Inserire una parola da ricercare:   
  


Suggerimenti ricerca

[1-2]precedente | successiva
L'orto d'inverno. AGLIO DELLE VIGNE Allium vineale, questo il suo nome. Come i lombrichi ama la mezza ombra e le zone umide ed è comune nei vigneti, nei campi e sui bordi delle strade.
(Wanda Gradnik) 11/03/2014
[Presente nella rubrica La cura della citta]
L'ORTO D'INVERNO. La cicoria A volte nelle bustine di sementi s’intrufola un semino diverso. Così, a distanza di tempo, fra i radicchi può germogliare un seme di cicoria, Cichorium intybus, la cicoria selvatica.
(Wanda Gradnik) 15/01/2014
[Presente nella rubrica La cura della citta]
L'ORTO D'INVERNO. Il Sonco Anche nel nostro orto crescono erbe spontanee eduli che val la pena non sacrificare. Eccone una il sonco, o sonchus oleraceus, artisui in friulano.
(Wanda Gradnik) 08/01/2014
[Presente nella rubrica La cura della citta]
Non guardare solo la luna, ma anche quello che ti cresce sotto i piedi. IL LUPPOLO Humulus lupulus, Bruscandoli, Hmej, Urtissons ma universalmente conosciuto come luppolo. è essenziale nella produzione della birra, ma esistono molti altri modi per utilizzarlo.
(Wanda Gradnik) 04/12/2013
[Presente nella rubrica La cura della citta]
Nei giardini e sui balconi. LA MATRICARIA Matricaria parthenium, madriarie in friulano. L’erba madre. Talvolta cresce spontanea nei nostri vasi sul balcone e troppo spesso non la riconosciamo e la sradichiamo.
(Maria Antonietta Pellegrini e Wanda Gradnik - perito agrario) 30/10/2013
[Presente nella rubrica La cura della citta]
Non guardare solo la luna, guarda anche quello che cresce sotto i piedi! LA MALVA La malva, o malva silvestris, è una delle piante più diffuse in tutta Milano, al campo Giuriati cresce in abbondanza proprio vicino a un magazzino oltre gli spogliatoi. (Wanda Gradnik) 09/01/2013
[Presente nella rubrica La cura della citta]
Passeggiate botaniche Il 24 novembre e il 1 dicembre, abbiamo iniziato a scoprire quel mondo affascinante, ma per molti “invisibile” che vive intorno a noi, nei luoghi abbandonati, fra le crepe dell'asfalto, in un giardino incolto o sulla terra "sporca" di uno scavo aperto. Ma non è "sporco", è natura. Sono i rifugi delle erbe eduli che sopravvivono proprio dove l’uomo si dimentica di loro. Di passeggiate così, ne abbiamo già fatte due, ma se vi prenoterete, ne rifaremo altre ancora. Segnalateci il vostro interesse e vi contatteremo.
(Wanda Gradnik) 12/12/2012
[Presente nella rubrica La cura della citta]
Non guardare solo la luna, guarda anche quello che cresce sotto i piedi. LA BORSA DEL PASTORE Proseguiamo con la nostra rassegna delle erbe eduli che germogliano spontaneamente in zona 3. Questa volta vi parleremo della borsa del pastore (bursa pastoris) o Capsella. L'abbiamo riconosciuta, bella fresca in questo periodo, al CAM di via Valvassori Peroni.
(Wanda Gradnik) 06/11/2012
[Presente nella rubrica La cura della citta]