In scena, in zona - 5

Tra fine febbraio e i primi di marzo sui palchi dei teatri della nostra zona. Come sempre una buona occasione per concedersi una serata (o più) a teatro… ()

la paranza dei bambini immagineDal 22 febbraio al 4 marzo è in scena al Teatro Leonardo /MTM-Manifatture teatrali milanesi “La paranza dei bambini” di Roberto Saviano e Mario Gelardi che ne cura anche la regia. La “paranza” nel gergo della camorra è un gruppo criminale di “pesci piccoli”. Il dramma dei giovanissimi legati alla malavita napoletana tratta dal libro di Saviano.

Lo Spazio Teatro No’hma, il 21 e 22 febbraio, propone “Il marine” per la drammaturgia e la regia di Marco Rampoldi. La vicenda vera che risale alla guerra del Vietnam di un giovane marine di origini italiane. Per riflettere sulla guerra e sulle sue conseguenze.

A Campo Teatrale dal 28 febbraio al 3 marzo, in scena “Il vecchio principe” in cui “César Brie rilegge la favola di Saint Exupéry rivolgendosi ad adulti e bambini con uno spettacolo tenero e sognante”. Il potere evocativo delle favole.

L’Elfo Puccini propone nelle sue tre sale altrettanti spettacoli di particolare spessore.
Si parte il 20 febbraio (sino al 25) con “Il padre” di August Strindberg, prolifico autore svedese, per la regia e l’interpretazione di Gabriele Lavia. Una tragedia familiare raccontata attraverso uno scambio dei ruoli in una società (siamo alla fine dell’800) che sta mettendo in dubbio il ruolo tradizionale del padre.
Afferma Lavia:” Strindberg scrive una tragedia classica che, come ogni tragedia, racconta una caduta fatale. Qui, è il precipitare della potenza dell’uomo e la crudele sopraffazione da parte della donna”.
Dal 22 febbraio al 18 marzo torna “Viva l’Italia- Le morti di Fausto e Iaio” di Roberto Scarpetti e la regia di César Brie. A 40 anni dall’assassinio al Casoretto dei due giovani studenti (18 marzo 1978), una necessaria riflessione sulla perversione di tutti i fascismi. Per non dimenticare.
Ritorna anche “Road Movie” di Godfrey Hamilton con la regia di Sandro Mabellini. In scena Angelo Di Genio, uno dei giovani attori emergenti del nostro teatro, in un monologo intenso che ripercorre coast to coast un viaggio dell’anima.

Il Teatro Menotti ospita dal 20 al 25 febbraio una produzione del Teatro Stabile di Catania.
“Il giuramento” di Claudio Fava per la regia di Ninni Bruschetta rievoca una delle pagine più infami della nostra storia: nel 1931 il regime fascista impose a tutti i professori universitari un giuramento di fedeltà al Duce. Solo 12 docenti su 1238 si rifiutarono di giurare. Affinché la storia non si ripeta.
Chiudiamo queste segnalazioni con “Dirlo a nessuno” di Chiara Boscaro e Marco Di Stefano, che ne è anche il regista, in scena dal 22 febbraio all’11 marzo al Teatro Martinitt. Una commedia in cui tre personaggi sono alla ricerca delle verità più intime di se stessi. Per sorridere con ironia.
E non dimenticate che andare a teatro fa bene allo spirito e alla mente.

Per saperne di più:
campoteatrale.it
elfo.org
mtmteatro.it
nohma.org
teatromartinitt.it
teatromenotti.org




Commenta

 
 Rispondi a questo messaggio
 Nome:
 Indirizzo email:
 Titolo:
Prevenzione Spam:
Per favore, reinserire il codice riportato nell'immagine.
Questo codice serve a bloccare i tentativi di inserimento automatici.
CAPTCHA - click right for audio Play Captcha