Prossimamente ....Le vie del cinema 2019

Dal 18 al 26 settembre ritorna nei cinema milanesi la storica rassegna che presenta i film provenienti dai Festival di Venezia e Locarno. ()

le vie del cinema 2019Edizione numero 40 di quella che un tempo si chiamava “Panoramica/I film di Venezia a Milano”, una più che meritoria rassegna che, come da tradizione, apre ufficialmente la stagione nei cinema cittadini.
38 film, 1 evento speciale, 14 cinema coinvolti (tra cui, per prossimità territoriale, Arcobaleno Film Center, Palestrina e Plinius).
Numeri importanti che sapranno suscitare interesse e curiosità tra tutti coloro, cinefili e non, che amano il buon cinema, fuori dalle facili commercializzazioni.
Del resto i festival servono, o dovrebbero servire, per far conoscere cinematografie lontane, che qualcuno osa ancora definire minori, film che, per loro natura, difficilmente potranno raggiungere la distribuzione, opere coraggiose, giuste o sbagliate che siano, che dimostrano comunque la voglia di raccontare storie, confrontarsi, provocare e persino anche imbarazzare.
Se poi l’ultimo Festival di Venezia viene vinto da “Joker” di Todd Phillips, con Joaquim Phoenix, che non avrebbe avuto né avrà difficoltà alcuna a essere accettato dal mercato, il dibattito si accende e diviene ancor più interessante.
Del resto recenti vincitori del Leone d’oro sono stati sia “La forma dell’acqua” (2017) che “Roma” (2018) consacrati poi dall’Oscar.
Il 17 settembre apre la rassegna milanese la proiezione di “Once Upon a Time in…Hollywood” di Quentin Tarantino, in forma di evento presso il cinema Orfeo, e dal 18 la lunga sequenza di opere tra cui, solo per citarne alcune, “Gloria Mundi” di Robert Guédiguian, per cui la protagonista femminile Ariane Ascaride ha ricevuto la Coppa Volpi per la migliore interpretazione, “Adults in the Room” di Costa-Gavras, “Il sindaco del Rione Sanità” di Mario Martone, trasposizione cinematografica di un famoso dramma di Eduardo De Filippo, “No.7 Cherry Lane” di Yonfan e “All this Victory” di Ahmad Ghossein, Gran premio della Settimana internazionale della critica.
Per nazional sciovinismo, da non confondersi con il populismo/sovranismo, vale citare i “nostri” “Il pianeta mare” di Andrea Segre e “Sole” di Carlo Sironi.
Per ciò che riguarda il Festival di Locarno, saranno in rassegna “Les enfants d’Isadora” di Damien Manivel, Pardo per la miglior regia, e “Nafi’s Father” di Mamadou Dia, Pardo d’Oro Cineasti del Presente.
Alle ore 18 del 16 settembre, presso il cinema Palestrina, i critici Paolo Maereghetti, Bruno Fornara e Daniela Persico presenteranno al pubblico il programma della manifestazione.
Il programma completo (sono ancora possibili alcuni inserimenti), così come tutte le informazioni di carattere organizzativo (elenco sale cinematografiche, acquisto tessere e biglietti), sarà disponibile venerdì 13 settembre su www.lombardiaspettacolo.com
Organizza come sempre Agis Lombardia, con il supporto di Comune di Milano, Regione Lombardia e sponsor vari.
E’ stato anche annunciato che con questa edizione termina, per raggiunti limiti di età, la lunga e appassionata attività di coordinatore della rassegna di Stefano Losurdo, segretario regionale Agis. Chapeau.
Le Vie del Cinema anche quest’anno si inseriscono nella più ampia manifestazione “Milano Movie Week”, contestualmente presentata dall’assessore alla cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno.
Dal 13 al 20 settembre, la città verrà attraversata da decine di iniziative dedicate al mondo del cinema e dell’audiovisivo. Le manifestazioni e i protagonisti sono così numerosi che è buona cosa rimandare al sito www.milanomovieweek.it in cui trovare soddisfazione alla propria curiosità e alla propria fame di cinema.
Tra i tanti, sono coinvolti FuoriCinema, Anteo, il Cinemino, il Polo Audiovisivo Manifattura Tabacchi (Cineteca Italiana, Civica scuola di cinema Luchino Visconti, Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia), Fondazione Prada, Triennale di Milano, Fondazione Litta, Mare Culturale Urbano e moltissimi altri ancora.
Da segnalare, infine, che per l’occasione verrà inaugurata la “Sala Fuoricinema” all’interno della II Casa di reclusione di Milano-Carcere di Bollate che, in futuro, verrà aperta in alcune occasioni anche al pubblico esterno. Bella idea.
Come a tavola, anche per il cinema l’appetito vien guardando…


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha