Ripartenze: l'amarezza di Lorenzo di Nuvole in Cantina

Continuiamo la rubrica di dialoghi sullo stato di fatto delle attività commerciali e artigianali della zona. Lorenzo vede il suo sogno -“Nuvole in Cantina - vino e fumetti” in via Canaletto - minacciato nella modalità per cui è nato. ()

17092 Nuvole W001 1024x682Proprio il 17 maggio di cinque anni fa nasceva Nuvole in Cantina e il paradosso è che è nato proprio da un assembramento di idee e passioni per fare e creare assembramento.

Durante la lunga quarantena hai potuto organizzare una strategia di sopravvivenza lavorativa?

No, impossibile pensare e anche cercare di capire cosa sarà di uno spazio che ha vissuto di eventi e comunità. Tanta confusione e poca chiarezza per il futuro per una realtà che è nata e vissuta per fare eventi, laboratori, incontri. È difficile pianificare.
Il delivery di libri e vini ha poco funzionato probabilmente a causa proprio di una mia non convinzione. Ho sempre consigliato vis-à-vis i clienti sia per i vini che per i libri, mi rimane difficile consigliare via messaggio o video.

È stato un impatto distruttivo sin dall'inizio?

Sì, ma la crisi era già arrivata, e molto forte, prima del lockdown, quindi prima dell'11 marzo.
A febbraio ci sono stati prima i 'blocchi' per gli eventi, poi per le attività ristorative, ma nella modalità aperitivo serale, poi si è ripartiti con alcune raccomandazioni e divieti, per poi chiudere totalmente.
I clienti erano giustamente spaesati e preoccupati, una grande confusione e soprattutto presso il locale ancora più accentuata, dato che i miei clienti non capivano il perché potevano bere, ma solo fino alle 17.00 e poi solo comprare libri o leggere. Questo ha creato un vertiginoso calo delle vendite a partire da metà febbraio e sono stati annullati quattro eventi molto importanti.

Quali sono state le difficoltà maggiori incontrate, cosa ti lascia questa esperienza?

È stato ed è tutto traumatico, in Nuvole si creava e si faceva assembramento per degustare e per vedere o ascoltare. Le difficoltà maggiori sono e saranno finanziarie, e l'impossibilità di poter pianificare un futuro.
Mi lascia stanco, vuoto, spaventato per un progetto che si concluderà perché non potrà sopravvivere senza assembramento e condivisione, ma anche una sensazione dal punto di vista commerciale di abbandono e solitudine da parte della politica, dalle associazioni e vari gruppi locali.

Le norme sanitarie della ripresa ti creano difficoltà di sistemazione degli spazi o altro?

Prima di tutto non c'è un reale e usufruibile protocollo per la mia attività, che include proprio due realtà, enoteca/bar e libreria.
Di intuito e di coscienza ho adottato per la libreria alcune soluzioni eliminando sedute e tutto l'usato (libri, fumetti, giochi, pupazzi), chiuso il soppalco che era adibito a letture per i bimbi, gel disinfettante all'ingresso. Faccio entrare massimo 2 persone alla volta, facendo mantenere le distanze, sia tra clienti che alla cassa.
La pulizia totale del locale alla chiusura era già nelle mie consuetudini. Ora c'è una pulizia continua di tavoli, POS, tastiere e di tutto l'ambiente.
Per l'enoteca sto studiando alcune soluzioni ma che andranno a scapito dei posti a disposizione tenendo ben presente che se ci sono clienti in procinto di prendere un aperitivo per chi vuole scegliere un fumetto o libro c'è attesa o deve percorrere un percorso obbligato. E la stessa difficoltà vale anche per chi vuole degustare un calice di vino e deve attendere che si liberi il locale da chi sta scegliendo un volume.
Nuvole in Cantina era proprio tutto studiato per rilassarsi e perdersi tra sapori o pagine colorate. In ogni modo c'è una grossa difficoltà comunque per reperire gel e disinfettanti, che comporta anche ulteriori sacrifici finanziari

Con quali novità riaprirai?

Purtroppo solo novità 'negative': non più eventi e presentazioni. Per le 'positive' mi prendo un momento di riflessione, anche per un confronto vis-à-vis e di verifica delle esigenze dei miei amici/clienti.
In conclusione, ci proverò ma non so fino a quando la passione e l'amore per questa mia creatura possano, mantenendo sempre alta la sicurezza per la salute dei miei clienti, pareggiare e vincere contro le problematiche sanitarie,finanziarie, commerciali e burocratiche.

Grazie per il vostro prezioso lavoro.
Con affetto,
Lorenzo


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha