Oro verde. C’era una volta in Colombia

Tra il 1968 e il 1980 si consuma, in un’escalation di violenza e di morte, l’ascesa e la caduta di una famiglia ancestrale che cerca emancipazione attraverso il narcotraffico. ()

oro verde immagineIn una zona desertica della Colombia i cui abitanti sono ancora legati alla ritualità tribale e al magismo simbolico, la voglia di emancipazione e di affrancamento dalla povertà trova la strada del commercio della droga, in un crescendo di avidità e di potere che, inesorabilmente, conduce alla catastrofe.
La violenza, che è uno degli elementi costitutivi di un mondo primitivo, trova espressione conclamata attraverso la sopraffazione e l’avidità umana.
Al centro della vicenda, assoluta protagonista di un’epocale faida familiare, si colloca la figura di una matriarca che rappresenta le tradizioni e la loro trasmissione.
Dalla strage annunciata si salva una ragazzina che, acquistate tre capre, va alla ricerca di un posto in cui poter vivere lontana dalla violenza e dalla paura.
Una pioggia liberatoria e purificatrice chiude il film e lascia, forse, qualche barlume di speranza.
I registi Cristina Gallego e Ciro Guerra suddividono il racconto in cinque canti e confezionano un poema epico di grande forza emotiva e visionaria, anche attraverso l’immediatezza non alterata dei personaggi e una capacità narrativa di assoluto interesse.
Non è certo un caso che siamo negli stessi scenari umani di “Cent’anni di solitudine”.

p.s. Il titolo originale suona “Pàjaros de verano” (Uccelli estivi). I distributori italiani potevano almeno risparmiarsi il sottotitolo.

In programmazione al Cinema Palestrina

(Massimo Cecconi)


Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha