E’ partita la Zona C!


Riflessioni e impressioni al varco di Porta Venezia.
()

area c 1Ecco, finalmente ci siamo. Entra in vigore l’Area C.
Il Comune questa volta ha comunicato abbastanza bene, mi sembra.
La lettera del Sindaco è arrivata a 700.000 famiglie, manifesti e volantini si sono visti.
E ci mancherebbe altro, data la spesa di 400.000 euro per la campagna di informazione a carico del dissestato bilancio comunale. I Tg regionali della Rai hanno informato in modo sostanzialmente corretto ed anche su internet il tema è stato molto trattato.

I contrari non mancano certo, ovviamente: i residenti del centro protestano, hanno formato un’associazione che annuncia il ricorso al Tar se non addirittura alla Suprema corte e l’Unione del Commercio paventa la fuga dei clienti da Milano versi i centri commerciali dell’hinterland. Per ricordare le due principali polemiche, quelle più cavalcate dalla sconquassata destra cittadina ansiosa di trovare appigli per recuperare appeal presso il proprio elettorato.Non si può ignorare neppure che in città girino, e non poco, anche le solite idee che “tanto non serve a niente”, “è solo una tassa in più”, “lo sappiamo che fine faranno quei soldi” e via mugugnando. Sono idee da bar sport certo, ma non per questo meno pericolose.

Il tema è senz’altro cruciale per la Giunta di centrosinistra alla sua seconda iniziativa di impatto sulla vita e la quotidianità di Milano, dopo l’aumento del biglietto Atm.

Ciò che fa Milano ha sempre anche un significato simbolico. Spesso prefigura il futuro di tutto il paese. Non a caso Pisapia è andato da Fazio il sabato prima dell’ora X, (o C se si preferisce), come fosse la chiusura di una campagna, non elettorale ma certo assai importante.

Ha risposto bene il Sindaco alle sensate obiezioni di Fazio. Si è potuto cogliere, seppur nelle difficili condizioni di oggi, una certa capacità di guardare al futuro. Bisognava pur cominciare e si è cominciato. Una volta nei cinema si poteva fumare – ci ha ricordato Giuliano - e il divieto scatenò furibonde proteste. Un paragone efficace! Adesso è perfino impensabile. Chi vorrebbe tornare indietro se non qualche tabagista accanito? Ma potrà avvenire lo stesso con l’auto privata, che è stata ed è ancora l’ideale, il modello di un’epoca storica? Potrà essere proprio Milano la prima città italiana a cambiare davvero il paradigma della nostra mobilità, della stessa nostra concezione di libertà come cittadini dell’Occidente? Avrà i mezzi, la cultura, la lungimiranza per farlo? Il Sindaco ha affermato che da oggi ci sono 90.000 “posti in più” sui mezzi Atm. Non è una semplice tassa, ha anche detto, perché quei fondi serviranno a realizzare le varie modalità alternative. Speriamo, viene da dire pensando al bilancio del Comune. Milano è una città pragmatica, certamente. Ma anche piuttosto incarognita, per certi aspetti. Vuole toccare con mano, e giustamente. C’è da essere certi che poi giudicherà, anche severamente se sarà ancora delusa.

Ma come sta entrando nei comportamenti dei milanesi questa misura?

Anch’io, nel mio piccolo ho sentito il bisogno di andare a toccare con mano, di raccogliere qualche impressione. Così mi sono recato il giorno dell’entrata in vigore, circa alle nove, al varco di porta Venezia. Avvicinandomi, all’altezza di via Spallanzani una signora tutta imbacuccata litigava col suo motorino che non voleva saperne di ripartire. Diceva “mannaggia a Pisapia”. Perché? Perché ha dovuto lasciare la macchina ed usare questo trabiccolo, dato che Milano fa schifo, ma con tre figli non se ne può andar via come han fatto tutte le sue amiche! Però, richiesta del suo parere sul provvedimento, ha detto che “non basta perché dovrebbe essere più esteso!” Mi è sembrato un buon segno.

Al varco c’era parecchio movimento. Una nutrita pattuglia di Vigili urbani, una o due troupestelevisive, un bel po’ di fotografi. Ed anche una ragazza, con tanto di pettorina “Zona C” a dar via i volantini del Comune. Ne hanno contrattate una ventina, mi ha detto, per dare informazioni, dalle 8 alle 13, fino a fine gennaio.

Il flusso sembra assolutamente normale, anche a detta dei vigili urbani. Molto gentili, rispondono agli automobilisti che chiedono informazioni. Son qui praticamente solo per quello. Non devono né multare, né controllare. Fan tutto le macchine, appostate senza modifiche apparenti, negli stessi punti del vecchio Ecopass. Due belle signore, a bordo di un Suv Bmw, imboccano Corso Venezia e si accorgono di star entrando nella no fly zone. Si fermano, dicono che non sapevano. E i vigili le aiutano, probabilmente violando tre o quattro articoli del Codice della strada, a fare marcia indietro e tornare sulla linea dei bastioni. Non sarà perché si trattava appunto di due belle signore? Ma no!Honni soit qui mal y pense, perché succede ancora e ancora. Un macchinone, che questa volta blocca anche la svolta di un autobus turistico, che a sua volta blocca tutta la strada, trasporta quattro signori, forse banchieri a giudicare dal taglio degli abiti. E i vigili, sempre gentilissimi, aiutano per un’altra retromarcia ancora più borderline. Possibile che anche un banchiere per non scucire 5 euro preferisca sottoporsi a torsioni pericolose? Sarà l’abitudine.

Un signore anziano, elegante, si ferma, scende per chiedere informazioni. E’ residente in centro e ha il dubbio se deve pagare. Ma la sua auto è ibrida. Elettrica e, che so, all’idrogeno forse. Ma no che non deve pagare, beato lui. Gli chiedo se comunque è d’accordo col provvedimento e mi dice di no. Non serve a niente. Le idee sono libere, ma avrebbe un’auto elettrica adesso senza limitazioni del traffico? Intanto un notevole numero di auto provenienti da Corso Buenos Aires per evitare di passare dal varco svolta a sinistra su viale Maino malgrado il divieto. I vigili non aspettano al varco. Guardano e tollerano.

Ai me temp i ghisa l’eren pussé dur, dico al capo pattuglia. Se dovessimo dare tutte le multe alla sera avremmo la mano slogata, mi risponde con bell’accento siciliano. Si, però …

La ragazza dei volantini è talmente infreddolita che chi vuole averne uno deve proprio andare da lei e sfilarglielo dalle mani. Insomma tutto abbastanza normale, nel primo giorno della rivoluzione.

Andando via l’unica nota sgradevole. All’inizio del Corso, verso via Panfilo Castaldi c’è un banchetto di Berlusconi-Popolo della libertà, con tanto di bandiere. Raccolgono le firme contro. Sarà perché fa freddo, ma non se li fila quasi nessuno. Sono tosti, se hanno ancora il coraggio di farsi vedere.



Tags:
area c, congestion charge

Commenta

Re: E’ partita la Zona C !
19/01/2012 monica cristilli
Grazie Pisapia,
una scelta difficile ma necessaria
Spero sia solo la prima di una lunga serie di decisioni per rendere questa città così bella vivibile e godibile
in bicicletta, a piedi senza sentirsi soffocare dai gas di scarico delle macchine e senza sentirsi schiacciati da questa presenza ingombrante di inutili scatole sempre più grandi.

GRAZIE ANCORA PISAPIA


Re: E’ partita la Zona C !
18/01/2012 franco calamida
Tutto bene per l'area C , una svolta importantissima . Bene anche l'assemblea al teatro Puccini di domenica : confronto vero tra istituzioni e cittadini , con la presenza e partecipazione di associazioni e partiti . Quasi nessuno però , negli interventi , ha citato la chiusura domenicale di C.so Buenos Aires . Questa decisione , non ancora assunta dal CDZ e dalla giunta , collocherebbe nel nuovo approccio ai problemi della salute e vivibilità ( area C ) anche la nostra zona . La chiusura domenicale ( tutte le domeniche) di C.so Buenos Aires e la realizzazione di aree pedonali in zona nelle stesse proporzioni del centro città , è nel programma di zona tre della coalizione di centrosinistra. E' un impegno assunto con gli elettori.


Re: E’ partita la Zona C !
18/01/2012 laura
Bene anche sui mezzi pubblici, in questi giorni non solo non ci sono stati problemi legati ad un maggior afflusso di passeggeri, ma oserei dire che viaggio anche più comoda.
Avevo una gran paura di dover sgomitare per prendere la MM2, ma la paura era del tutto ingiustificata :)


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha