'incontro dal titolo "La salute tra ricerca, assistenza, solidarietà e innovazione", per discutere sugli scenari da costruire con la capacità di innovare che caratterizza la Lombardia, governando e non solo subendo il cambiamento a partire proprio dalla sanità post-COVID-19. Ne discutono con il rettore Elio Franzini: Sergio Abrignani, Sergio Dompé, Sergio Harari, Alessandra Kustermann, Nicola Montano, Valeria Negrini e Gian Vincenzo Zuccotti.

https://lastatalenews.unimi.it/eventi/salute-ricerca-assistenza-solidarieta-innovazione

All'incontro del 28 gennaio ne seguiranno altri tre, sempre online su piattaforma TEAMS, dal titolo "Nuovi modelli culturali per Milano e per l'Italia?" (febbraio), "Dopo la Pandemia, quali prospettive per l'inclusione?" (marzo) e "Milano, una città amica delle donne e dei giovani" (aprile).

"In un momento come questo – commenta l'ideatrice dell'iniziativa Marilisa D'Amico, prorettrice alla Legalità, Trasparenza e Parità di Diritti – l'Ateneo vuole farsi promotore di riflessione e progettualità su alcuni temi che dovranno essere al centro della ripresa di Milano e che andranno sviluppati coniugando attentamente innovazione scientifica e solidarietà, secondo la tradizione e l'identità più profonda del nostro territorio".

Iscriviti online, per ricevere il link di partecipazione.
In caso di capienza massima su piattaforma Microsoft TEAMS pari a 300 partecipanti, si potrà seguire l'evento in diretta anche sulla pagina Facebook @LaStatale.

https://lastatalenews.unimi.it/domani-milano-futuro-paes

*******************************

Còrea di Huntington: l’incontro con il Papa nel docufilm “Dancing at the Vatican”

Il viaggio di riscatto e speranza di centinaia di malati e dei loro familiari, accompagnati da Elena Cattaneo dell’Università Statale di Milano, diventa un film contro lo stigma.

La locandina del docufilm Dancing at the Vatican

Si intitola “Dancing at the Vatican il docufilm, disponibile su Youtube, che racconta l'incontro del 18 maggio 2017 tra un gruppo di persone colpite dalla malattia Còrea di Huntington, insieme ai familiari, e Papa Francesco, in Vaticano.

Il film - disponibile con sottotitoli in inglese, spagnolo, portoghese, francese e italiano - racconta il viaggio dall'America Latina di un gruppo di venezuelani, colombiani e persone provenienti da altre parti dell'America Latina e altre decine di Paesi del mondo per l'incontro con il Pontefice in Vaticano: un momento di grande importanza perché ha portato ad emergere le storie di migliaia di persone colpite da questa grave malattia neurodegenerativa. "Once hidden to the world, they found the strength to be seen", il sottotitolo del docufilm a sottolineare la forza di combattere lo stigma che colpisce le persone affette dalla malattia che si manifesta con movimenti involontari del corpo.

Ad accompagnarli in questo viaggio di riscatto e speranza, c'è anche Elena Cattaneo, farmacologa dell'Università Statale di Milano e senatrice a vita che, con il suo gruppo di ricerca, è tra le massime studiose della Còrea di Huntington. Nel docufilm, Cattaneo racconta il senso di un’esperienza nata come richiesta di un'udienza privata con il Papa di una sola famiglia, come testimonianza delle persone affette dalla malattia, e poi diventata un incontro con centinaia di persone provenienti da 25 paesi del mondo.

"Il messaggio di fede, speranza per il futuro e inclusione che in quell'occasione Papa Francesco ha indirizzato ai malati Huntington, è più che mai valido oggi, alla fine di un anno così difficile e doloroso - commenta la professoressa Cattaneo sottolineando che: "In questi mesi, per la prima volta, tutta l'umanità sta sperimentando, nello stesso momento e in maniera evidente e tragica, l'incertezza di ciò che ci aspetta, la vulnerabilità, l'attesa di una cura e la speranza di un ritorno alla normalità, grazie anche alla ricerca scientifica. Sentimenti che, se fino a un anno fa erano per lo più prerogativa di una minoranza della popolazione - fra cui le persone affette da malattie rare ancora prive di cure e le loro famiglie - oggi accomunano le vite di tutti noi".

https://lastatalenews.unimi.it/corea-huntington-lincontro-papa-docufilm-dancing-at-the-vatican



Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha