Il Politecnico ci riprova con la Piscina Ponzio

Un nuovo progetto del Politecnico, cerca di rimettere mano sul Centro Balneare. ()

ponzio 2Nel 2011 il Centro Balneare Romano, detto anche Piscina Ponzio, è stato oggetto di una delibera, preparata dalla precedente Amministrazione Moratti, ma approvata dalla Giunta Pisapia, che dava la disponibilità, poste determinate condizioni, a dare la gestione dell'intera area al Politecnico di Milano.
Ne parlai in modo esauriente nell'articolo intitolato "Chi deciderà le sorti della piscina Ponzio?" in cui cercai di elencare tutti i tanti punti in ballo.
Ai punti di allora se ne aggiunge uno importante: il  Vincolo della Sovrintendenze alle Belle Arti sull'intera area. Altro punto che cambia i termini posti un anno e mezzo fa è la necessità, nel caso il progetto vada in porto, di spostare il comando dei vigili dalla palazzina di via Ponzio, perché compresa nell’area oggetto della delibera di Giunta che ne prevede l’affidamento al Politecnico..
Il vincolo  la volta scorsa, ha impedito al Politecnico di proseguire nel progetto, ma ora, essendo entrati in graduatoria per il finanziamento del MIUR, il Politecnico ha deciso di procedere con un nuovo progetto in cui la parte residenziale verrebbe ottenuta con una stecca nell'area sud dei giardini di via Zanoia, alta di due piani più sopra un porticato alto 3mt.



Le questioni sono ancora una volta tante, ma partirei innanzitutto da quelli che sono unanimamente indicati come punti imprescindibili:
  • totale svincolo dei giardinetti di via Zanoia dall'impianto sportivo
  • salvaguardia dei giardinetti di via Zanoia
  • ristrutturazione della vasca
  • ristrutturazione degli edifici ad est (via Ponzio) per il loro adattamento a servizi e spogliatoi
  • fruizione dell'area anche in periodo invernale
  • gestione pubblica del centro balneare

I primi studi di progetto presentato dal Politecnico prevedono, oltre alla costruzione del nuovo fabbricato, anche la ristrutturazione e l’assegnazione di nuove diverse funzioni agli stabili  nella parte attualmente occupati dalla libreria CLUP,  e, dagli spogliatoi e dal Comando dei Vigili di Zona 3. Per questi lavori, oltre all'ottenimento del finanziamento da parte del MIUR, il Politecnico potrebbe ricevere  anche un finanziamento privato .
Tutto, però, va meglio precisato a partire dall’obiettivo finale dell’operazione.

Noi tutti sappiamo che, mentre il Politecnico trae sicuramente vantaggio dalla realizzazione di una nuova residenza universitaria in una zona così prestigiosa, la collettività milanese e zonale vive il problema di un centro balneare estivo in difficoltà perché la vasca ha urgente bisogno di un intervento di ristrutturazione che ne elimini le perdite d’acqua, in assenza del quale e l’intero Centro Balneare rischia la chiusura, con un danno enorme alla cittadinanza e all'immagine di questa amministrazione.

Questi sono i principali interessi che vanno composti.
Come ?
Il lavoro è solo all’inizio: occorre ragionare, partecipare e proporre.
Bisogna ancora attendere gli impegni scritti del Politecnico per capire il rapporto costi/benefici dell'operazione, per cui entrare nel vivo del dibattito adesso è ancora prematuro.

Indipendentemente dai  giudizi di cittadini e partiti sull'operazione,  una cosa è sicura: qualsiasi decisione verrà presa, non potrà cadere sulla testa della gente, ma dovrà essere frutto di una partecipazione della cittadinanza. Questo progetto potrà quindi essere il principio di una nuova fase di impegno dell'amministrazione pubblica verso i cittadini, così anche come  specificato nella delibera del CdZ3 del dicembre 2011. Noi di z3xmi saremo a fianco di ogni iniziativa rivolta alla partecipazione attiva della cittadinanza e metteremo a disposizione dei cittadini il nostro apporto affinché venga fornita l'informazione necessaria per una valutazione consapevole.


Tags:
piscina Ponzio

Commenta

Re: Il Politecnico ci riprova con la Piscina Ponzio
10/06/2014 Mark
ma per ridure le dimensioni della vasca in inverno va usato un'asta che puo essere spostato (vedi il link http://www.ftleisure.co.uk/aquaterrbrochure/#/3/zoomed )


Re: Il Politecnico ci riprova con la Piscina Ponzio
09/10/2013 Paola
Teneteci informati e dateci indicazioni chiare su cosa succederà di giardinetti e piscina - luoghi molto utilizzati da bambini e genitori della zona.
Dalla foto che avete pubblicato, l'ingombro del nuovo fabbricato sembra molto modesto. Si fatica a credere che l'impatto sia così piccolo - oltre a immaginare che sarà necessaria tutta una zona antistante l'area che eroderà i giardini pubblici.

La foto in bianco e nero mostra una bellissima area d'uso pubblico che vorremmo continuasse a vivere. Restate fedeli a quella filosofia.


Re: Il Politecnico ci riprova con la Piscina Ponzio
25/09/2013 luca
Gentili Signori
mi risulterebbe che in luglio il politecnico abbia richiesto autorizzazione ad un non ben identificato ministero ed alla commissione urbanistica della zona tre per ottenere i fondi necessari all'attuazione dello stesso. Detto progetto prevede la costruzione di un edificio di 3 (tre) piani con servizi accessori (mensa e libreria) nei locali destinati a spogliatoio per la piscina. Da quanto precede, rilevo immediatamente che nella suddetta immagine, non si rilevi quest'ultimo aspetto: l'utilizzo esclusivo del politecnico dell'edificio di entrata nel parchetto. Inoltre non è chiaro come riescano a costruire un edificio alto presumibilmente almeno 9 metri in uno spazio che appare nel progetto largo non più di 4. Rilevo inoltre, per l'ennesima volta, come si voglia fare passare questa appropriazione di uno spazio pubblico come atto di intervento benefico per la comunità. Faccio presente che gli abitanti della zona richiedono da anni quella manutenzione che solo adesso si prospetta, in cambio però della cessione dello stesso spazio pubblico.

Mi piacerebbe leggere il commento del nostro Sindaco, di cui ben conosciamo la sensibilità sull'argomento.


Re: Il Politecnico ci riprova con la Piscina Ponzio
07/09/2013 anna
Mi sono guardata i giardinetti bene in questi giorni ed anche la planimetria con la proposta del Politecnico. Quanto dei giardini attuali verrebbe sottratto alla destinazione giardini? La striscia che viene segnata in giallo e' bella stretta, certo non sufficiente per realizzare una stecca abitativa con i servizi annessi che sono necessari. Inoltre le finestre dell'edificio dove si affaccerebbero? Ed eventuali vie di fuga dove le metterebbero?
Credo che basterebbe contare quanti fra bambini e adulti sono presenti ai giardini in una giornata di bel tempo per capire che l'ipotesi di una diminuzione di spazio cortisisce un grave danno.
Perche' si deve per forza penalizzare il giardino per creare un servizio per il Campus. Non puo' certo avere la pretesa il Politecnico di accorparsi delle aree per migliorare i suoi servizi e le sue offerte ai danni di tutti gli abitanti della zona.
Inoltre perche' il Comune non sta facendo nessuna opera di manutenzione alla pavimentazione che e' dissestata da tempo? Aspetta forse che i "giochi" siano fatti per fare andare giu' alla gente la sistemazione nuova contro la riduzione di superficie?


Re: Il Politecnico ci riprova con la Piscina Ponzio
25/08/2013 anna
Credo che l'interesse del Politecnico sia strumentale ad appropriarsi dell'area che inserisce in tutte le sue cartine nella zona Campus Politecnico.
Gli studenti, bisognosi e/o meritevoli che siamo, possono benissimo farsi un tragitto in bus e/o biciletta da altre "location" meno vicine. Peche' il Politecnico non si crea un bel polo parcheggi auto da qualche parte e istituisce una bella navetta che collega piazza Leonardo e libera la zona dall'invasione delle auto?
La Zona tre non e' fatta solo di studenti dell'universita' e Campus, ma soprattutto di gente che abita la zona e ha sicuramente delle necessita' che vanno oltre le mani lunghe.Per fare un esempio: bambini che vanno a scuola e frequentano i giardini e la piazza leonardo, anziani che magari vorrebbero un centro aggregativo vicino.
Forse sarebbe bene verificare le vere necessita' di chi abita a Milano e ci paga le tasse e non solo chi la frequentera' e poi se ne andra'.


Re: Il Politecnico ci riprova con la Piscina Ponzio
31/07/2013 Giovanni
Un grazie a Paolo Morandi per tenerci aggiornati. Ricordo anch'io la mobilitazione di cittadini del 2011.
In generale mi domando perché, con tutti gli edifici inutilizzati nella zona (si menzionava l'ex CNR; aggiungo il Best che potrebbe essere trasferito a Sesto), sia necessario costruirne di nuovi.


Re: Il Politecnico ci riprova con la Piscina Ponzio
20/07/2013 Paolo Morandi
Gentile Michele,
l'ex CNR è un edificio privato. Il fatto è che il bando del MIUR chiede la realizzazine sia di almeno 70 posti letto, ma anche di servizi, per questo l'attenzione del PoliMi si è rivolta sull'area Ponzio.

Incontrando varie persone si è sentita l'esigenza di promuovere un comitato di cittadini per promuovere iniziative di informazione su quello che succede alla piscina Romano. Nel caso fosse interessato ci scriva.


Re: Il Politecnico ci riprova con la Piscina Ponzio
18/07/2013 Michele
Il tema torna alla ribalta in periodo balneare, as usual, e già questo appare sospetto.
Al di là dei sospetti ideale sarebbe che si riuscissero a conciliare le esigenze della collettività con le esigenze private. Mi domando ad esempio perchè non provare, da parte del Poli, a cambiare obiettivo magari puntando alla riqualificazione del complesso ex CNR di via Ampere, in abbandono da anni, che dista forse 100 m dalla piscina Romano e dai suoi giardinetti. Certamente la zona non è meno prestigiosa e probabilmente l'entità degli interventi da fare è paragonabile se non inferiore visto che i manufatti presenti su quell'area sono certamente più recenti.
Nel 2011 la notizia aveva provocato una reazione pronta a compatta di molti abitanti e genitori della zona, bello sarebbe rinnovare questo spirito critico e, aiutati magari dal consiglio di zona, avanzare proposte alternative che contribuiscano alla salvaguardia ed al rinnovamento delle risorse che già esistono nel quartiere.


Re: Il Politecnico ci riprova con la Piscina Ponzio
17/07/2013
sono molto interessata allo sviluppo della
situazione piscina Romano. vorrei saperne
qualcosa di più , ad esempio cosa si prevede
per gli attuali spogliatoi sulla via Ampere
è questo lo spazio che dovrebbe essere acquisito dal Politecnico? pensate che bello
se ci si facesse una piscina coperta!
grazie Donatella


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha