Ma che fatica fare il testamento biologico

Il desiderio di tornare alla normalità non oscura il confronto con il passare del tempo , anzi stimola alla pianificazione dell'eventualità ultima e peggiore, pondera la riflessione che è meglio provvedere finché si può. ()

Scritto creteseEra già stata vergata, anni addietro, una precedente versione del “Testamento biologico”, prima della decisione del Comune di accentrare a sé la raccolta e determinarne la validità, ma, nei fatti, non è così semplice cercare di finalizzare queste disposizioni .

Già prima del Covid la procedura era raffinatamente disagevole, occorreva infatti recarsi in via De Amicis alla Casa dei Diritti di martedì mattina dalle 11,00 alle 12,00 per ritirare la domanda da compilare e forse avere indicazioni. Questi limiti spaziali e temporali ne avevano fatto “inciampare” la realizzazione.
Nelle pause tra una pandemia e la successiva, l'ufficio risultava chiuso e tale è rimasto, anzi, dopo diverse telefonate, infine qualcuno aveva risposto indirizzando il ritiro della documentazione in via Larga.

Lì è avvenuta la verifica che poche persone, di questi tempi, hanno il desiderio di compilare uno sconosciuto “Testamento biologico” ovvero le “Disposizioni Anticipate di Trattamento” (DAT), perché, dopo la frase d'esordio: “Ho telefonato in via De Amicis per avere i moduli da compilare per il testamento biologico e mi hanno detto che loro sono chiusi e di venire qui”, la risposta era stata: ”Deve ritirarli alla Casa dei Diritti”. Alla seguente spontanea esclamazione ” Ma allora non volete proprio che si faccia il Testamento Biologico” era seguito uno sguardo infuocato della giovane e bella ragazza e un grido “Come si permette! Lei non deve permettersi di insultare, io sono un pubblico ufficiale” . Costernazione e precisazione che non era intenzione offendere, ma che era già stato premesso che quell'ufficio era chiuso e indirizzavano in via Larga. La giovane donna non pareva aver udito. A quel punto c'era stato l'intervento della vicina di sportello che aveva indicato di cercare i moduli nel sito del Comune e scaricarli.

L'operazione aveva richiesto più di un tentativo per l'estrazione: dapprima di un foglio composto di sole righe a puntini, ma con pazienza si raggiungeva la quota di tre fogli senza alcuna spiegazione, se non l'indicazione dei dati di base.

Dopo una lunga ricerca su internet e una indicazione della “Libreria Claudiana” si sono rivelate due possibilità: l'iscrizione a un'associazione o rivolgersi ad un avvocato.
Pausa natalizia, ma si prosegue!


Commenta

Re: Ma che fatica fare il testamento biologico
13/01/2022 Irene
Tienici aggiornati sulla faccenda!


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha