Ti invito a Fedora

Dal 3 al 7 dicembre l’Auditorium Stefano Cerri ospita una manifestazione di arte e musica rivolta anche a persone con disabilità sensoriali. ()

fedoraFedora, “metropoli di pietra grigia”, è una delle città invisibili di Italo Calvino, la città ideale e il suo controverso contrario. Alla città letteraria di Calvino si ispira il progetto realizzato dall’Associazione Culturale Fedora che, in collaborazione con il Municipio 3, verrà presentato all’Auditorium Stefano Cerri di via Valvassori Peroni 56 dal 3 al 7 dicembre.
Al centro dell’evento sta l’installazione “In utero”, una pedana sensoriale creata da Alfredo Di Gino Puccetti per il proprio figlio affetto da sordità, che è capace di trasformare i segnali sonori in vibrazioni percepite dal corpo. Il progetto si avvale dell’apporto del musicista Tia Airoldi che ha ricreato sonorità e ambienti sensoriali.

L’iniziativa vuole coinvolgere un ampio pubblico ed è anche rivolta a persone con disabilità sensoriali.
Nell’ambito dell’iniziativa, venerdì 6 dicembre alle ore 18, si potrà partecipare ad “Aperisegno”, un aperitivo/gioco nella lingua dei segni. Alle ore 23 dello stesso giorno avrà invece luogo un concerto di Tia Airoldi che, utilizzando le potenzialità della pedana sensoriale, proporrà una selezione dei suoi brani.
Durante l’intera manifestazione saranno inoltre esposte stampe calcografiche realizzate da Michela Concetti, bassorilievi cartacei che “si propongono di rappresentare la difficoltà di espressione e comunicazione”.
L’inaugurazione della manifestazione è prevista per le ore 18 del 3 dicembre. Per saperne di più e per prenotare la partecipazione è opportuno visitare il sito www.assnefedora.com


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha