I diritti sono uguali per tutti?

Piste ciclabili e marciapiedi. Riceviamo e volentieri pubblichiamo. ()

pistacontiguainizio
Ho sentito una signora anziana che borbottava la frase, dopo aver evitato che un ciclista sul marciapiede di via Tadino la investisse e per questo era stata costretta a scendere sulla vicina pista ciclabile: "se un ciclista può pedalare su un marciapiede, perchè un pedone non può camminare su una pista ciclabile bella liscia ? Le piste ciclabili sono per aiutare i ciclisti a non essere investiti dalle auto, i marciapiedi dovrebbero tutelare i pedoni dai vari mezzi di trasporto, o no?
Questo anche se i marciapiedi sono pericolosi perchè spesso pieni di buche, avvallamenti e piccole protuberanze, dovute alle moto, che costringono le persone a guardare più dove mettono i piedi per non cadere, che a prestare attenzione ai veloci ciclisti sui marciapiedi.
Si invoca sempre che è la buona educazione a risolvere molti problemi del vivere civile in una comunità, ma anche le regole possono dare una mano. E i controlli pure.
Ed ancora la signora fece notare come, per attraversare viale Tunisia all'altezza della Chiesa del Lazzaretto, il semaforo diventa verde e subito giallo prima ancora di arrivare a metà percorso, la mobilità dolce diventa super scattante.

Milano è una smart city anche in questo senso?


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha