La via preferita dal generale Cambronne

Tra il serio e il faceto, giusto per indignarsi con il sorriso sulle labbra.

()

IMG 8732

Pierre Jacques Étienne visconte di Cambronne, generale napoleonico, lasciò questa valle di lacrime il 29 gennaio 1842, quindi all’incirca 174 anni orsono. Leggenda vuole che nel corso della sfortunata, per i francesi almeno, battaglia di Waterloo il Cambronne pronunciasse quella parola per cui è famoso tra gli uomini.

Ora, circa 200 anni dopo la fatidica battaglia, ci fa piacere pensare che il nostro amato generale, se potesse tornare in vita, eleggerebbe a sua dimora elettiva quella strada milanese che s’intitola via Garofalo, almeno nel tratto tra via Donatello e viale Gran Sasso, con preferenza per il marciapiede di destra per chi proviene dal viale.

Su quel trottoir (direbbe Cambronne) il visconte generale troverebbe tracce indelebili e inconfutabili della sua parola preferita, quel motto che lo ha reso famoso e citatissimo ogni qualvolta viene evocata una rappresentazione scatologica anche nel nostro vivere quotidiano.

E allora, con assoluto sprezzo del pericolo, come se foste in battaglia, percorrete via Garofalo e, passo dopo passo, capirete la potenza evocativa della famosa parola. M…


p.s. Poiché, come è noto, la vita è piena di contraddizioni, nella stessa via compaiono anche espressioni molto poetiche…








Commenta

Re: La via preferita dal generale Cambronne
14/01/2016 simonetta spalluto
Non dimentichi via Bronzino, dove tra auto parcheggiate male e m.... non si può più camminare sui marciapiedi!


Re: La via preferita dal generale Cambronne
14/01/2016 Paolo
Il generale dovrebbe passeggiare anche lungo via Renato Fucini...


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha