A teatro e al cinema…a piedi: Sogno di una notte di mezza estate

Quelli dei Grock vestono e reinterpretano,  con la loro fisicità, l'opera di Shakespeare. ()

sogno di una notteForse nessun'altra opera di Shakespeare si adatta meglio al carattere di Quelli dei Grock. Le danze di Elfi e Fate nel bosco durante la notte del solstizio d'estate e la sgangherata compagnia di attori, aiutano Valeria Cavalli e Claudio Intropido, i due registi, a dare corpo ad una tipica rappresentazione della Compagnia.
L'alternarsi dei tre aspetti del racconto riesce a dare un ottimo ritmo nonostante le due ore e mezza di spettacolo, senza mai momenti di cedimento.
Anche con l'aiuto di effetti di proiezione sullo sfondo della parte recitata di Oberon e Puck, lo spettacolo dona alla scena forma e spessore.
Personalmente ho provato un poco di irritazione per la rappresentazione dei comici in scena, chiaramente ispirati al trio Aldo, Giovanni e Giacomo, ma il pubblico comunque ha apprezzato.
E qui entra in scena la capacità di Quelli dei Grock di coinvolgere il pubblico attraverso battute, canzoni, balletti e lazzi.

Da notare la recitazione soprattutto di Sabrina Marforio (Ermia) e Andrea Narsi (Puck).

Sogno di una Notte di Mezza Estate
Teatro Leonardo
via Ampère 1
dal 7 al 29 dicembre 2012



Paolo Morandi


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha