IO SONO perché NOI SIAMO

UBUNTU, un progetto di collaborazione Scuole-Famiglie-Territorio in occasione della Giornata internazionale della Nonviolenza il 2 ottobre. ()

Centro di Nonviole foto Katia Zambelli)Tra i vari eventi programmati nella HumanWeek 2021, per sabato 2 ottobre, il Centro di Nonviolenza Attiva e alcune associazioni, tra cui l’associazione genitori Munari e l’Associazione Campo Teatrale, hanno pensato a un percorso che coinvolge insegnanti, genitori, bambini, bambine e cittadinə per incontrarsi e ritrovarsi su alcuni temi chiavi della nonviolenza: accoglienza, non-discriminazione, ascolto, fiducia e cooperazione.

Il percorso che conduce a questa giornata è parte integrante dell’evento, vede varie fasi e il coinvolgimento di vari attori:

Coinvolgimento delle classi della scuola primaria Munari
Le associazioni hanno messo a disposizione delle insegnanti della scuola primaria Munari un kit con alcune informazioni sulla nonviolenza, alcuni libri o semplici laboratori che trattano le tematiche in oggetto. Le insegnanti nelle prime settimane di settembre lavoreranno sui temi della nonviolenza e della non-discriminazione, autonomamente o co-progettando con le associazioni. Proporranno ad alunni e alunne di visualizzare le tematiche affrontate in una forma espressiva che sia poi visibile anche alla cittadinanza (docenti e alunnə sceglieranno il linguaggio che preferiranno, per esempio disegni da appendere, manufatti di qualsiasi tipo, o canzoni, o altre espressioni).
Dalla scuola al fuori scuola
Queste attività prodotte dalle classi verranno poi mostrate il 2 ottobre pomeriggio nei giardini adiacenti alla scuola, si chiederà a bambini e bambine di coinvolgere i genitori nelle loro attività. L’associazione genitori e le associazioni Mondo senza guerre e senza violenza e La Comunità per lo Sviluppo Umano aiuteranno alla realizzazione delle attività in accordo alla progettazione delle classi.
Un luogo simbolico per tutti e tutte
Nello stesso giorno, come intervento simbolico sul tema della nonviolenza si procederà a dipingere con i colori dell’arcobaleno una delle 4 panchine poste davanti ai cancelli della scuola primaria (un’altra dello stesso gruppo era già stata dipinta di rosso 2 anni fa contro la violenza sulle donne).
Si tratterebbe quindi del secondo appuntamento di sensibilizzazione su una forma di violenza attraverso la pittura di una panchina che ci auspichiamo diventi un appuntamento atteso dal quartiere e dalla scuola e ricorrente.
Inoltre, assieme ai/lle bambinə, si dipingeranno sull’asfalto alcune linee colorate che uniscono le 4 panchine, a simboleggiare l’importanza e la possibilità di dialogo e di ascolto “anche se distanti, anche se diversi”, sottolineando l’interdipendenza degli esseri umani come fondamento della nonviolenza, espresso nella filosofia africana dell’Ubuntu: ‘io sono perché noi siamo’.
Un laboratorio per sperimentare
A seguire si terrà un laboratorio teatrale per bambinə e ragazzə che, attraverso le tecniche utilizzate, prima fra tutte l’improvvisazione guidata, stimola nei/lle bambinə l’attitudine all’ascolto (di sé, dell’altrə, dell’ambiente circostante), alla non-discriminazione e alla cooperazione. L’approccio empatico dell’esperto, favorisce un processo di socializzazione sereno e costruttivo. Le esperienze sono proposte nella forma del gioco teatrale.

PROGRAMMA
Sabato 2 ottobre
dalle 15.00 alle 17.00 davanti alla scuola primaria Munari
dalle 17.00 alle 18.00 presso Parco Giochi Giardini Lucarelli
ore 15.00
Inaugurazione della panchina arcobaleno, come simbolo della lotta alla discriminazione delle diversità;
Esposizione degli elaborati di alunni e alunne della primaria Munari a seguito di un percorso fatto con le insegnanti tratto dal ‘Kit per educare alla nonviolenza per le scuole’;
ore 16.00
Laboratorio BeHuman per genitori e figli/e insieme condotto da ragazzi/e con i volontari dell’associazione.
ore 17.00
Laboratorio teatrale dedicato ai giovanissimi/e, attività che coinvolgono corpo, voce, creatività ed emotività per fare esperienza, attraverso il teatro, dei valori chiave (presso Parco Giochi Giardini Lucarelli)

A cura di:
Centro di Nonviolenza Attiva, Associazione Genitori scuola primaria B. Munari, Insegnanti della scuola primaria B. Munari, Ass. Mondo Senza Guerre e Senza Violenza, Ass. La Comunità per lo sviluppo Umano, Ass. Campo Teatrale.
Rivolto a:
bambin@ 6-11 anni e adulti
Info e prenotazione:
Contatto per le scuole – info@centononviolenzattiva.org
Per collaborare alla realizzazione della panchina:
Silvia Pettinicchio – associazione@genitoriscuolafeltre.org
Prenotazioni laboratorio teatrale – biglietteria@campoteatrale.it


La Giornata internazionale della Nonviolenza viene commemorata il 2 ottobre, data di nascita del Mahatma Gandhi. È stata promossa dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 15 giugno 2007 e celebrata per la prima volta il 2 ottobre 2007.
La risoluzione dell’Assemblea generale chiede a tutti i membri delle Nazioni Unite di commemorare il 2 ottobre in maniera adeguata così da “divulgare il messaggio della nonviolenza, anche attraverso l’informazione e la consapevolezza pubblica.” La risoluzione riafferma “la rilevanza universale del principio della nonviolenza”.
La parola nonviolenza è scritta nella forma univerbata, perché la nonviolenza non è la semplice negazione della violenza bensì un valore autonomo e positivo. Ora è inserita anche nel vocabolario Treccani.


Ph Katia Zambelli


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha