Grande successo per "Un Miglio per lo Sport"

Il 14 ottobre si è svolto in Corso Buenos Aires la manifestazione, organizzato dal Consiglio di Zona 3, "Un miglio per lo Sport". Grande successo di pubblico, ed un'ottima organizzazione basata tutta su Associazioni e Società Sportive di Zona 3.
()

miglio per lo sport 2Quale occasione migliore per dimostrare che  le Associazioni e Società Sportive di Zona, se ben coordinate, possono e devono lavorare assieme con unico scopo la diffusione dello Sport in Zona? Se il compito da svolgere fosse stato questo allora, sarebbero stati tutti promossi a pieni voti!
E' stata una giornata magnifica!
Nonostante le previsioni metereologiche non buone, la manifestazione è stata un grande successo di pubblico. Migliaia di persone hanno guardato e provato le decine di Sport proposti: pallacanestro, ginnastica artistica, pattinaggio in linea artistico, scherma, karate, savate, judo, sumo, kendo, danza sportiva, boxe, tai chi, scacchi, badminton, pallavolo, biliardino, tennis da tavolo e tanti altri sport, giochi ed iniziative che sicuramente mi sono dimenticato. Anche la pioggia, prevista copiosa, tant'è che era stata messa in preallerta la protezione civile, è scesa scarsa e per breve tempo, e non ha diminuito l'afflusso di gente.
Eppure l'iniziativa non era nata sotto i migliori auspici. La combattiva consigliera Sara Rossin, nonché Presidente della Commissione Sport e vicepresidente del Consiglio di Zona 3, ha incontrato lungo il proprio cammino non pochi ostacoli. Dovendo rivolgersi ai vari uffici centrali comunali per l'organizzazione, ha riscontrato la mancanza di coordinamento e la scarsa volontà di aiuto. Non ci fosse stato l'apporto volontario e generoso dei Consiglieri e degli uffici di Zona, l'organizzazione sarebbe stata impossibile. Anche sul fronte dei costi (8742 €), una grossa fetta è andata ad Aziende ed Uffici Comunali. Un esempio? Per supplire alla scarsità di carri attrezzi per rimuovere le auto parcheggiate, nonostante i cartelli di divieto disposti lungo tutto il viale, è stato necessario noleggiare un carroattrezzi dall'ATM che è costato circa 300 €! Ed i cartelli di divieto di sosta? Da soli sono costati più di 1200 € all'AMSA (che ha provveduto anche alla loro posa). Le voci di spesa si susseguono su questa falsariga. Se ci fosse stata la piena collaborazione degli uffici comunali, senza il solito scaricabarile, l'evento sarebbe potuto costare molto meno agli scarsissimi (quasi nulli) fondi a disposizione della Commissione Sport.
La Rossin ha così posto la questione al Tavolo dello Sport, organizzato dall'Assessorato, chiedendo uno sportello eventi cui le zone possano appoggiarsi per aiutarle nell'organizzazione e nelle pratiche burocratiche.
Forse l'unica iniziativa non riuscita a pieno è stato lo Scambiotto. Le ragioni sono, secondo me, da cercarsi nel fatto che è un'iniziativa in cui il trasporto del materiale incide e, quindi, organizzarlo in una giornata di chiusura al traffico ha comportato un minor afflusso di materiale e, di conseguenza, un minor interesse. E' però un'esperienza da provare in altro momento e, sono certo, avrà il suo meritato successo.

Le conclusioni sono che è un'iniziativa sicuramente da ripetere il prossimo anno, ma, soprattutto, che c'è la piena volontà da parte delle Società e Associazioni sportive di Zona di collaborare attivamente. Che sia la reale possibilità per gestire il Centro Sportivo Crespi?



Tags:
Crespi, CsoBuenos Aires, Miglio per lo Sport, Sara Rossin

Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha