Municipio 3. Osservatorio contro la violenza

Commissione Educazione, lunedì 20 giugno. Esame e votazione della proposta di deliberazione: “Linee di indirizzo per l’istituzione e la promozione dell’Osservatorio per il contrasto alle differenti forme di violenza”. ()
Municipio 3 logoMarina Olivieri, Presidente Commissione n. 02 Educazione, presiede e introduce il documento.

La Presidente informa sul percorso del gruppo di lavoro, avviato da tempo, di osservazione, esame e organizzazione di iniziative di contrasto al bullismo, alle prevaricazioni di genere, alle omofobie, alle discriminazioni di ogni tipo nei confronti di etnie, religione, identità sessuale o bullismo nelle scuole di ogni grado.

Si tratta ora di formalizzare un Osservatorio di base in Municipio 3 per monitorare e coordinare, creando una rete che raggruppi le diverse associazioni del territorio che si occupano di questo tema: scuole, ATS, associazioni di genitori e il Tavolo per la Nonviolenza che ha creato una rete di riferimento tra le scuole e le associazioni del territorio.

Osservatori similari sono già attivi in altri Municipi, poiché il problema del bullismo e cyberbullismo si è ulteriormente accresciuto durante il lock down a causa del covid.

Viene data lettura del testo, un progetto ambizioso, ma necessario per fronteggiare bullismo e discriminazioni che creano allarme sociale e vittime in una società allargata.
Questo Osservatorio prevede una strategia comunicativa di promozione della salute a partire dalle scuole, dagli interventi ATS previsti con sportelli di ascolto e dalle associazioni; si propone di creare una rete tra le comunità educanti come referenti principali e in linea con le indicazioni del Ministero, anche per quanto riguarda l’Educazione civica.

Si tratta di organizzare buone pratiche e supporto per orientare scuole e famiglie, affinché ogni individuo sia considerato e valutato al di là di differenze riguardanti genere, origine etnica, religione, identità sessuale, aspetto fisico. E ancora: di implementare il sostegno per la diversità, incentivare un “Patto educativo di comunità” legato alle necessità locali, coprogettare analisi dei bisogni, coordinare e coinvolgere le diverse figure, organizzare eventi, proposte , mettere a disposizione spazi anche museali per operazioni didattiche.

L’Osservatorio dovrà individuare e monitorare strumenti condivisi, favorire la partecipazione dei rappresentanti degli studenti e dei genitori avvalendosi anche di chi si è già organizzato sul territorio e può mettere a disposizione le proprie competenze nel rilevare i bisogni extrascolastici della comunità come il Tavolo per la Nonviolenza-Human Zone.
Dovrà altresì coinvolgere tutta la comunità scolastica nelle azioni attivate e procedure codificate per prevenire e comunicare comportamenti a rischio.
L’Osservatorio non prevede oneri.

Alcuni interventi di consiglieri: Zelasco, Santoro, Stroppa, Tancredi pongono l’accento sui rischi del tifo esacerbato e sconsiderato durante le competizioni sportive e richiedono di sensibilizzare gli allenatori e gli insegnanti di educazione motoria; sulla tempistica; sulla necessità di attivarsi nei confronti delle vittime del bullismo incrementando gli orari degli sportelli di ascolto e il loro numero. Viene precisato che si tratta di curare anche i persecutori prima che un comportamento diventi devianza e che viene chiesto che ATS dia supporto con servizi esterni, così come il Comune sta facendo con il progetto “Ascoltami” e l’osservatorio “Minotauro”.
Rispetto a più di una decina di anni fa, quando si è iniziato a sollevare il problema del bullismo, l’Osservatorio chiede di superare il momento del sanzionamento meramente punitivo per soluzioni che implementino il senso di responsabilità e che gli sportelli ATS vengano attivati in tutte le scuole superiori per supportare sia le vittime, sia i carnefici.

La votazione ha visto l’approvazione di tutti i presenti escluso 3 astenuti dell’opposizione.

Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha