Ariaferma

Quando il cinema aiuta a capire ciò che accade accanto a noi. ()

ariaferma tempestaPer un inghippo burocratico, un piccolo gruppo di detenuti non può lasciare nell’immediato un vecchio carcere in dismissione.
Per cui, per un periodo indefinito, alcuni detenuti e agenti devono continuare a convivere in una inedita dimensione di rapporti interpersonali.
Da una parte emergono le storie, le ansie e le disillusioni di coloro che stanno scontando una pena, dall’altra i timori, le incertezze e le frustrazioni di coloro che devono garantire le regole del sistema carcerario.
In un clima che sembra presagire il dramma, gli uni e gli altri trovano una soluzione di convivenza che si basa innanzitutto sulla scelta di abbassare i toni del conflitto ed evidenziare invece le affinità emotive e umane.

In un’atmosfera quasi rarefatta e fuori dal tempo, si srotola impeccabile una piccola storia che sembra fatta di niente. Gran parte del sorprendente risultato si deve a una superba prova d’attore di Silvio Orlando e Toni Servillo che nulla concedono allo spettacolo fine a se stesso, in una sintonia quasi perfetta di rispetto e complicità.
Regia misurata e attenta alle psicologie delle emozioni in campo di Leonardo Di Costanzo, che già aveva dato ottima prova di sé nella direzione degli attori nei suoi precedenti film.
I gesti, i dettagli, la tensione tutto contribuisce a definire un racconto onestamente equilibrato e condiviso.
Le celle, che si affacciano su una piazza interna, sembrano favorire la circolazione di stimoli positivi.
Musiche avvolgenti di Pasquale Scialò e una straniante e nitida fotografia di Luca Bigazzi.
Resta da capire per quale strana ragione un film così potente non sia stato ammesso in concorso al recente Festival di Venezia.
Un peccato perderlo.


In programmazione al Cinema Palestrina


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha