MEET Digital Culture Center

Lavori in corso per l'ex Spazio Oberdan. Diventerà un luogo fisico e virtuale d'incontro internazionale per idee e progetti digitali. La Fondazione Cineteca Italiana resterà autonoma. ()

image001 2Martedì 12 novembre al 3° piano della Casa Boschi Di Stefano, alla presenza dei galleristi, dei rappresentanti delle case museo e delle numerose associazioni culturali del territorio, è stato presentato il progetto finanziato dalla Fondazione filantropica Cariplo e organizzato dalla Meet Media Guru, una piattaforma d'eventi e disseminazione di cultura che dal 2005 indaga il tema dell'innovazione e del digitale.

Da questo incontro nasce MEET Digital Culture Center che, simile ad altri 59 in Europa, potrà creare e sviluppare progetti con la consapevolezza di non essere alla mercé dei grandi gruppi internazionali.
L'iniziativa è nata con il supporto della Fondazione Cariplo, che ha acquistato l'edificio dalla Città Metropolitana di Milano (ex Provincia di Milano) per destinarlo a centro di cultura digitale, per contribuire a colmare il divario digitale italiano, nella convinzione che l'innovazione sia un fatto culturale.

Lo scopo di questo centro sarà pensare alle generazioni future - spiega Maria Grazia Mattei, artefice del progetto -, portando attenzione all'educazione alle immagini, stabilendo relazioni, facendo rete con le realtà che operano da tempo, creando percorsi e progetti culturali. Sarà un Forum delle novità che l'Italia mette in campo e che usufruisce del sostegno di numerosi altri patner.

Al centro del progetto viene posto l'essere umano, in quanto l'idea di partenza, così come la sua vocazione, rimane sociale e culturale. Si svilupperà grazie a spazi flessibili, a uno staff di 15 persone e 1500 mq. di spazi su 3 piani.
I lavori di ristrutturazione sono già conclusi al primo piano; l'ammezzato è a buon punto; sarà uno spazio fluido per eventi d'immersione digitale e di realtà internazionali.

La Cineteca Italiana avrà una sua autonomia e una sua programmazione indipendente, che è il suo scopo storico, ma prevederà anche programmi comuni sulle nuove tecnologie.

Meet quindi sarà una sorta di bottega rinascimentale, un laboratorio e Forum creativo, simile al centro Futurium di Berlino, per una formazione open della cultura digitale attraverso format, uno spazio fisico e virtuale di incontro, scambio e confronto.
Potrà contare su un network consolidato di policy maker, patner internazionali, fondazioni, ambasciate e consolati, stakeholder del territorio, organizzazioni culturali.

Il lavoro sarà sviluppato per temi annuali come la mobilità nello spazio sociale e nella privacy e anche l'arte, la scienza e la tecnologia. Promuoverà conferenze, mostre, workshop, proposte e servizi creativi che mettano il fattore umano al centro del cambiamento, organizzerà corsi gratuiti per formare professionisti e programmare nuove soluzioni .

Nella primavera del 2020 sarà organizzatao il secondo MEETing dei centri di cultura digitale, una due giorni su ricognizione e confronti sul digitale come linguaggio espressivo e di ricerca artistica attraverso casi internazionali.

Questa azione rientra nel programma di MEET in qualità di Regional Center Meet di S+T+Arts, ossia il programma della Commissione Europea che supporta la collaborazione tra Scienza, Tecnologia e Arti.

Intervengono quindi i responsabili di gallerie d'arte, case museo, di teatri, i rappresentanti delle associazioni culturali, di informazione e del terzo settore, istituzioni scolastiche, enti presenti sul territorio del Municipio 3, ma anche limitrofo come via Padova, che sono numerosissimi e molto attivi. C'è chi ha già avviato una strategia comunicativa digitale e chi non ancora, ma tutti concordano nel chiedere di entrare a far parte di questo progetto culturale attento alle istanze della città e teso al futuro.
Il mondo si sta organizzando in questa nuova dimensione e le persone vogliono diventare sempre più partecipi.


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha