Donne di Scienza: Lise Meitner

Nel corso della sua vita Meitner subì ogni tipo di discriminazione: di genere, politica ed etnica, eppure ebbe il coraggio di prendere posizione contro l'utilizzo per uso militare dell'energia atomica. ()

6d4 Lise MeitnerNata a Vienna nel 1878, Lise Meitner diede un contributo essenziale alla scoperta della fissione atomica - la capacità di spezzare in due il nucleo atomico - che a sua volta condusse alla messa a punto della bomba atomica.
Dopo aver conseguito un dottorato in fisica all'Università di Vienna, per due anni lavorò all'Istituto di fisica teorica nel campo della radioattività. Meitner si trasferì a Berlino nel 1907, per specializzarsi con Max Planck e cominciò una collaborazione con il chimico Otto Hahn che sarebbe durata per più di trent'anni. Insieme pubblicarono diversi articoli sulla radioattività.

Nel 1926 ottenne la cattedra di fisica nucleare, che le fu tolta nel 1933 con l'avvento del nazismo, in quanto ebrea. Dopo l'annessione dell'Austria alla Germania nazista, nel 1938, Meitner fuggì a Stoccolma, da dove continuò a collaborare con Hahn per corrispondenza.
I due si incontrarono anche in segreto a Copenaghen nel novembre di quell'anno.

Hahn aveva condotto esperimenti che corroboravano l'idea della fissione nucleare, ma non era in grado di elaborare una teoria che spiegasse i risultati. Furono Meitner e il di lei nipote, Otto Frisch, a mettere a punto quella teoria e pubblicò le sue scoperte nel 1939.
Hahn pubblicò i risultati senza citare Meitner come coautrice. Secondo diversi resoconti dell'epoca, la scienziata comprese che l'omissione era inevitabile data la situazione nella Germania nazista.

"Fu così che a Meitner cominciò a essere negato il merito della scoperta della fissione", spiega Lewin Sime, che ha scritto una biografia della scienziata.
Nel 1943 venne chiamata negli USA per partecipare alla costruzione della bomba atomica, ma rifiutò.
Meitner fu discriminata anche a causa del suo genere. Una volta scrisse a un amico che essere donna in Svezia era quasi un delitto. Un ricercatore che faceva parte del comitato del Nobel si impegnò attivamente perché fosse esclusa. Così, il premio per la chimica del 1944 andò al solo Otto Hahn per le sue ricerche sulla fissione nucleare.

"Tutti i suoi colleghi dell'epoca, compreso il grande fisico Niels Bohr, non avevano dubbi sul fondamentale contributo di Meitner alla scoperta della fissione", spiega ancora Sime. Ma poiché il suo nome non era mai comparso su quel primo articolo firmato da Hahn, e poiché il Nobel l'aveva trascurata, i meriti di Meitner furono a lungo ignorati. La scienziata morì nel 1968 a Cambridge, in Inghilterra.


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha