Non guardare solo la luna, guarda anche quello che cresce sotto i piedi! LA VIOLA MAMMOLA

È la prima a fiorire, da marzo ad aprile. Si chiama viola mammola, o viola odorata, ma è detta anche viola di S. Giuseppe. Ha un profumo molto gradevole.
()

viola mammola400Al campo Giuriati ho trovato alcuni cespi di sole foglie, vista la stagione! Essendoci però tanti tipi di viole, profumate e non, vedremo in primavera, quando fioriranno, di quale tipo si tratti esattamente.
La si trova presso i boschi, i muretti a secco, particolarmente in zone umide. Si propaga anche per stolone formando ampie colonie.               

Raccogliamo foglie e fiori quando fioriscono; in ottobre e novembre invece scaviamo le radici.
I fiori vanno asciugati velocemente, perché anneriscono.  
Tutti i tipi di viola sono curativi ed anche eduli.

Il té di foglie e fiori va zuccherato col miele ed è molto adatto per  bronchite, mal di gola,  mal  di testa, infiammazione ai reni e alla vescica. Le foglie hanno un lieve effetto purgante. Gli antichi si cingevano la testa con corone di viole, contro i postumi delle gozzoviglie. La radice contiene "violina" che ha effetto emetico. Dai fiori di viola mammola si estrae un'essenza per profumi e cosmetici, molto famosa e usata da tempi remoti.  
I fiori si fanno canditi in pasticceria (violette di Parma) o in confettura, oggi le violette sono usate anche per i gelati.
Le foglie più tenere possono essere mangiate in insalata, crude, mai da sole, spesso unite ai fiori che, un po' più dolci, conferiscono profumo e un bell'aspetto estetico all'insieme.

In astrologia è associata ai sagittari, amanti della natura e della vita all'aria aperta.


Wanda Gradnik - perito agrario



Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha