Donne di Scienza: Kathrine Coleman Globe Johnson

Figura emblematica di emancipazione femminile in un paese segregazionista, gli USA degli anni cinquanta. Lei, afro-americana, riesce a superare le discriminazioni e ottenere incarichi prestigiosi. ()

6b2 Katherine JohnsonKatherine Coleman Goble Johnson è una fisica, scienziata e matematica statunitense.
Ha contribuito in modo fondamentale all'aeronautica statunitense e ai programmi spaziali già dal primo utilizzo dei computer elettronici digitali da parte della NASA. Conosciuta per l'accuratezza nella navigazione spaziale computerizzata, il suo lavoro tecnico dirigenziale alla NASA ha attraversato i decenni, da quando calcolava le traiettorie, le finestre di lancio e i percorsi di ritorno di emergenza per molti voli, dal Project Mercury, incluse le prime missioni NASA di John Glenn, Alan Shepard, il volo Apollo 11 sulla Luna del 1969 e continuando con il lavoro attraverso il programma Space Shuttle e sui primi piani per la missione su Marte.

Katherine Johnson è nata il 1918, a White Sulphur Springs, Virginia Occidentale. I suoi genitori danno molta importanza agli studi e dato che la contea di Greenbrier non assicura l'istruzione agli studenti di colore che abbiano superato la scuola d'obbligo, i bambini della famiglia Coleman frequentano il liceo nell'Istitute, contea di Kanawha, Virginia Occidentale. Dotatissima, Johnson ottiene il diploma di scuola superiore all'età di 14 anni. A 15 anni inizia a frequentare la West Virginia State College. Katherine Johnson si laurea in matematica e francese con la valutazione Magna cum laude nel 1937, all'età di 18 anni. Dopo la laurea si trasferisce a Marion, Virginia, per insegnare matematica, francese e musica in una piccola scuola elementare.

Nel 1938 diventa la prima donna afroamericana a aver superato le barriere segregazioniste della scuola di specializzazione West Virginia University. È stata uno dei tre studenti afroamericani, nonché l'unica donna, selezionati per integrare la scuola di specializzazione dopo una sentenza della Corte Suprema del Missouri.
Katherine Johnson ha scelto di intraprendere la carriera nel campo della matematica con interesse soprattutto per la ricerca in matematica, un percorso che presentava molte porte chiuse per le donne afroamericane in quel momento.

La NACA, diventata in seguito NASA, si era recentemente aperta all'assunzione di donne afroamericane per il loro dipartimento di Guida e Navigazione. Le viene offerto un lavoro nel 1953, che accetta subito, diventando parte del team della NASA.
Ecco cosa si sa, secondo una storia orale archiviata dal National Visionary Leadership Project:
«In un primo momento ha lavorato in un gruppo di tecnici donne che svolgevano calcoli matematici, noto come computors, "computer virtuali che indossavano gonne." Il loro compito principale era quello di leggere i dati dalle scatole nere degli aerei e svolgere altri compiti matematici precisi. Poi, un giorno, Katherine (e un collega) sono stati assegnati temporaneamente per aiutare il team di ricerca di volo tutto al maschile. La conoscenza di Katherine della geometria analitica ha contribuito a farsi alleati i dirigenti uomini e i colleghi tanto che si "sono dimenticati di farmi ritornare al vecchio team." Le barriere razziali e di genere le ha ignorate. Katherine era assertiva, chiedendo di essere inclusa nelle riunioni di redazione (dove le donne non erano mai state prima). Ha semplicemente detto alla gente che aveva fatto il lavoro e che lei apparteneva a questo lavoro.»

Dal 1953 e fino al 1958 ha lavorato come "computer", facendo analisi per temi come il sistema di riduzione a raffica per gli aerei. Originariamente assegnata alla sezione West e Computer supervisionata dal matematico Dorothy Vaughan, è stata riassegnata alla Divisione Controllo di orientamento della Flight Research di Langley. Sia lei che le altre donne afro-americane nel pool di calcolo sono state identificate come "computer colorati" e soggette alla discriminazione sul posto di lavoro, lavorando, pranzando e usando i servizi igienici separati dai loro coetanei bianchi fino a quando il pool di elaborazione dei dati formato da afroamericani è stato sciolto nel 1958.
Dal 1958 fino a quando si ritirò nel 1986, ha lavorato come ingegnere aerospaziale. Successivamente si è trasferita ai controlli Spacecraft Branch. Ha calcolato la traiettoria per il volo spaziale di Alan Shepard, il primo americano nello spazio, nel 1959. Ha anche calcolato la finestra di lancio per la missione Mercury del 1961. Ha tracciato diagrammi di backup di navigazione per gli astronauti in caso di guasto elettronico.
Nel 1962, quando la NASA ha utilizzato i calcolatori elettronici per la prima volta per il calcolo dell'orbita intorno alla Terra di John Glenn, i funzionari hanno chiamato lei per verificare i numeri del computer, perché Glenn ha chiesto di lei personalmente e ha rifiutato di volare a meno che Katherine non verificasse i calcoli.

Johnson in seguito ha lavorato direttamente con i computer digitali. La sua capacità e la reputazione per la precisione hanno contribuito a stabilire la fiducia nella nuova tecnologia. Ha calcolato la traiettoria per la missione sulla Luna del 1969 di Apollo 11 e ha lavorato alla missione Apollo 13 nel 1970. Una volta che la missione è stata interrotta, il lavoro di Johnson su procedure di backup e grafici ha aiutato a far tornare sano e salvo l'equipaggio sulla Terra, quattro giorni più tardi. Successivamente, nella sua carriera, ha lavorato sul programma Space Shuttle, l'Earth Resources Satellite e sui piani per una missione su Marte.
L’impatto sociale che ha avuto come pioniere nella scienza spaziale e nell'informatica può essere visto sia dai riconoscimenti che ha ricevuto come dal numero di volte che la sua storia è presentata come un modello di ruolo. Dal 1979 (prima che si ritirasse dalla NASA), la sua biografia ha avuto un posto d'onore nelle liste di afro-americani nel campo della scienza e della tecnologia.
Il presidente Barack Obama ha incluso Katherine Johnson in un elenco di 17 americani per il conferimento della Medaglia Presidenziale della Libertà, ricevuto il 24 novembre 2015, essendo citata come un esempio pionieristico di donne afro-americane in ambito STEM (Science, Technology, Engineering and Mathematics).
Il 5 maggio 2016, il nuovo impianto Katherine G. Johnson Computational Research è stato formalmente dedicato alla Langley Research Center a Hampton, Virginia, nel 55° anniversario del lancio del razzo storico di Alan Shepard e Splash Down, che Johnson ha contribuito a rendere possibile. Katherine Johnson è stata inclusa nella lista della serie televisiva "100 donne (BBC)", che contiene un elenco di 100 donne ispiratrici e influenti in tutto il mondo.

Nel 2016 è stato prodotto “Il diritto di contare”, un film su di lei e le sue colleghe afro-americane della NASA (in particolare l’ingegnera Mary Jackson e la responsabile del settore IBM Dorothy Vaughn), basato sul libro omonimo di Margot Lee Shetterly. La reale gravità del contesto storico-sociale, nell’atmosfera ‘bigotta’ e chiusa della società americana di allora, contrasta la determinazione e il desiderio di riconoscimento delle tre ragazze, simboli concreti per la loro piccola comunità afro-americana e per le loro famiglie.
Durante la cerimonia di premiazione dei Premi Oscar 2017 Katherine Johnson, novantottenne, è stata acclamata dal pubblico con una standing ovation.
Lei è tuttora viva e vegeta, nonostante la colossale fake news che la dava per defunta il 15 giugno 2019. Si sa che queste notizie allungano la vita!


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha