Un passo verso “Milano plastic free”: il Sindaco Beppe Sala inizia con la primaria Clericetti di Zona 3 la consegna delle borracce di alluminio agli studenti di Milano.

Con l’inizio dell’anno scolastico, agli studenti delle primarie e secondarie di I grado è stata regalata una borraccia di alluminio per sostituire le bottigliette di plastica usa-e-getta. La prima simbolica consegna direttamente dalle mani del Sindaco e del cantante Marco Mengoni a 50 'primini' della Clericetti di Lambrate/Città Studi.

()

sala mengoni 2

Nei primi giorni del nuovo anno scolastico 100mila studenti di Milano delle scuole primarie (60mila) e secondarie di I grado (40mila) hanno ricevuto dal Comune una borraccia di alluminio con cui sostituire le bottigliette di plastica usa-e-getta.

Sin dai primi anni di scuola, si vuole coinvolgere i bambini e i ragazzi in un futuro “plastic free” e dimostrare come anche loro possano contribuire fin da subito, e concretamente, a difendere l’ambiente. Nel contempo il Comune di Milano vuole promuovere l’utilizzo dell’acqua del nostro acquedotto che è tra le più buone e più economiche del Paese. A2A, MM e Milano Ristorazione hanno collaborato alla realizzazione di questa iniziativa

L’operazione è iniziata giovedì scorso con la consegna delle borracce a 50 bambini della scuola primaria Clericetti di Lambrate, nella nostra zona 3. Ad affiancare nella consegna il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, il cantante Marco Mengoni, testimonial dell’iniziativa e ospite speciale, impegnato nella lotta all' inquinamento anche durante il suo ultimo tour Atlantico. La distribuzione viene fatta in collaborazione con le società MM e A2A e, ovviamente, Milano Ristorazione.

Ecco il link al sito di approfondimento sul prodotto distribuito e sul suo uso:

https://www.comune.milano.it/documents/20126/32501050/Scheda+Borracce.pdf/8a890705-f222-e8de-8cb7-552bc8d182bc?t=1568365579351

"Abbiamo calcolato che a Milano ci saranno 30 milioni di bottiglie in meno all'anno grazie all'utilizzo di queste borracce - ha detto Sala ai bambini riuniti nel cortile della scuola “. “«La plastica non è un male assoluto, ma riciclarla non è semplice e sappiamo che in mare rimane per 250 anni. A Milano l'acqua "del sindaco" è buona e costa poco: vi invito a berla anche nelle vostre case.”

Questa iniziativa è stata quindi spunto anche per affrontare i temi ambientali con i bambini. La città di Milano "vuole essere avanti anche da questo punto di vista. Il ruolo educativo della scuola deve esserci anche per la coscienza civica dei bambini, ogni tanto si parla di portare l'educazione civica a scuola - ha detto Sala -, ma al di là di questo la scuola è il luogo dove queste tematiche vanno discusse, e noi non perdiamo mai occasione di portarcele"

Si tratta quindi di un impegno importante da parte del Comune di Milano per continuare un percorso , iniziato con l’installazione delle “case dell’acqua” in tutti i quartieri diretto a contrastare l’inquinamento da smaltimento della plastica e l’ inquinamento dovuto al trasporto delle confezioni di contenitori dell’acqua. Il percorso, come è giusto parte con l’educazione di bambini e ragazzi ai comportamenti responsabili in fatto di ambiente e di buone pratiche.

Il sindaco Sala e tutta la sua giunta sono determinati nella battaglia contro la “plastica usa e getta”, tanto da aver creato un assessorato alla “Transizione ambientale”, le cui deleghe al momento sono in capo al Sindaco stesso, e includono le deleghe all’ambiente che nel 2016 erano state affidate a Granelli.

L’Assessorato si occuperà di

• definizione delle politiche ambientali;

• definizione delle politiche relative al miglioramento dei servizi di smaltimento dei rifiuti e pulizia della città;

• definizione delle politiche relative all’energia;

• governance dell’acqua pubblica..

Il primo cittadino da mesi parla dell’importanza della battaglia per l’ambiente. Ancora di più dopo la mobilitazione mondiale per il clima dello scorso 15 marzo, che a Milano ha portato in piazza 100 mila studenti in nome delle parole d’ordine ecologiste lanciate dalla giovane attivista svedese Greta Thunberg e che ritorneranno in piazza pei “Friday for future”, sciopero globale per il clima, venerdì 27 settembre con due mobilitazioni alle 9.30 e alle 18.

In un post su Facebook il Sindaco motivò così la sua decisione: «la battaglia per l’ambiente è profondamente politica»…«Non diremo no a tutto in nome dell’ambiente. Il nostro sarà un ambientalismo propositivo, che vede nelle sfide – dal cambiamento climatico al risparmio energetico, dalla raccolta differenziata dei rifiuti alla mobilità sostenibile – delle opportunità per crescere, innovare e migliorare, a favore della città, dei cittadini e del Pianeta». Il sindaco ha in mente una Milano «laboratorio di sperimentazione e modello sui temi ambientali», dall’«ecologia alla sostenibilità» e le prime iniziative in questo senso partiranno dalle aziende partecipate e dai servizi pubblici.

Quindi la donazione delle borracce va intesa come un primo atto simbolico, un primo esempio.

“Il messaggio semplice che vogliamo dare – ha detto ancora il sindaco – è che con buone pratiche come questa si può arrivare ad abolire i distributori automatici che hanno solo confezioni di plastica per le bevande.”



Commenta

Re: Un passo verso “Milano plastic free”: il Sindaco Beppe Sala inizia con la primaria Clericetti di Zona 3 la consegna delle borracce di alluminio agli studenti di Milano.
19/09/2019 Georgia
Bell’iniziativa che potrebbe seguire con l’uso nelle mense scolastiche di piatti di bambù riciclabile o altro materiale biodegradabile e non i ‘classici’ piatti in plastica


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha