Bella ciao, Milano!

Il ruolo delle donne nella Resistenza, argomento di un itinerario che dalla Giornata della Memoria condurrà al prossimo 25 aprile: Milano esalta il contributo femminile alla guerra di liberazione e alla nascita della Repubblica italiana. ()

partigiane WEBNella storiografia - purtroppo anche contemporanea - e nella manualistica abbondano le ricostruzioni che trascurano il ruolo delle donne, frequentemente sottovalutato o squalificato. È raro che una donna che non fosse un’aristocratica, una principessa o una badessa, potesse avere un ruolo significativo nello svolgersi di una vicenda degna di essere tramandata, con significative eccezioni nella storia dei più recenti moti rivoluzionari dei secoli a noi più vicini.
Nel periodo della guerra civile che portò alla nascita della nostra Repubblica, furono donne di tutte le condizioni sociali, operaie e giovani studenti diciassettenni come Tina Anselmi, con le loro biciclette e un coraggio indomabile, a dare un contributo rilevante a una vicenda storica cruciale come la lotta contro il nazifascismo, che dà origine - anche in quanto mito fondativo - alla società italiana contemporanea.

A Milano, città chiave della vicenda insurrezionale, si svolgono in questi giorni iniziative che pongono a tema la partecipazione delle donne alla Resistenza, le nostre Partigiane, cui non molto tempo fa è stata anche intitolata una piazza.

Il percorso di rivalutazione del ruolo femminile in quest’epoca storica è idealmente iniziato quest’anno in occasione della Giornata della memoria con Valeria Palumbo - storica, scrittrice e giornalista a noi molto cara -  e il suo gruppo di attrici, sostenute dal commovente contributo musicale dei ragazzi della scuola media guidati dallo stimato collega Maurizio Disoteo. Una serata intensa e commovente di cui sono state protagoniste le donne della nostra stessa zona.
Sono state raccontate, con documenti storici, cinque giovani eroine che potrebbero essere letteralmente descritte come vicine di casa: Jenide Russo abitava in via Paisiello 7 ed è stata arrestata in Via Aselli. Concettina Principato era in via Gran Sasso e Alda Levi Spinazzola in Viale Romagna, ma di lei vi parlerò in una puntata speciale di Artediparte, perché merita  - per motivi singolari -  tutta l’attenzione e la gratitudine delle donne milanesi.

Valeria Palumbo ha ricordato e testimoniato la vita di cinque donne della Resistenza, celebrandole con la parola e il canto, come sa fare lei, nell’Auditorium di una scuola media di zona, la S. Caterina da Siena (V. Monteverdi, 6), che ebbe un ruolo come deposito di munizioni in quei giorni così bui e importanti. Ci ha fatto sentire i passi furtivi e ansiosi di queste concittadine risuonare ancora nelle strade in cui camminiamo libere e sicure grazie al loro sacrificio.
La ricostruzione storica in lei si fa sempre celebrazione -  quasi liturgica, sebbene in senso laico - di una parola condivisa in gangli vitali della cultura e della memoria, come le biblioteche e le scuole, e guarda alla costruzione della coscienza critica, soprattutto dedicata alle e ai giovani.

Per l’8 marzo nell’Auditorium della Biblioteca di zona in via Valvassori Peroni si è svolto poi, con il contributo delle musiche di Andrea Labanca, un reading di e con Livia Grossi su due storie femminili di Resistenza, a cura dell’associazione Drago Verde. Nella stessa data al Museo del Fumetto è stato proiettato un documentario del 2009 realizzato da Alessia Proietti e Giuditta Pellegrini dal titolo Bandite che ha inaugurato l’esposizione di Bruna e Adele 70 anni dopo, una graphic novel in sessanta tavole di Reno Ammendolea con la collaborazione di Marsia Modola, e la mostra Donne Resistenti - ieri e oggi, organizzata dall’UDI di Reggio Calabria. Entrambi al WOW Spazio Fumetto di Viale Campania in questi giorni.

Importanti esempi di una stagione complessiva di rivalutazione del contributo femminile alla storia della nostra città?
Lo speriamo, e ci auguriamo possa estendersi ad altri ambiti ed epoche storiche.

E ancora, lunedì 9 marzo, in una sala affollatissima di giovani, attrici e donne con ruoli e competenze politiche e culturali diverse - davvero bravissime nella lettura Francesca Balzani, assessora al bilancio, e Francesca Zajczyk, delegata alle PO -  hanno dato voce, con semplicità ed efficacia, agli scritti di donne del recente passato e di oggi che possono essere definite in molti sensi “resistenti”.
I loro testi sono risuonati fra di noi, onorando le donne che hanno fatto o stanno facendo la storia del mondo.
Come ci ha ricordato Arianna Censi, segretaria del Pd per Milano città metropolitana, è solo nella memoria dei valori che è possibile sentirsi e costituirsi come comunità. Comunità di donne e di uomini insieme. Siamo davvero felici che le giovani donne di oggi possano trovare, in occasioni come queste, figure femminili in cui rispecchiarsi con dignità e, come vedrete, con così grande emozione.
La serata, parte di un calendario molto fitto di appuntamenti, che vi invitiamo a seguire sul sito in calce, celebra il settantesimo della liberazione con metodi innovativi di finanziamento e progettazione, e iniziative dal sapore nuovo: interessanti i tour nei luoghi della Milano della Resistenza, il 29 marzo e l’11 aprile, e il trekking nelle montagne lecchesi sulle orme della Brigata Rosselli per sabato e domenica 18 e 19 aprile.

Vi segnaliamo anche il 19 marzo presso lo spazio SEicentro (via Savona 99) alle ore 18, l’inaugurazione della mostra La resistenza è donna, dedicata a Bianca Orsi, scultrice nata nel 1915, medaglia di bronzo delle Brigate Garibaldi, visitabile fino al 31 marzo.

Alle nostre care lettrici, soprattutto alle più giovani, dedichiamo in particolare uno stralcio della più toccante delle letture del 9 marzo, dedicata alle donne della Resistenza. Ma vi consigliamo di leggere integralmente la lettera che abbiamo trovato sul sito di Radio3, a questo link.

Miei cari genitori,
(…) mi separo da voi, vi saluto, vi amo. Non piangete, io non piango. Me ne vado senza lamenti, senza convulse paure, senza dolore. (…) Sono stata a passeggio, all’aria satura del fluido della primavera, del tepore; splendore, profumi e ricordi. La poesia delle cose di ogni giorno toccava, con fare tiepido e gradevole, il nervo nudo dell’anima. Profumo di patate bollite, fumo e rumore di cucchiai, uccelli, firmamento. La vita. La vita col suo battito quotidiano. Amatela, amatevi, imparate l’amore, difendete l’amore, propagate l’amore. Che sentiate, come me, la bellezza dei suoi doni naturali, questo desidero! Che riusciate a prendere e propagare!

Marie Kuderikova, decapitata a 22 anni e due giorni.

A tutte noi l’augurio di buona  - amorosa e vera! - Primavera.

Loredana Metta
lartediparte@gmail.com


Il sito delle manifestazioni del Partito Democratico, Bella ciao Milano, contiene documentazione storiografica e fotografie d’epoca.
Una pagina del sito riporta il programma delle prossime iniziative.



Tags:
antifascismo, donne, lotta, partigiane

Commenta

Re: Bella ciao, Milano!
20/03/2015 vittoria
Grazie Loredana

per questo articolo appassionato e coinvolgente.Ero presente alla serata " Le donne della resistenza" alla Camera del lavoro,lunedì 9 marzo. Nel tuo articolo hai saputo ricreare il clima di commozione e partecipazione intensa che si respirava.
Una bella serata che il tuo articolo mi ha fatto ritrovare.

Vittoria


Re: Bella ciao, Milano!
17/03/2015 Loredana Metta
Vi segnaliamo che Livia Grossi e Andrea Labanca sono al Teatro della cooperativa dal 16 al 18 marzo con uno spettacolo testimonianza dal titolo Nonostante voi
Storie di Donne Coraggio.


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha