Sicurezza, ma per chi?

Prendiamo spunto dalle recenti vicende della festa de "Il Sabato di Lambrate" per una riflessione sul tema della sicurezza ()

new jersey sicurezzaSabato scorso, 14 aprile, si è svolta la prima edizione del 2018 de "Il Sabato di Lambrate". Dal programma si sarebbe dovuta svolgere "La piazza illustrata" e cioè dedicare la rotonda di Rimembranza di Lambrate ad una serie di illustratori che l'avrebbero animata . Invece due giorni prima dell'evento arriva un comunicato da parte dell'Associazione Carmilla, che organizza l'evento in collaborazione con la rete di ViviLambrate:

Purtroppo pare che questa legge anti-terrorismo non lasci tregua a molti eventi in tutta la città. Per quanto riguarda il Sabato di Lambrate dovremo per il momento rinunciare all'utilizzo della Piazza, come ha pubblicato anche stamattina Il Giorno...
Questa decisione è stata inevitabile dopo che ci sono stati comunicati i nuovi costi per la sicurezza (per poter rispettare il decreto Minniti) solo a pochi giorni dall'evento.
Alcune informazioni a riguardo potranno essere reperite al Punto Info di ViviLambrate
Guardiamo i lati positivi: gli illustratori saranno all'interno del Red Bazar con tutto il resto della festa, e di sicuro sapranno abbellire e vivacizzare via Conte Rosso con la loro creatività.
La piazza riqualificata sarà comunque, ovviamente, a disposizione di tutti per organizzare partite di ping pong (racchette e palline al circolo Acli in via Conte Rosso 5, se non le avete), di petanque, e per la lezione di Yoga gratuita dalle 11 alle 12!
Che altro aggiungere?

La questione è nata dalla richiesta da parte della Polizia Municipale, in ottemperanza al decreto Minniti sulla sicurezza, di dover chiudere la piazza con un loro presidio al costo di 900 €.
Ricorderete che già per l'edizione di Novembre si era denunciato l'aggravio delle spese di sicurezza, costo che ha messo a rischio lo svolgimento della festa e che ha comportato un cambio di strategia della stessa per riuscire a coprire le nuove spese. Dopo questa novità però il rischio è ancra più grande: bloccare le attività sociali e di festa non solo per Lambrate, ma anche per l'intera città. Infatti non siamo i soli a denunciare la cosa, qualche mese fa abbiamo ricevuto una dura lettera al Sindaco Sala da parte del Gruppo Quartiere Suffragio in cui si denunciava la chiusura del mercato agricolo di Santa Maria del Suffragio a causa dei costi del presidio di Polizia.
Nei giorni scorsi è uscito anche un Post su Facebook a firma dell'Assessore Antonella Bruzzese che denuncia questo problema:

A proposito di sicurezza e spazio pubblico. “Il Sabato di Lambrate”, il mercatino che da anni rappresenta un appuntamento mensile importante per il quartiere e non solo, per l’edizione di Aprile avrebbe dovuto svolgersi anche in Piazza Rimembranze con iniziative che l’avrebbero resa una “piazza illustrata”.

La contrazione dell’iniziativa, o meglio la sua mancata espansione, a causa dei costi dovuti per la sicurezza solleva alcuni temi e non è una buona notizia.

Non lo è perché l’associazione organizzatrice (con patrocinio del Municipio ed esenzione dal pagamento COSAP) si è trovata costretta a rinunciare a usare la piazza riqualificata, animandola finalmente come da mesi il Municipio stesso chiede di fare. Non lo è perché questi costi rischiano di incidere pesantemente sulle iniziative promosse da piccole realtà che spesso contano su fondi limitati o sul volontariato e per le quali 900 euro possono fare la differenza. Non lo è in definitiva perché in casi simili obbliga a scegliere tra sicurezza e utilizzo di una piazza. Non si tratta di mettere in discussione le disposizioni anti terrorismo, la sicurezza deve essere garantita e le situazioni a rischio opportunamente difese.

Tutto ciò, però, ha delle implicazioni che non riguardano solo la presenza e qualità estetica dei new jersey delle vie del centro: servono misure adeguate (supporto alle iniziative, gestione dei costi, differenziazione dei sistemi di protezione a quella delle forme di attività ammesse) affinché in nome della sicurezza non si finisca per ridurre drasticamente proprio quelle attività vitali di animazione e presidio in senso lato dello spazio pubblico che spesso, e paradossalmente, hanno un ruolo rilevante proprio nell’alimentare la percezione di sicurezza.

Antonella Bruzzese

Tutto condivisibile se non su un punto: siamo sicuri che si tratti veramente di un problema di sicurezza e non, bensì, politico?
Faccio una domanda all'Amministrazione:
perchè si deve considerare "sensibile" per un attacco terroristico un evento di socialità che raccoglie una cinquantina di persone e non un mercato, come quello di Valvassori Peroni, a neanche 500 mt di distanza, con un'affluenza costante di almeno un migliaio di persone su una strada che non è chiusa al traffico? Ed ancora, dopo quanto accaduto sulla Rambla di Barcellona, come si fa a considerare sicuro lo shopping su corso Buenos Aires, dove un'auto un sabato pomeriggio potrebbe fare una strage di decine, se non centinaia di persone, soltanto saltando sul marciapiede?
Allora siamo proprio sicuri che il tema sia la "sicurezza"?
Di fatto, con questa scusa, si stanno bloccando nella città solo le attività di rivatilizzazione del tessuto urbano, proprio quelle attività che servono a presidiare la città contro l'intolleranza e a riconnettere realtà differenti, unico reale modo per scongiurare isolazionismi all'origine della scelta terroristica, tutto ciò privilegiando la scelta privata dell'acquisto quale unico momento di vita sociale di gran parte della cittadinanza.

Un invito all'Assessore Bruzzese, vista l'appartenenza ad un gruppo, Sinistra x Milano, che è all'interno dell'Amministrazione di questa città: porre al più presto questo tema quale centrale per la città e cambiare la strategia.

Non nascondiamoci dietro allo spauracchio della sicurezza, quello che rischiamo è l'esatto opposto!


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha