Perchè ho scelto la Scuola Pubblica

In questi giorni ha suscitato grande interesse la questione IMI-Faes.  Proprio sulle pagine di questo giornale, genitori e dipendenti dell'Istituto hanno dato vita ad un vivace confronto che non trovava sfogo altrove. Un dibattito a tratti acceso che ha stimolato anche fra gli altri lettori alcune riflessioni più generali sulla scelta di scuola pubblica o privata. Ecco la lettera appena giunta in redazione.
(lettera ricevuta da Guido Maffioli)

()

consiglio scuola pubblica

Sono papà di tre figli in età scolare, i miei figli frequentano le scuole pubbliche in zona 3 e io penso sia la scelta più valida: quanto successo all'IMI, ed il dibattito che ne è conseguito, me lo conferma ulteriormente. E non perché la scuola pubblica sia tutta rose e fiori, ma è un tipo di scuola in cui mi aspetto di trovare e ho diritto di chiedere tre cose fondamentali, che la scuola privata non potrà mai dare compiutamente ai miei figli e che ritengo irrinunciabili: un ambiente relazionale plurale e inclusivo,  una didattica responsabile e dinamica, una gestione indipendente e trasparente.

1) In una classe di Scuola Pubblica non c'è selezione di reddito, culto, sesso, lingua e stato fisico. Significa che i miei figli esercitano la loro capacità di relazione con tutti, femmine e maschi, ricchi e poveri, figli di italiani e figli di migranti, cristiani, agnostici, musulmani, figli di coniugati, separati, figli senza genitori, .... E' una grande risorsa di conoscenza e di apertura di mente e di cuore. E' alla base di un'educazione alla cittadinanza in una realtà urbana complessa come Milano.
Solo la rigidità dei bacini d'utenza (per intenderci, scuole "di centro" / scuola "di periferia") può impoverire questa realtà plurale (e questo andrebbe - a mio avviso - gestito da amministratori e urbanisti, per evitarlo o limitarlo.) La classe è una situazione sociale dove si creano occasioni infinite di vivere in prima persona i principi della solidarietà in tutti gli aspetti, anche nei momenti difficili. Per i miei figli è un insegnamento insostituibile, che trovo valido anche come credente, ben più di molti catechismi.
Richiede adattamento da parte di maestre e professoresse (non me ne vogliano i colleghi maschi ma vista la loro presenza minoritaria uso il femminile anche per loro...per una volta!). Devono adattare il passo della classe a chi è meno dotato sulle intelligenze più tipicamente scolastiche. Ma è uno svantaggio didattico, spesso temporaneo, che è ampiamente superato dall'arricchimento di relazioni e di stimoli vissuto con i propri coetanei. E, nella mia esperienza, almeno nella scuola primaria, realizza un ambiente sereno.

2) I docenti non sono vincolati ad un metodo predeterminato. Questo non significa che lavorino a caso né che non trasmettano i valori etici. Anzi. Significa però che hanno il diritto e il dovere di assumersi la piena responsabilità delle loro scelte didattiche, non sono sotto l'influenza di chi li paga. E possono quindi adattarsi alla realtà dei bambini e dei ragazzi e mettere in campo le loro competenze o correggere le loro carenze. Possono evolvere: se un sistema non è efficace lo possono cambiare, possono usare lo spirito critico e interagire con i colleghi e con le famiglie. E possono valutare l'apprendimento e la crescita degli alunni in modo indipendente, perché le famiglie non sono i "committenti" della loro opera. Bocciature o promozioni non dipendono dalla gestione delle risorse economiche della scuola.

3) La gestione economica della scuola è indipendente da gruppi o poteri. E' povera e impoverita dalle scelte irresponsabili di tagli che da decenni si susseguono. Ma, almeno in linea teorica, è trasparente perché gestita collegialmente in organismi di rappresentanza democratica, e nessuna componente ha ruolo per decidere il destino dei corsi o di intere classi sulla base di scelte unilaterali o su valutazioni di convenienza economica.
Il fatto che, nel caso del passaggio IMI/FAES, la permanenza o meno degli studenti sia oggetto di contrattazione mi suona davvero aberrante. 
Questa riflessione mi fa anche essere fortemente contrario all'ingresso di interessi privati nelle scuole pubbliche. La didattica della scuola pubblica deve potersi mantenere indipendente da qualsiasi interesse economico.


Questi tre valori cruciali della Scuola Pubblica, pluralità-responsabilità-indipendenza, forse non interessano ai genitori che hanno scelto IMI o FAES, ma - confido - sarà quello che troveranno i loro figli se dovranno trasferirsi nelle scuole pubbliche di zona.

Guido Maffioli


Tags:
scuole

Articoli o termini correlati

L'IMI (Istituto Maria Immacolata) cede l'attività alla FAES ed i genitori non lo accettano (Scuola)

Commenta

Re: Perchè ho scelto la Scuola Pubblica
14/11/2012


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha