Una scuola per il quartiere

E il quartiere per una scuola. Un maestro della scuola elementare Scarpa, via Clericetti, si rivolge ai cittadini per un nuova "ospitalità". ()

index
"Buongiorno. Mi chiamo Alberto e faccio il maestro nella scuola elementare Scarpa, via Clericetti. Vi scrivo, sul vostro bellissimo sito, per sapere se a settembre alcuni gruppi di bambini e docenti possono usufruire del quartiere e dei suoi spazi per fare scuola. L'idea è quella di aprirci alla ricchezza che la zona 3 offre. Vi chiederei quindi quali spazi sarebbero idonei ad ospitare bambini e docenti sia per lezioni ma soprattutto per uno scambio reciproco. Saremmo interessati a botteghe, negozi, biblioteche, librerie, teatri, aule di università, e tutto ciò che può creare un contatto il reale. Naturalmente ci si organizzerà in piccoli gruppi in modo da non disturbare chi ci ospita. Rimango a vostra disposizione ringraziandovi di cuore. Alberto."

Ci sembra una bellissima idea quella di Alberto, dopo la chiusura imposta dal virus, chiedere al quartiere di aprire i propri spazi ai bambini per rompere le distanze, per uscire fuori, per cominciare a prendere contatto amche da piccoli con i grandi, un'esperienza che, pensiamo, possa essere di grande aiuto per tutti.

Chi vorrà raccogliere questa richiesta del maestro Alberto può scriverci, lo metteremo in contatto con lui.


Commenta

Re: Una scuola per il quartiere
11/06/2020 Ornella
Ciao Alberto, sono Ornella, una tua ex collega di Pini, ora attiva nel gruppo di ViviLambrate. Vorrei contattarti per iniziare una collaborazione per l'attuazione della scuola diffusa. Ti invio la mia mail ornellasalina@libero.it.grazie, spero di sentirti presto.


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha