Commissione Pari Opportunità: “Tavolo Lavoro”

Lunedì 24 ottobre e 7 novembre, dalle 19 alle 21, si sono tenute a Palazzo Marino le prime sedute del "Tavolo Lavoro" nell’ambito della Commissione Pari Opportunità, introdotte e coordinate dalla Presidente Anita Sonego. L’obbiettivo degli incontri è di accogliere le esigenze della cittadinanza e trasformarle in delibere. Gli incontri avverranno ogni lunedì, con cadenza mensile, fino a gennaio. ()

donne tra lavoro e famigliaNel primo incontro,Anita Sonego indica come procedere: è una serata di impostazione
L’obbiettivo degli incontri è pratico
1° conoscere provenienza e competenze delle partecipanti
2° raccogliere le esigenze
3° formulare proposte per azioni concrete.

Numerosi gli interventi delle donne partecipanti che hanno affrontato tutte le problematiche che incontrano le donne che hanno un lavoro o che lo cercano; è stato deciso di condividere i dati delle ricerche già disponibili, i temi individuati per i prossimi incontri prevedono, nel loro svolgersi, un incontro con l’assessore al lavoro nel mese di gennaio 2012:

  1. Visibilità della presenza a Milano di donne lavoratrici

  2. Comune sponsor di iniziative

  3. Individuazione e sostegno, diffusione di innovazione nei servizi, nella contrattualistica, nella organizzazione del lavoro

  4. Nel secondo incontro, dopo l’approfondimento dei temi proposti si è deciso di convergere su alcuni temi forti, formando dei sottogruppi e creando proposte concrete da sottoporre alla Commissione e quindi al Comune.

Di seguito, viene riportata una sintesi del verbale:

Hanno preso la parola 30 donne. Interessante sottolineare la composizione: molte donne “esperte” dei temi di genere, altre rappresentanti di associazioni, di gruppi definiti, altre “single” interessate a portare la propria personale esperienza, tutte riconoscendo nell’incontro un luogo nuovo e innovativo: per qualità del dialogo, per l’intreccio intergenerazionale e ottiche diverse sul tema del lavoro. Tema che si configura come complesso e sfaccettato, e di centrale importanza in un quadro di grandi cambiamenti. Questo incontro/tavolo-lavoro viene colto come opportunità innovativa ancora da esplorare e sperimentare, il mix di saperi ed esperienze, personali e politiche consistente e visibile nel corso della riunione, è stato apprezzato come tratto distintivo.

Temi toccati sia nelle presentazioni che negli interventi:
mobbing, mobbing al rientro dalla maternità, lavoro delle donne nelle aziende, esigenza di orientamento professionale mirato, conoscenza del mercato del lavoro “povero”; conciliazione, raccolta e analisi condivisa dei dati esistenti sulla presenza di donne nel mercato del lavoro della città, lavoratrici autonome ed esigenza di maggiori condivisioni, coworking, analisi numerica dell’impatto della manovra sulle vite delle donne ora del tutto assente; attività di educazione per sostenere le donne che vivono un doppio ruolo, esigenza di modifiche profonde di un sistema dei servizi ancora di tipo fordista che non incrocia le vite di coppie- e non coppie- di genitori, precarietà di molte esistenze, valorizzazione della genitorialità, numero elevato di donne nella Pubblica Amministrazione come portatrici di innovazione, varie forme del lavoro attuali: quello autonomo, quello precario, quello che non c’è, quello del fare impresa; questione della carriera, valorizzazione dell’esperienza milanese di CdA nelle partecipate per best practices.

Decisioni assunte: condividere i dati delle ricerche già disponibili

Nei prossimi incontrii temi fin qui individuati si raccolgono intorno a 3 punti, su cui costruire un percorso ulteriore fatto anche di un incontro con l’assessore al lavoro nel mese di gennaio 2012:

  1. Visibilità, anche attraverso azioni, della presenza a Milano di donne lavoratrici, in modi e forme differenti, esigenza di riconoscerne la presenza.
  2. Comune sponsor di iniziative per incrementare la presenza qualificata del lavoro delle donne.
  3. Il Comune può avviare campagne culturali sulla stessa traccia.
  4. Individuazione e sostegno, diffusione di innovazione sia nei servizi, (alla persona, al lavoro) sia nella contrattualistica, sia nella organizzazione del lavoro (in Comune, nelle partecipate su 15.000+30.000 addetti, è maggiore la percentuale di donne)

Nel secondo incontro, dopo l’approfondimento dei temi proposti si è deciso di convergere su alcuni temi forti, formando dei sottogruppi e creando proposte concrete da sottoporre alla Commissione e quindi al Comune.

Si insiste sulla necessità di dar visibilità alla multipresenza delle donne nel lavoro, intendendo con lavoro non solo quello del mercato ma anche quello delle relazioni e della cura; e di sponsorizzare una cultura che dia più tempo al lavoro non di mercato. Un diverso sguardo sulle possibilità di lavoro da anziani, lasciare la possibilità di lavorare oltre la pensione in modo parziale e con altre modalità o lasciare andar via.

Chi si spende per le ultime delle ultime, le carcerate, proponendo l’istituzione di uno sportello che le informi sui loro diritti e le orienti nel reinserimento all’uscita.

Chi individua come priorità l’estensione dell’indennità di maternità a tutte le donne che ora non ne hanno diritto.

Anita Sonego interviene e consiglia di non chiedere soldi: i soldi non ce ne sono!

A questo proposito qualcuna esorta a rivolgersi altrove: in Europa i soldi ci sono, anche il Comune potrebbe partecipare ai bandi e agli stanziamenti europei. Si potrebbe creare un centro di intercettazione dei bandi e dei fondi con consulenza gratuita su come formulare e sul percorso delle domande.

Ci si chiede in quanti momenti il Comune potrebbe essere garante nelle nostre richieste di denaro alle banche. E a proposito dei grandi bandi europei, potrebbe essere il Comune a partecipare per nostro conto.

Altri temi molto sentiti: la questione economica, come vengono usati ora i fondi e quali pratiche mettere in atto per esercitare delle pressioni? Il bilancio di genere. Il bilancio trasparente. La necessità di una mappatura delle associazioni e di una condivisione di dati e di saperi; di spazi sia fisici, visibili, raggiungibili e riconoscibili dove si possa raccogliere tutto ciò che sia di servizio alle donne (centri donna), sia virtuali (rete donna, una parte del sito del comune dedicata alle donne). Il coworking e la possibilità di uso degli spazi liberi del demanio, per superare le difficoltà economiche e uscire dalla solitudine del lavoro.

Un altro suggerimento è l’utilizzo con affitti calmierati, del grande numero di spazi vuoti, negozi, laboratori, magazzini, per iniziative culturali che rivitalizzino la città.

A proposito delle politiche per la famiglia si insiste sulla necessità del cambiamento culturale dei comportamenti e del ribaltamento dello sguardo nell’organizzazione del lavoro, di tempo flessibile, di servizi alle famiglie (confronto disperante Milano-Parigi), di part time allargato ai due genitori.

Altro tema interessante è quello del curriculum anonimo - nel quale non si chiede sesso, età, nazionalità - passo avanti contro le discriminazioni.

Alle 21 chiusura del dibattito. Il prossimo incontro a dicembre.

Federica Neef

Gruppo Donne e Cultura di Zona 3 x Milano


Tags:
lavoro delle donne nelle aziende, mobbing, mobbing al rientro dalla maternità

Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha