Reinventing Cities 2020 alla Triennale di Milano

Presentate alla Triennale il 25 gennaio le sette aree con cui Milano partecipa alla seconda edizione di “Reinventing Cities”, il bando internazionale promosso da C40 che prevede il recupero di siti dismessi o degradati per progetti di rigenerazione ambientale e urbana sostenibili.

()

Loreto R C

Piazzale Loreto, il nodo di interscambio Bovisa, lo scalo ferroviario dismesso di Lambrate, aree in via Monti Sabini e a Crescenzago, l’area dell’ex Macello e le Palazzine Liberty di viale Molise. Sono le sette aree con cui Milano partecipa alla seconda edizione di “Reinventing Cities”, il bando internazionale promosso da C40.

Cos’è C40 ? Il C40 Cities Climate Leadership Group,fondato nel 2005, è un gruppo di 94 città in tutto il mondo che rappresenta un dodicesimo della popolazione mondiale e un quarto dell'economia globale e che si concentra sulla lotta ai cambiamenti climatici e sulla promozione dell'azione urbana per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e i rischi climatici , aumentando nel contempo la salute, il benessere e le opportunità economiche dei cittadini urbani.

A partire dal 2018, il sindaco di Parigi Anne Hidalgo ne è presidente e l’ ex sindaco di New York City Michael R. Bloomberg è presidente del consiglio di amministrazione. C40 sta posizionando le città come forza trainante per l'azione per il clima in tutto il mondo, definendo e amplificando la loro richiesta ai governi nazionali per un maggiore supporto e autonomia nel creare un futuro sostenibile.

Il lavoro di C40 è reso possibile da tre finanziatori strategici: Bloomberg Philanthropies , Children's Investment Fund Foundation e Realdania .

“Reinventing Cities” è una competizione globale organizzata da C40, che cerca di trasformare siti sottoutilizzati attraverso progetti sostenibili e progetti orientati alla cittadinanza utente verso una rigenerazione urbana ecologica e resiliente.

Per rilanciare il successo della prima competizione, C40 ingaggia quest’anno nuove città con nuovi siti.creando competizione tra gli aspiranti. Oggi C40 ha lanciato 25 nuovi siti da reinventare in 9 città: Cape Town, Chicago, Dubai, Madrid, Milano, Montreal, Reykjavik, Roma e Singapore.

La giuria è costituita da un team multidisciplinare di architetti, pianificatori urbani, designer, sviluppatori, imprenditori, ambientalisti, innovatori e artisti che esaminano le proposte che rappresentino le caratteristiche di una città del futuro, in termini di salvaguardia ambientale, rigenerazione urbana e resilienza, da usare come modello..

"Reinventing Cities" è un bando unico nel suo genere che si pone come primo obiettivo una riqualificazione edilizia orientata all’ambiente: il criterio di selezione chiave dei progetti infatti è la qualità delle proposte, che devono essere in grado di promuovere soluzioni innovative in termini di efficienza energetica, componente green, nuovi servizi, architettura, metodi di costruzione e finanziamento.

Oltre a rigenerare 3 luoghi in diverse aree strategiche della città, il Comune riceverà un cospicuo introito. Il 25 gennaio alla triennale sono state presentate le linee guida per poter partecipare al bando: entro Maggio dovranno essere presentate le manifestazioni di interesse. Il Comune selezionerà le tre migliori a febbraio del 2021.

Sono sette le aree da reinventare a Milano, con l’obiettivo di realizzare 1.600 alloggi di edilizia residenziale e 120 di edilizia popolare., da assegnare a persone in difficoltà.

L’Assessore all’Urbanistica Maran ha spiegato che il tema degli affitti sarà fondamentale nei prossimi dieci anni. Perciò il Comune ha individuato nuove regole per realizzare più edilizia convenzionata da parte dei privati, da un lato, e più edilizia sociale dall’altro.

In particolare per quanto riguarda il nostro Municipio, tre sono le aree oggetto del bando:

- piazzale Loreto, per cui nel PGT sono state inserite norme specifiche per incentivarne lo sviluppo e la rigenerazione, che dovrà essere valorizzato come cerniera tra Corso Buenos Aires, Viale Monza e Via Padova, riorganizzando la viabilità e creando nuovi spazi pedonali di qualità,

- lo Scalo di Lambrate, dove, come previsto dall’accordo di programma per la rigenerazione degli scali ferroviari, arriverà edilizia residenziale sociale in affitto e in vendita e alloggi per gli studenti a prezzi accessibili,

- e l'area ora a parcheggio accanto alla fermata della metro a Crescenzago che il PGT ha destinato a edilizia residenziale sociale.

Tre luoghi, molto importanti per il nostro territorio, luoghi problematici o irrisolti da tempo da recuperare secondo i principi della sostenibilità ambientale e della fattibilità economica caratteristici di questo bando.

L’aspetto sociale e non quello economico, sarà alla base dei criteri di scelta dei progetti vincitori, secondo dieci obiettivi ambientali indicati dalla rete C40.



Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha