Nasce il manifesto umanità o indifferenza

Diamo vita a un Movimento per la felicità delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi ()

umanita vs indifferenza

Ci siamo, è giunta l’ora di mettersi in movimento. Il percorso di "E tu da che parte stai" è arrivato alla sua... partenza.

Mercoledì 19 giugno dalle 19.00 alle 23.00 presso il CAM di corso Garibaldi 27, Milano, verrà presentato il Manifesto ‘Umanità o Indifferenza’, un documento che racchiude le intenzioni per generare felicità nelle scuole e nelle vite delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi. Il proposito della serata è presentarlo per la prima volta anche nel suo formato fisico, condividerlo e soprattutto firmarlo, scegliere di diffonderlo e impegnarsi a presidiarne i temi.
La giornata del 5 maggio all’Umanitaria, con quasi 1000 presenze di pubblico, gli incontri e le riflessioni di quel giorno e gli appuntamenti successivi in cui sono stati elaborati i contenuti raccolti, hanno portato alla nascita del Manifesto “Umanità o Indifferenza”.
La prima firma sotto il Manifesto sarà quella di Liliana Segre, una donna che ha provato sulla propria pelle l’indifferenza e che ancora oggi continua a contrastarla; seguiranno le firme di tutte le persone che sono già pronte a sottoscriverlo, e dei sostenitori più noti come Gino Strada, Paola Crestani, Cesare Moreno, Massimo Cirri, Arianna Scommegna, Debora Villa, Rossana Mola, Gianni Biondillo, Zita Dazzi, Liliana Moro, Franco Lorenzoni.
All’evento sarà presente Beppe Sala, sindaco del Comune di Milano, perché è importante l’impegno degli amministratori pubblici contro l’indifferenza.
Il Manifesto, sottoscrivibile quella sera stessa, è la carta dei valori per la nascita di un Movimento che vuole diffondersi in tutta Italia e agire concretamente perché abbia luogo una rivoluzione educativa, basata sui principi universali che mettono profondamente in relazione gli esseri umani: il rispetto verso l’altro, la Nonviolenza come strumento di comunicazione e risoluzione delle conflittualità, la valorizzazione delle differenze come leva per motivare a essere partecipi del proprio progetto di vita, in una visione sociale di partecipazione, inclusione, cittadinanza globale.

11 sono i temi che attraversano il Manifesto, primo tra tutti l’importanza delle relazioni umane e a seguire il diritto al gioco libero, il diritto all'errore, la centralità di linguaggi portatori di trasformazione culturale come la narrazione, il teatro e la musica, l'educazione alla sessualità, l'allenamento dell'intelligenza emotiva, l’attenzione ai generi e all’ambiente, lo sviluppo delle competenze degli adulti, il diritto alla cittadinanza.

Temi che non possono e non devono rimanere isolati nella sensibilità personale di pochi, ma trovare ampio spazio nelle scuole e nelle vite di tutti i bambini, le bambine, i ragazzi e le ragazze.

Nel Manifesto si legge: ‘Firmare il manifesto Umanità o indifferenza è un atto politico perché esprime la volontà di presidiare i suoi temi nella vita personale e professionale.
È esprimere il bisogno e la volontà di raccontare la scuola, l’infanzia, l’adolescenza, andando oltre i luoghi comuni e i fatti di cronaca, con mente coraggiosa, capace di guardare da vicino e di vedere.

Firmare il manifesto è assumere l’impegno a fare proprio uno sguardo umano sulle giovani persone, capace di connettersi con le loro esperienze.’

L’art direction è curata da Altavia Italia.
L’evento è realizzato in collaborazione con Radio Popolare

COME FIRMARE

E’ possibile firmare il manifesto la sera dell’evento, oppure sul sito www.etudachepartestai.it

----------------------------------------

COME E’ NATO IL MANIFESTO

Il percorso di ‘E tu da che parte stai? Umanità o indifferenza’ è nato a Milano nei primi mesi del 2019, da un gruppo di donne e uomini sensibili al tema della felicità di bambine, bambini, ragazze e ragazzi, e impegnati quotidianamente per la loro crescita a scuola, nei quartieri e nelle città.
Il 5 maggio 2019 all’Umanitaria di Milano un migliaio di persone di tutte le età ha accolto l’invito del gruppo di E tu da che parte stai? a incontrarsi per riflettere, manifestare il proprio pensiero, testimoniare, proporre idee, contenuti e pratiche quotidiane sulla felicità delle nuove generazioni: sono stati insegnanti, educatori, operatori sociali, artisti, amministratori pubblici, genitori, bambine, bambini, ragazze e ragazzi, numerose associazioni attive sul territorio e personalità di spicco del mondo educativo e sociale, tra cui il pedagogista Daniele Novara, la ricercatrice dell’Università Bicocca Monica Guerra, il filosofo Giovanni Mari ed il maestro di strada Cesare Moreno. Il Manifesto è l’esito di quella straordinaria giornata.

www.etudachepartestai.it
manifesto@etudachepartestai.it
https://www.facebook.com/events/430539147782298/


Mercoledì 19 giugno 2019
Ore 19.00 -23.00
CAM Garibaldi, corso Garibaldi 27 - Milano





Articoli o termini correlati

E tu da che parte stai? (Pro e contro)

Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha