Commissione Lavoro, Attività Produttive e Sicurezza: seduta del 10/7/12

Ordine del giorno

1) Comunicazioni del Presidente;
2) Relazione del gruppo di lavoro sul ! mercato di via Benedetto Marcello e decisioni conseguenti;
3) Contributo alla manifestazione - Percorso dei macellai tra tradizione, artigianato e innovazione- ;
4) Varie ed eventuali.

()

L’unico punto trattato è stato quello citato al punto 2).

Il vicepresidente Muzio Adalberto ha letto una relazione  sullo stato dell’operato del gruppo di lavoro appositamente creato dalla commissione lavoro per ragionare su una possibile soluzione al problema del trasferimento dei due mercati che si tengono settimanalmente rispettivamente il sabato e martedì. Da premettere che nell’altro gruppo di lavoro era già stato stabilito che il mercato era incompatibile con l’area di Via Benedetto Marcello.

Sono state esposte tre ipotesi di trasferimento.

1) trasferimento parziale del mercato  in via Andrea Doria tra piazzale Loreto e Pierluigi da Palestrina

Questa soluzione, si afferma nel documento, è considerata preferibile dall’Assessorato e tecnicamente accettabile per via del fatto che andrebbe ad occupare il parter centrale che riduce l’impatto del mercato. L’inconveniente è che si potrebbe trasferire solo un terzo dei mercati. Inoltre la soluzione, si dice che sia estremamente avversata dagli abitanti di v. Andrea Doria.

2) Trasferimento totale del mercato sull’intero viale Andrea Doria. Ma qui sorge il problema che la filovia 92 percorre il tratto di Andrea Doria fra via Pierluigi da Palestrina e piazza Caiazzo e non si sa ancora se il percorso verrà deviato.

3) Trasferimento totale in via Ferrante Apporti (tratto fra via Pergolesi e viale Brianza. Qui sono previste opere per la viabilità, arredo urbano e sicurezza in corrispondenza del Memoriale della Shoah che di fatto impediranno un eventuale utilizzo della sede stradale per il mercato.

 

In conclusione nel documento si propone quanto segue:

a) il gruppo di lavoro termina la sua attività e si scioglie

b) Il Presidente e il Vicepresidente sottopongono una serie di ipotesi di trasferimento all’Assessorato  e a questo proposito tutti i membri della commissione sono invitati a sottoporre al Vicepresidente Muzio, in via riservata , eventuali proposte da inserire nell’elenco da inviare all’Assessorato

c) nel mese di settembre sarà svolta una ricerca condotta gratuitamente dall’Università di Milano-Bicocca sulle abitudini d’uso degli utilizzatori del mercato per aiutare a dare fondamento alle scelte della commissione e del Consiglio di zona.

d) Appena disponibili i pareri dell’Assessorato e i risultati della ricerca statistica il Presidente e il Vicepresidente predisporranno una proposta di delibera da discutere in commissione per poi sottoporla al Consiglio.

 

I cittadini presenti sia quelli di via Benedetto Marcello che di Via Andrea Doria hanno espresso la loro delusione per il fatto che nel documento non si giunge a nessuna soluzione del problema che si trascina da 30 anni.

L’opposizione rileva che il contenuto del documento è frutto di una posizione personale del relatore e non di concertazione da parte del gruppo di lavoro.

 

L’opposizione poi critica i vari punti del documento e lo fa in modo rumoroso e urlato, non rispetta i tre minuti per intervento posti dal Presidente. Urla e protesta chiedendo tra l’altro le dimissioni del Presidente e del Vicepresidente.  In particolare inveiscono gridando al microfono tutti assieme Cosenza (Nuovo polo per Milano), Ancona e Rositano (Unione centro).

Ancona ( Lega) accusa il vicepresidente Muzio di essere un” incompetente sferico” cioè incompetente da qualsiasi parte lo si consideri.

 

Sara Rossin (PD) afferma che il documento è un’informativa e che non è da votare e così avviene. Una cosa è certa: il mercato è troppo grande per essere dislocato intero, non può che essere trasferito a pezzi su più vie. Da fare varie ipotesi in tal senso con verifica di fattibilità come base per la scelta di una soluzione.

 

Alla fine i Presidente indice la votazione sulla prosecuzione dell’attività del gruppo di lavoro o il suo scioglimento.

A maggioranza viene votato lo scioglimento.

La questione benedetto Marcello torna tema di discussione della commissione Lavoro.