Città Studi. L’elezione del nuovo rettore della Statale. Una vittoria della democrazia.

Rovesciando tutti i pronostici che davano favorito il candidato sponsorizzato dall’ex-rettore Vago sarà il professore Elio Franzini a guidare l’Università Statale per i prossimi sei anni. ()

elio franziniUn’elezione accolta con grande soddisfazione quella del nuovo rettore e non solo da quanti all'Interno dell’Università lo hanno votato, ma anche dai tanti cittadini del Municipio 3 che, a partire dall’ottobre 2016, hanno seguito con passione la vicenda del trasferimento delle facoltà scientifiche sin da quando Vago e Azzone, ex rettore del Politecnico e amministratore di Arexpo. annunciarono l’intenzione di lasciare Città Studi con un investimento di 340-380? milioni di euro nell’area ex-Expo

C’è più di un buon motivo per rallegrarsi per la mancata elezione del pupillo di Vago, che ora andrà a fare il consulente per il presidente della regione Lombardia.

Innanzitutto il nuovo rettore ha sempre dimostrato di non poter accettare a scatola chiusa una decisione che suscitava forti perplessità; si dava per scontato che il trasferimento fosse necessario poiché la vetustà degli edifici di Città Studi avrebbe comportato oneri di ristrutturazione superiori a quelli da sostenere per realizzare un nuovo campus nell’area Expo, nonostante si prospettasse un impegno economico assai rilevante, in assenza di un serio studio di fattibilità tecnico-economico-ambientale, che ponesse a confronto vantaggi e svantaggi del trasferimento in blocco delle facoltà scientifiche.

Non vogliamo qui rimettere in discussione le ragioni a favore o contro il trasferimento, come è purtroppo avvenuto a causa dell’assoluta indisponibilità del rettore Vago ad un confronto democratico con le parti in causa, docenti,studenti, lavoratori e cittadini, indisponibilità suffragata anche dall’atteggiamento dell’assesore comunale Maran, deciso sostenitore del trasferimento. Basta rilevare che il nuovo rettore non ha posto pregiudiziali alle scelte da compiere, che verranno valutate di concerto con tutte le componenti in gioco, in modo aperto e trasparente, avendo di mira il primario interesse dell’istituzione universitaria e della città.

E ciò basta a valutare da parte dei cittadini con piena soddisfazione l’esito di queste elezioni.

Ma oltre a questo è ancor più importante, mi pare, rilevare che abbiamo potuto assistere alla sconfitta di quella modalità di conduzione delle istituzioni, ben radicata ormai nella cosa pubblica, per cui chi amministra ritiene di imporre decisioni e scelte già determinate al di fuori di ogni aperto e trasparente confronto e rendiconto pubblico.

E altrettanto importante è il fatto che questa sconfitta è stata resa possibile dalla partecipazione del corpo sociale, altri direbbero degli “stakeholders”, locuzione che trovo terribile in questo contesto.
Credo sia indubbio che senza il movimento di partecipazione attiva innescato da alcuni comitati locali e studenteschi della nostra zona sarebbe stato assai arduo smuovere la situazione di asservimento ai voleri superiori che contraddistingue il mondo accademico italiano, e ahimè non solo quello.

Altro fatto degno di nota è che si è trattato di vera partecipazione dei cittadini, nata spontaneamente per chiedere conto delle decisioni del potere, non della partecipazione che il potere vuol gestire per assecondare i propri obiettivi, come ad esempio mi pare stia succedendo per la questione riapertura dei Navigli, dove l’assessore delegato alla consultazione pubblica si dichiara a favore della riapertura dei Navigli, pur avendo il compito di gestire unilateralmente tale consultazione.

Non è un buon inizio del non meglio precisato schema di “dibattito pubblico” che si è scelto di utilizzare.


Commenta

Re: Città Studi.
05/07/2018 Michele Sacerdoti
La modalità di elezione del rettore prevede un secondo
turno in cui un candidato può ritirarsi e
un terzo turno di ballottaggio.
Al secondo turno Abbracchio ha dichiarato pubblicamente di
ritirarsi e sostenere Franzini in pubbliche assemblee.
Nessun accordo sottobanco. Dr Luca non ha voluto allearsi
con Abbracchio.
La maggioranza del Senato Accademico che ha votato a
favore del trasferimento non era rappresentativa dei
docenti, studenti e personale amministrativo.
Vago non ha mai voluto fare un referendum interno sullo spostamento a Expo preferendo
ottenere il sostegno del solo senato accademico.
Il vero referendum è stata la votazione del nuovo rettore.


Re: Città Studi. L’elezione del nuovo rettore della Statale. Una vittoria della democrazia.
04/07/2018 Paolo
Non sono d accordo con questi toni trionfalistici sul elezione del rettore, sembra che la decisione di trasferimento L abbia presa Vago da solo cosa che ovviamente è errata visto che c è comunque una maggioranza che L ha votata, poi le modalità di elezione del nuovo rettore sono state un pessimo inizio visto che hanno comportato un accordo sottobanco tra i due candidati perdenti! Altro che democrazia!


 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha