NUOVO BANDO DEL COMUNE DI MILANO

Dall' 8 luglio è stato pubblicato un bando dal Comune di Milano che riguarda il welfare e i servizi sociali. Vi è tempo fino ad aprile 2014 per aderire. L'intento sarebbe quello di partecipare alla promozione, realizzazione e divulgazione di interventi di supporto a chi ha più bisogno: anziani fragili, minori, adulti in difficoltà e persone con disabilità. ()

work for welfare rectLa crisi ci mette di fronte a un numero sempre più alto di anziani, minori, famiglie e adulti in seria difficoltà, cittadini che hanno bisogno di un aiuto, talvolta immediato. Mettendo insieme le diverse risorse che questa città possiede, realizzando una sinergia reale tra pubblico e privato, è possibile raggiungere l’obiettivo”. “Il nuovo welfare ambrosiano – ha detto l’assessore Majorino – non può prescindere dal fare rete e, in questo periodo in cui crisi e perdita del lavoro hanno toccato un numero altissimo di persone, l’invito a fare qualcosa per gli altri diventa un’opportunità di contribuire tutti a dare nuovo slancio a questa città tradizionalmente impegnata nel sociale”.
L'associazione Principia, con la collaborazione con diversi attori sta mettendo a punto  in tal senso un'operazione di coinvolgimento delle risorse presenti nella zona e di cui si è fin qui argomentato su questa rubrica muovendosi proprio nella direzione indicata dal Comune.
Prossimamente intendiamo infatti elaborare e condividere i principi ispiratori di quest'operazione che saranno ampiamente illustrati e speriamo condivisi o dibattuti da z3xmi.
Nel frattempo  vi riferiamo che le azioni programmate nel Piano di sviluppo del Welfare per cui il Comune chiede il coinvolgimento della città sono:
  • creazione di “punti sociali”, sportelli di accesso sociale unici;   
  • creazione di un “Pronto intervento e soccorso sociale”;
  • sviluppo dell’”Immigration Center”;
  • sviluppo e potenziamento del servizio di affido familiare;
  • supporto all’incrocio tra domanda e offerta di personale per l’assistenza domiciliare anziani;
  • potenziamento di un servizio psicologico a disposizione del cittadino a costi sostenibili (progetto di “psicologia sostenibile”);
  • sviluppo di “spazi di socialità”, cioè spazi pubblici per i cittadini per favorire la coesione sociale;
  • il recupero di appartamenti da destinare all’alloggio temporaneo di persone in condizione di fragilità;
  • l’attivazione di un sistema informativo unico e trasversale a tutte le azioni e ai target anche identificando una scheda unica di accesso;
  • iniziative di co-housing di anziani/famiglie con studenti;
  • la realizzazione della Carta dei Servizi Sociali della città e di un ufficio unico per i rapporti con l’associazionismo e la cooperazione sociale;
  • la realizzazione di un Centro per le pari opportunità e contro le discriminazioni e di un programma di azioni a contrasto della violenza sulle donne;
  • la realizzazione di un progetto tra Asl e Comune per potenziare i servizi rivolti alla Salute mentale, alle dipendenze, alle malattie infettive;
  • fornire sostegno alle associazioni e cooperative sociali attive su percorsi destinati a sostenere i cittadini con disabilità, compresa la sperimentazione di percorsi di vita autonoma (il cosiddetto “Dopo di noi”), incremento delle opportunità di fruizione di servizi diurni e residenziali per persone con disabilità.


Link al bando del Comune


Articoli o termini correlati

Lavoro. Comune, il 5% degli appalti a cooperative sociali che impiegano persone con maggiori difficoltà (Consiglio Comunale)
Principia (Solidarietà)

Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha