Il miglio delle culture

Domenica 18 maggio, l’antico Stradone di Loreto, chiuso al traffico per l’occasione, si trasformerà in un lungo e articolato percorso, un viaggio multicolore dedicato alla cultura e alle culture del mondo.
()

corso buenos ayresLa manifestazione, ideata e voluta dal Consiglio di Zona 3, si avvale del coordinamento dell’Associazione Città Mondo proprio per indicare la volontà di far conoscere e di far interagire espressioni culturali diverse tra loro. Le attività si concentreranno nel tratto compreso tra viale Tunisia e piazza Argentina dove si alterneranno performance di varia natura: danze e laboratori per bambini, spettacoli di strada e musiche dal mondo, giochi e letture teatrali.

Numerose sono le realtà coinvolte, associazioni e istituzioni varie, rappresentanze delle comunità straniere e istituti scolastici, librerie e teatri.
Tra l’altro, aspettatevi di essere coinvolti in danze e musiche africane, concerti di percussioni cubane, africane, Srilanka e Bangladesh, bands giovanili, mostre, letture di poesia e animazione per bambini.
Oltre alle comunità straniere già citate, saranno presenti incontri con le culture e le tradizioni dell’America Latina, dell’Ecuador, della Repubblica Ceca, della Russia, della Mongolia e del Perù.
Tra le numerose iniziative, i giovani studenti della Fondazione Milano (Scuole civiche) si esibiranno in due giullarate tratte dal Mistero buffo di Dario Fo.

Afferma Renato Sacristani, presidente del Consiglio di Zona 3:” Il Miglio delle Culture non è un evento qualsiasi… è la dimostrazione che i Consigli di Zona, pur con risorse limitate, riescono a sostenere la cultura di base, quella fatta da mille forme di associazioni. Che è poi la possibilità di trasformare l’immagine dell’Expo degli appalti nell’Expo dei popoli”.
Dalle 10 alle 23 di domenica 18 maggio si apriranno” le strade alle tante anime di Milano”, come dice l’assessore Chiara Bisconti del Comune di Milano. E ben venga.

La manifestazione, che ha avuto il sostegno del Consorzio Buenos Aires, prevede la concreta collaborazione di tre teatri di zona che effettueranno sconti sui biglietti di ingresso agli spettacoli del pomeriggio di domenica. Bella occasione per conoscere da vicino il lavoro del Teatro Elfo Puccini, del Teatro Leonardo e del Teatro Menotti.

Tra le presenze, si segnala, all’angolo tra il corso e via Piccinni, quella del ComitatoxMilano di zona 3 che garantirà incontri con i Gas di zona, comitati e associazioni varie impegnati nel miglioramento della qualità della vita nei nostri quartieri. Sarà organizzato anche un bookcrossing (ricordatevi di portarvi un libro per poterlo scambiare) e avranno spazio spettacoli musicali e dibattiti.

Infine, anche il nostro giornale avrà una sua postazione, collocata esattamente di fronte al Teatro Elfo Puccini, che, anche grazie alla collaborazione con il teatro stesso, ospiterà una “radio di strada” con la volontà di animare il pomeriggio di domenica con interviste a personaggi della cultura e dello spettacolo che vivono nella nostra zona, letture di brani e poesie ispirati ai nostri quartieri e un po’ di musica.
Tra gli altri, abbiamo invitato a intervenire Massimo Cirri, Patrizia Valduga, Umberto Fiori, Fabio Treves, Michele Mozzati, Silvano Piccardi, Renato Sarti e molti altri personaggi.
Abbiamo anche chiesto di incontrare gli artisti che, giusto quella domenica, si esibiscono all’Elfo Puccini, tra cui Giovanna Marini, Umberto Orsini, Cristina Crippa, Ida Marinelli e Elio De Capitani.

La nostra “radio di strada” darà voce alle persone che lavorano nel mondo della cultura e che ne conoscono la realtà e le problematiche.
Ci attende una domenica molto intensa per divertirsi e per riflettere, per partecipare e per conoscere, per diventare consapevoli di essere, più che mai, cittadini del mondo.



Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha