Inserire una parola da ricercare:   
  


Suggerimenti ricerca

Città della Salute: Pisapia rompe con Formigoni In una lettera al Presidente della Regione il Sindaco di Milano dichiara il suo no all'attuale progetto Città della Salute. Inaccettabili gli ultimatum, la scelta preconfezionata e solo di tipo tecnico-urbanistico. Formigoni risponde: cancella l'ultimatum ma, nei fatti, si rifiuta di ridiscutere l'accorpamento dei due istituti.
(Beppe Caravita) 31/05/2012
[Presente nella rubrica Le politiche della salute]
Serve proprio questa città della salute? Il progetto Città della Salute non ha mai ascoltato gli operatori degli istituti che dovrebbero essere spostati da Città Studi, il neurologico Besta e l'Istituto Nazionale dei Tumori. Un gruppo di professionisti ha cominciato a farlo, scoprendo esigenze ben diverse da quelle pubblicizzate ufficialmente. Al posto di progetti urbanistici calati dall'alto, emerge che l'Int non ha interesse a spostarsi, dati gli investimenti fatti. Mentre il Besta dovrebbe insediarsi nell'area di un grande Ospedale generale, per esempio Niguarda, con cui condividere i servizi. E' un quadro che Gigi Campolo, primario ospedaliero emerito, delinea passo dopo passo.
(Beppe Caravita) 23/05/2012
[Presente nella rubrica Focus]
Formigoni mette il diktat sulla città della salute
Entro il 29 maggio la Regione ha messo il termine ultimativo per la scelta o del progetto Sesto o Perrucchetti. Ma i dubbi si moltiplicano e gli assessori De Cesaris e Majorino chiedono ai lavoratori sia del Besta che dell'Istituto Tumori di attivarsi con la Regione per chiedere più tempo e così valutare tutte le alternative, anche diverse dal trasferimento, ormai contestato da molti, di ambedue gli istituti.
(Beppe Caravita) 23/05/2012
[Presente nella rubrica Le politiche della salute]
Città studi: laboratorio verde di Milano? Il progetto Campus Sostenibile, lanciato nello scorso giugno dal Politecnico e dall'Università Statale, sta arrivando ai blocchi di partenza. Tanti i progetti per Città Studi: dalle piste ciclabili alle energie alternative, alla bio-architettura, agli spazi verdi e all'alimentazione a chilometro zero. Una vetrina di innovazione concreta _ spiega Alessandro Balducci, prorettore del Politecnico e coordinatore del progetto _ che verrà costruita anche con la partecipazione della Zona e dei suoi cittadini. Approccio partecipativo anche per la piscina Ponzio, ancora in attesa di un finanziamento da parte del ministero dell'istruzione-università-ricerca.
(Beppe Caravita) 22/02/2012
[Presente nella rubrica Focus]