Emilio Tadini 1967-1972/Davanti agli occhi, dietro lo sguardo

Sino al 28 giugno la Fondazione Marconi ospita una mostra di pittura dedicata agli esordi artistici di Emilio Tadini. ()

DSC08718 (1)Nella rigorosa cornice dei locali espositivi della Fondazione Marconi trovano congrua collocazione oltre settanta opere pittoriche dell’artista milanese, scomparso nel 2002.
Pittore, scrittore, poeta e saggista Emilio Tadini ha ben rappresentato, nella seconda metà del ‘900, un eclettismo artistico sempre di alto livello professionale, come dimostrano i vari riconoscimenti sia in campo letterario che nel mondo dell’arte.
Dotato di una grande capacità narrativa, anche le sue opere pittoriche sono veri e propri “racconti per immagine”, dove il reale (le situazioni e gli oggetti quotidiani) si innerva con il surreale e con l’onirico.
I tratti geometrici, l’uso del colore, il bagaglio culturale che sta dietro l’atto pittorico contribuiscono a creare un mondo di immagini al contempo evocativo e criptico, ciclicamente letterario.
Numerosi in mostra i riferimenti culturali da Voltaire (vedi il ciclo “Vita di Voltaire”) a de Chirico sino a Malevic di cui Tadini riprende alcune soluzioni spaziali.
Forte il rimando alla psicanalisi e all’uso della parola come chiave interpretativa (art, exit, aria, cosa …).
Nelle opere del ciclo “Color & Co” (anni 1969 e 1970) il colore predomina come ricerca di collocazione temporale, sempre però con l’intento e lo spirito di raccontare storie.
Dalle note di presentazione della mostra:” Tadini domina con singolare capacità due tipi di linguaggi, il visivo e il letterario, lavorare per cicli lega anche la sua pittura alla cultura letteraria e in particolare alla pratica della scrittura di cui è maestro. Il suo lavoro è dunque luogo di convergenza di linguaggi differenti”.
Non a caso diceva di lui Umberto Eco: ”Uno scrittore che dipinge, un pittore che scrive”.

Emilio Tadini 1967-1972
Davanti agli occhi, dietro lo sguardo
Fondazione Marconi
Via Tadino, 15 Milano
Dal martedì al sabato: ore 11-19
Ingresso libero

(Massimo Cecconi)


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha