Non c’è futuro senza vicinanza

Due riflessioni di Marco Revelli e Ezio Bosso sulla natura e sul futuro dell’uomo. ()

SC4 Flavio Ianniello 1148x765Vorremmo oggi mettere insieme un articolo di Marco Revelli, pubblicato su Volere la luna, e una delle ultime interviste di Ezio Bosso a "Propaganda live" (dalla pagina Instagram di Roberto Saviano).

L’articolo di Revelli racconta di un clima mortifero che sempre più ritorna durante questa pandemia. Quel clima tipico della cultura fascista, fatto di pessimismo antropologico, disperazione culturale, desertificazione del moderno.

La via d’uscita identificata da Revelli, la creazione di una comunità dei fragili, è la stessa raccontata in maniera potente e straordinaria da Ezio Bosso. La musica, l’arte, la bellezza, come unico strumento per superare quel pessimismo antropologico e quel deserto dell’anima, e ritrovare piena comunione con sé stessi, gli altri e la Natura.

“Non c’è futuro senza vicinanza, senza lo stare insieme. Uno dei nostri ruoli, del ruolo dell’arte, della musica, sarà quello di educare e con dolcezza di accompagnare a quella che è la nostra natura”.


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha