La stagione 2016/2017 di Manifatture Teatrali Milanesi

Teatro per tutti al Leonardo. Drammi, commedie, passioni, divertimento. Non è certo poco.


()

la bottega del caffe? callegaro immagine

Seconda stagione per la compagine di MTM, acronimo che sta per Manifatture Teatrali Milanesi, nata dall’accordo di programma tra il Teatro Litta, elegante teatro di corso Magenta, e la Compagnia di Quelli di Grock che, come noto, gestisce il Teatro Leonardo di piazza Leonardo da Vinci.

Per competenza territoriale, diciamo così, ci occuperemo della programmazione della sala di piazza Leonardo, rimandando al sito del teatro per il cartellone completo.

Principale novità della stagione è l’adesione a MTM di Corrado d’Elia che ha lasciato il suo Teatro Libero per affrontare una nuova stagione drammaturgica.

Il filo conduttore della nuova stagione è stato definito intorno al tema dell’identità secondo la definizione che ne h dato Raffaele La Capria:” Un’identità forte è una finestra sul mondo, capace di includere in sé anche le altre. Se è debole, invece, si limita a glorificare se stessa”.

Non c’è che dire, obiettivo decisamente impegnativo. Garantiscono i responsabili artistici che rispondono al nome di Gaetano Callegaro, Valeria Cavalli, Corrado d’Elia e Antonio Syxty.

Si parte con la prima produzione a fine novembre. Sulla scena “L’arte della menzogna” per la regia di Valeria Cavalli e Claudio Intropido e l’interpretazione di Andrea Robbiano che declina la parabola di un “caccia balle” incorreggibile. Segue, dal 17 al 29 gennaio, “Il più bel giorno della mia vita” sempre con la regia di Valeria Cavalli, anche autrice, e di Claudio Intropido. Forse è inutile sottolineare che il più bel giorno, almeno così dicono le statistiche al femminile, è quello del matrimonio. 

Ad aprile ritorna “Fuori misura” spettacolo in cui Andrea Robbiano ha avuto modo di farsi apprezzare per la sua vena affabulatoria nel raccontare un Giacomo Leopardi fuori dagli stereotipi delle aule scolastiche. Ancora una volta la regia è firmata Cavalli/Intropido.

Altro ritorno (dal 26 aprile al 7 maggio) per “La bottega del caffè”, presentato con successo nella scorsa stagione. Il protagonista don Marzio è qui interpretato da Gaetano Callegaro, attore e regista storico del Teatro Litta. Provate a indovinare di chi sia la regia.

Tra le varie ospitalità, spesso marcatamente “leggere”, il Leonardo presenta a novembre “Riccardo Rossi: That’s Life” in cui il simpatico attore romano cerca di dare risposte ai grandi quesiti della vita, mentre dal 17 al 20 novembre sarà in scena Francesca Reggiani con “Tutto quello che le donne (non) dicono”.

Grande attesa a marzo per un “Romeo e Giulietta” diretto e interpretato da Corrado d’Elia alle prese con la sua rilettura di un classico intramontabile.

Ecco in estrema sintesi una stagione di teatro per tutti che non trascura, tra l’altro, l’intrattenimento e il didascalico.

Campagna abbonamento in corso per riservarsi, a prezzi ragionevoli, i migliori posti della vasta platea del teatro Leonardo.

Per conoscere la programmazione completa è utile consultare il sito www.mtmteatro.it

In alto il sipario.



Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha